mercoledì 14 Aprile 2021

Perché non possiamo fare a meno della bicicletta per ripartire
P

Si parla spesso di immaginare il futuro che presto arriverà e ci riporterà ad una semi normalità. Per farlo perché non ripartire dalle buone pratiche che c’erano ‘nella nostra vita precedente’, abbandonando per sempre ciò che non ci piaceva?

Sfidiamo chiunque a manifestare nostalgia per quelle code interminabili di macchine nelle nostre grandi città, il parcheggio selvaggio e la puzza di smog che ci circondava.

Pulita, economica, salutare e ‘naturalmente distanziata’ la bicicletta sembra essere il mezzo di locomozione più adatto per entrare nella tanto agognata ‘fase due’. Cosa manca alle nostre città per incentivarne l’uso? Da sempre il problema principale è la presenza di troppe macchine che rendono pericoloso guidare in sicurezza e la mancanza di piste ciclabili. Entrambi i problemi, ora, sembrano davvero risolvibili. Ma bisogna agire subito.

Una delle grandi paure è, infatti, la possibilità che, con il contingentamento degli accessi ai mezzi pubblici e la paura di potersi contagiare, i cittadini siano più predisposti a utilizzare un mezzo privato per spostarsi in città. In questo modo, non solo torneremo ad ingolfare le strade, ma potremo addirittura peggiorare la situazione delle polveri sottili e dell’inquinamento atmosferico, mettendo in atto un circolo vizioso davvero deleterio. Alcuni studi hanno ipotizzato infatti, che l’inquinamento sia il veicolo che fa muovere più velocemente il virus e, di certo, un apparato respiratorio compromesso può rendere più grave l’effetto del Covid sulla salute.

Come agire velocemente?

Legambiente ha presentato un piano in cinque punti ai sindaci italiani per riorganizzare la mobilità dell’immediato futuro. In primo luogo, rendere sicuri i mezzi pubblici, con tornelli e controlli per evitare gli affollamenti, sanificazione, mascherine obbligatorie e orari ripensati. Poi, realizzare piste ciclabili provvisorie su tutte le arterie principali, restringendo le carreggiate delle auto con strisce o barriere.

Gli esempi dal mondo ci indicano la strada per interventi praticamente a costo zero. Da Montepellier che ha inserito una striscia di vernice e cordoli di protezione con conetti provvisori a Berlino che ha allargato le piste ciclabili con nuove strisce laterali. Passando per Bogotà, capitale della Colombia che ha messo in piedi 76 chilometri di ciclabili in più per permettere ai cittadini di non accalcarsi sui mezzi pubblici. Anche a New York gli spostamenti in bici da marzo sono raddoppiati dopo l’invito del sindaco Bill De Blasio ad andare a piedi o pedalare, per evitare di contagiarsi su treni e metro. Per non parlare di Londra dove le compagnie di bike sharing hanno messo a disposizione biciclette gratis per far spostare medici ed infermieri evitando di prendere i mezzi pubblici.

E così la bici è diventata un’alleata nella lotta al Coronavirus. Un obiettivo possibile anche in Italia per mantenere l’aria pulita che abbiamo ‘riscoperto’ in questo periodo di quarantena e a cui non vogliamo più rinunciare.

Più letti

Calo delle nascite, ipoteca sul futuro. Con Elena Carnevali, Massimo Livi Bacci e Giorgia Serughetti

Il dodicesimo anno consecutivo di calo delle nascite, con accanto un dato che si è manifestato, in tutta la sua crudezza, per la prima...

Gagarin, sessant’anni dopo. Con Francesco Rea e Roberto Vittori

Sessant'anni fa per la prima volta l'uomo andava nello spazio. Era l'astronauta russo Yuri Gagarin.Ne parliamo a Contemporanea con l'astronauta Roberto Vittori e con il...

La ricostruzione dell’Aquila, un percorso da valorizzare assieme agli altri

Il 6 aprile scorso è stato celebrato il dodicesimo anniversario dal terremoto che ha devastato L’Aquila e molti borghi abruzzesi, causando oltre 300 vittime....

Si scrive vaccino, si legge geopolitica

Siamo ad un anno preciso dal primo lockdown in Italia per via dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Le nostre vite sono state stravolte in...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Cultura, turismo e tradizione: é la via del vino – Intervista a Dario Stefàno

Un vademecum su tutto quello che c’è da sapere sulla storia del vino, le potenzialità dell'enoturismo e il significato identitario che appartiene alla "bevanda...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

‘Arte, memoria, melodie silenziose: piantare il futuro’. Intervista a Paolo Fresu

È uno dei nostri musicisti più talentuosi ed autorevoli, ma è anche un artista, e un uomo, di grande sensibilità civile. La scorsa settimana...