sabato 26 Settembre 2020

Perché non possiamo fare a meno della bicicletta per ripartire
P

Si parla spesso di immaginare il futuro che presto arriverà e ci riporterà ad una semi normalità. Per farlo perché non ripartire dalle buone pratiche che c’erano ‘nella nostra vita precedente’, abbandonando per sempre ciò che non ci piaceva?

Sfidiamo chiunque a manifestare nostalgia per quelle code interminabili di macchine nelle nostre grandi città, il parcheggio selvaggio e la puzza di smog che ci circondava.

Pulita, economica, salutare e ‘naturalmente distanziata’ la bicicletta sembra essere il mezzo di locomozione più adatto per entrare nella tanto agognata ‘fase due’. Cosa manca alle nostre città per incentivarne l’uso? Da sempre il problema principale è la presenza di troppe macchine che rendono pericoloso guidare in sicurezza e la mancanza di piste ciclabili. Entrambi i problemi, ora, sembrano davvero risolvibili. Ma bisogna agire subito.

Una delle grandi paure è, infatti, la possibilità che, con il contingentamento degli accessi ai mezzi pubblici e la paura di potersi contagiare, i cittadini siano più predisposti a utilizzare un mezzo privato per spostarsi in città. In questo modo, non solo torneremo ad ingolfare le strade, ma potremo addirittura peggiorare la situazione delle polveri sottili e dell’inquinamento atmosferico, mettendo in atto un circolo vizioso davvero deleterio. Alcuni studi hanno ipotizzato infatti, che l’inquinamento sia il veicolo che fa muovere più velocemente il virus e, di certo, un apparato respiratorio compromesso può rendere più grave l’effetto del Covid sulla salute.

Come agire velocemente?

Legambiente ha presentato un piano in cinque punti ai sindaci italiani per riorganizzare la mobilità dell’immediato futuro. In primo luogo, rendere sicuri i mezzi pubblici, con tornelli e controlli per evitare gli affollamenti, sanificazione, mascherine obbligatorie e orari ripensati. Poi, realizzare piste ciclabili provvisorie su tutte le arterie principali, restringendo le carreggiate delle auto con strisce o barriere.

Gli esempi dal mondo ci indicano la strada per interventi praticamente a costo zero. Da Montepellier che ha inserito una striscia di vernice e cordoli di protezione con conetti provvisori a Berlino che ha allargato le piste ciclabili con nuove strisce laterali. Passando per Bogotà, capitale della Colombia che ha messo in piedi 76 chilometri di ciclabili in più per permettere ai cittadini di non accalcarsi sui mezzi pubblici. Anche a New York gli spostamenti in bici da marzo sono raddoppiati dopo l’invito del sindaco Bill De Blasio ad andare a piedi o pedalare, per evitare di contagiarsi su treni e metro. Per non parlare di Londra dove le compagnie di bike sharing hanno messo a disposizione biciclette gratis per far spostare medici ed infermieri evitando di prendere i mezzi pubblici.

E così la bici è diventata un’alleata nella lotta al Coronavirus. Un obiettivo possibile anche in Italia per mantenere l’aria pulita che abbiamo ‘riscoperto’ in questo periodo di quarantena e a cui non vogliamo più rinunciare.

Più letti

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Perché le donne elette sono ancora troppo poche e perché va superato il leaderismo tutto al maschile

Nonostante la doppia preferenza di genere prevista in tutte le regioni al voto tranne la Valle D'Aosta (che infatti segna il record...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...