mercoledì 21 Ottobre 2020

Alleviare le fatiche di chi ci aiuta
A

Immagino che dobbiamo alleviare le tante fatiche di chi ci aiuta, oggi più che mai. Non penso in questo caso alla straordinaria dedizione del personale sanitario. Mi riferisco piuttosto a chi, come genitore, volontario od operatore, cura e protegge: donne e uomini che in famiglia o nei tanti servizi alla persona garantiscono la tenuta dei legami sociali, l’educazione, l’aiuto materiale, psicologico e spirituale, relazioni di fiducia, capitale sociale immateriale.

Lo sconvolgimento dei tempi di vita e di lavoro deve portarci, in questi mesi, ad aiutare le famiglie non solo sul piano della tenuta economica. Serve continuità nel permettere congedi parentali e servizi diurni per i minori (specie se con disabilità) al domicilio o all’aperto in piccoli gruppi. E occorre riprendere, approvare e finanziare la proposta di legge PD per l’assegno unico e la dote unica per i figli, pronta a essere votata alla Camera.

Gli enti del terzo settore meritano una speciale considerazione nel prossimo decreto. Occorre assicurare il pagamento dei corrispettivi per i servizi sospesi e la loro riconversione; prorogare e ridefinire i contratti in essere con le pubbliche Amministrazioni; garantire liquidità e rimborsi spese al terzo settore non imprenditoriale; sbloccare le quote del 5×1000; rafforzare il Servizio civile; far incontrare domanda e offerta di volontariato.

I servizi sociali dei Comuni vanno potenziati, con l’incremento in particolare delle professioni sociali. Ne servono di più anche in sanità, per il contrasto alle dipendenze, la salute mentale, la disabilità, le cure palliative, l’assistenza ai non autosufficienti.

Quanto poi alle situazioni di fragilità, servono risorse per occuparsi meglio delle persone senza fissa dimora e per realizzare con capillarità la distribuzione di generi alimentari. Spero si valuti la concessione di un permesso di soggiorno per motivi di lavoro alle assistenti familiari straniere che si occupano dei nostri anziani o disabili, a condizione che il datore di lavoro regolarizzi la situazione pregressa e versi anticipatamente alcuni contributi. Penso a un nuovo modello ispirato alla legge 285 e su tutto il territorio nazionale, dedicato ai minori in difficoltà o a rischio di esclusione, gestito insieme da servizi sociali, sanitari, scuola, autorità giudiziarie e terzo settore.

Tutto questo ci vuole da qui a poco, se vogliamo dar sollievo a chi si cura di noi e occuparci davvero di chi fa più fatica. Ma immagino anche un ripensamento complessivo su tutti questi temi. Con nuove leggi che diano una linea coraggiosa e lungimirante. Pensiamo solo all’esigenza di curare di più i nostri anziani a casa. Nulla sarà più come prima. Se non ora, o presto, quando?

Stefano Lepri, Responsabile Terzo Settore Segreteria Pd

Più letti

Da Papa Francesco parole rivoluzionarie, scalderanno il cuore di molti omosessuali credenti

In un documentario proiettato alla Festa del Cinema di Roma, sono contenute dichiarazioni rivoluzionarie di Papa Francesco sulla necessità di riconoscere le...

La lunga mano di Salvini in Lombardia congela anche il coprifuoco

Se voleste avere un piccolo assaggio di quello che sarebbe successo se a gestire la pandemia fosse stato Matteo Salvini, basta guardare...

Supereremo la seconda ondata con la cultura della responsabilità

Quello che abbiamo temuto sta avvenendo: una seconda ondata pandemica con crescita esponenziale dei contagi. Su cosa significhi “esponenziale” e su quanto...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Stefano, ammiro e approvo la proposta….Constato altresi la mancanza di sensibilità sociale della “casta” politica che non capisce di rendersi impopolare per avidità….. Perché non proporre una sostanziale raccolta solidale che potrebbe eliminare il distacco con gli elettori? Ciao

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...