lunedì 28 Settembre 2020

Nuove competenze green per rafforzare l’occupabilità
N

Per sfruttare appieno il potenziale occupazionale della transizione ad economie più rispettose dell’ambiente, è necessario sviluppare nuove competenze professionali. Questo è quanto veniva evidenziato, nel rapporto del 2011 “Skills for Green Jobs: A Global View” dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro – ILO. Ad oggi, purtroppo, le politiche in materia di competenze e le politiche ambientali sono ancora troppo spesso trattate separatamente e, anziché incoraggiare la formazione dei futuri lavoratori e la riqualificazione dei lavoratori di imprese cosiddette “brown”, si è preteso solo il mantenimento dei livelli occupazionali.

Vero che un cambiamento del profilo delle competenze delle professioni esistenti richiede sforzi significativi per quanto riguarda la revisione dei piani di studio, delle qualifiche accademiche e dei programmi di formazione esistenti, a tutti i livelli di istruzione e formazione, ma nella fase di ricostruzione di un’economia necessariamente orientata alla sostenibilità, è uno sforzo dovuto, altrimenti la carenza di competenze ostacolerebbe la ormai urgente transizione energetica.

Tra la rivoluzione industriale 4.0 e quella 5.0 deve esserci una rivoluzione ambientale, sociale ed ecologica volta a garantire una giusta transizione sia in relazione all’adeguamento dei sistemi di formazione e di istruzione, sia in tema di investimenti di politiche attive volte alla riqualificazione e alla creazione di nuovi posti di lavoro.

Oggi più che mai, dove le conseguenze di questa pandemia sono devastanti, dobbiamo utilizzare in modo ecologicamente resiliente i vantaggi di una riconversione energetica. Per sfruttare al meglio le opportunità create dal processo di de-carbonizzazione è necessario ripensare in chiave integrata e inclusiva una nuova organizzazione e cultura del lavoro. Potenzialmente, tutti i lavori possono essere più verdi e possono perseguire come valore comune la sicurezza e la salute dei lavoratori ma anche il benessere ambientale.

L’integrazione dello sviluppo sostenibile e la consapevolezza sulle tematiche ambientali a tutti i livelli dell’istruzione e della formazione – a partire dalla prima infanzia – contribuirà a modificare il comportamento dei consumatori e spingerà le forze del mercato a portare avanti piani sempre più sostenibilmente ambiziosi. Allo stesso tempo, però, le imprese devono investire e poter attingere alle competenze necessarie per lo sviluppo dei propri modelli economici, in quanto la possibilità di reclutare una forza lavoro qualificata costituisce una condizione chiave per l’innovazione e la competitività.

È necessario promuovere lo sviluppo di strategie di formazione nazionali sulla base di politiche industriali miranti alla riduzione delle emissioni a livello nazionale ed europeo; negoziare accordi per anticipare i bisogni di competenze specialmente nei settori e nelle loro filiere maggiormente interessati (edilizia, trasporti, automobilistico, manifatturiero ed energia); utilizzare i meccanismi di informazione e consultazione all’interno delle imprese, sia a livello nazionale che europeo, al fine di anticipare al meglio i cambiamenti strategici, economici e tecnologici e i relativi impatti su abilità e competenze; prevedere di includere nei rapporti di Responsabilità Sociale delle Imprese quanto compiuto in materia di formazione o riqualificazione dei lavoratori relativamente alle politiche climatiche ed energetiche. In poche parole: prevedere le competenze per rafforzare l’occupabilità.

Angelo Colombini è segretario Confederale della Cisl

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...