giovedì 24 Settembre 2020

Non lasciamo nessuno spazio alle mafie, proteggiamo le nuove fragilità
N

La criminalità organizzata mafiosa ha sempre guardato ai momenti di crisi economica e sociale (fragilità delle persone, povertà, emarginazione, calamità naturali) come una grande occasione per fare affari ed espandere il proprio dominio.

Il Covid-19 ha creato purtroppo nuove fragilità e diseguaglianze (economiche, sociali e umane) e le organizzazioni mafiose si presentano come i “benefattori” che rendono servizi alle persone (abbiamo visto gruppi criminali organizzarsi per la spesa alle famiglie bisognose) e alle imprese (offrendo denaro liquido ad operatori economici in crisi di liquidità), occupando così spazi ove vi sono diritti negati.

Le organizzazioni criminali accumulano ingenti risorse di provenienza illecita che devono riciclare e quindi investire nel mercato legale. Per fare questo guardano da un lato, ai territori di origine come territori da presidiare, occupare e controllare (controllando quindi la qualità del consenso, e utilizzando le povertà come loro manovalanza anche per attività illecite) e dall’altro a nuovi territori nei quali cercano di rimanere sotto traccia, invisibili (anche se non sono mancati gravi reati, come omicidi) ma capaci di penetrare nuovi settori economici (quali il settore della sanità, acquisto di farmacia, settore dei servizi socio sanitati…). In questo modo vengono falsate le regole della libera concorrenza e viene danneggiata l’economia legale.

Lo sguardo al tema della prevenzione è importante e determinante. Le mafie devono essere indebolite dalla cultura della responsabilità a cui tutti siamo chiamati, e le istituzioni devono considerare centrale i presidi di legalità di cui il nostro Paese si è dotato. La legislazione antimafia e quella contro la corruzione dovrebbe diventare patrimonio culturale che traccia le politiche di sviluppo economico, sociale e umano. 

Oggi non dobbiamo farci trovare disattenti, nè possiamo accettare proposte di indebolimento delle procedure di trasparenza e di legalità che sono a tutela della buona economia e del lavoro e quindi della dignità delle persone. In questi momenti c’è sempre qualcuno che ci dice che la velocità della ripartenza non può sopportare tante regole. Al contrario la migliore velocità e qualità della ripartenza è garantita dalle regole di trasparenza condivise e dagli uomini e delle donne delle istituzioni capaci e coraggiosi nel prendere decisioni all’insegna del bene e dell’interesse comune.

Oggi abbiamo colto alcuni segnali. Alle vecchie povertà si sono aggiunte le nuove povertà (di chi ha perso il lavoro, di chi ha perso il senso di futuro, chi potrebbe perdere l’azienda, la propria attività) e le mafie si sono organizzate per offrire nuovi e vecchi servizi. 

In questo modo, le mafie, specialmente in alcuni quartieri e territori riaffermano il loro domino, il loro potere, e questo non solo rafforza la loro fama criminale ma nel contempo indebolisce la fiducia nelle istituzioni e quindi è importante che al servizio dei bisogni della gente e dei lavoratori ci siano le istituzioni.

Altro segnale pericoloso che abbiamo colto è quello che i piccoli imprenditori, gli artigiani che hanno sempre vissuto con i proventi del proprio lavoro e, in alcuni territori, hanno resistito per affermare la legalità, possono trovarsi senza liquidità con la paura di non poter riprendere la loro attività e della perdita di posti di lavoro. Anche in questi casi è importante che le risorse destinate agli imprenditori per la ripartenza siano riconosciuti ed elargiti con celerità, nel rispetto delle regole della tracciabilità e della loro destinazione. 

E’ necessario porre attenzione anche alle enormi ed ingenti risorse previste per far ripartire l’economia; le mafie osservano e studiano i “mercati”, i “nuovi settori di investimento”, in maniera silenziosa, per capire come organizzarsi per accaparrarsi risorse pubbliche che permettono loro di intrecciare relazioni utili per occupare nuovi territori di espansione. Quindi diventa centrale, ancora di più in questo momento, rafforzare la legalità, la trasparenza e i controlli preventivi e successivi sulla destinazione ed utilizzazione delle risorse pubbliche. 

In questo modo si rende più difficile alle mafie recuperare territorio e mercato e quindi condizionare la stessa ripresa economica.

Vincenza Rando è vicepresidente di Libera

Più letti

Le regionali e quell’onda verde che da sola non basta

I dati delle ultime elezioni regionali esprimono a mio giudizio un significativo paradosso. Le liste che a vario titolo...

Lega amica del cemento

La Regione Lombardia spostato 30 milioni dalle risorse pubbliche ai fondi immobiliari: oneri in gran parte utilizzati dall'amministrazione comunale per investimenti nei...

Decreti sicurezza, Mes e Recovery Plan. Avanti senza indugi

Archiviate le elezioni che, inevitabilmente, hanno sospeso i tempi della politica in una lunga attesa, è tempo di rimettersi in cammino. Non...

La cultura ci rende liberi, uguali e sovrani

Per tanti è ricominciata la scuola, per altri ricomincerà il 24, ma per tutti sarà un anno particolare, quello della pandemia globale,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...