lunedì 28 Settembre 2020

Basta con Ztl aperte e parcheggi liberi: puntiamo sulla mobilità attiva
B

L’emergenza sanitaria ha introdotto un blocco dei movimenti di persone che non si era mai visto prima, e quindi ha fermato buona parte del traffico e ha frenato l’inquinamento, perché oggi i movimenti di persone corrispondono in gran parte a movimenti di veicoli a motore.

Le immagini dai satelliti ci hanno dato la percezione di un mondo più pulito, con una drastica riduzione dei gas-serra, cioè quello che si vuole fare da tempo, ma che non si è finora riusciti neppure a impostare. Allo stesso tempo, si è ridotta ai minimi termini l’emissione di polveri sottili, soprattutto il cosiddetto “particolato”, messo sotto accusa dagli scienziati, sia come elemento che indebolisce le difese dell’individuo, sia come veicolo di trasmissione del virus stesso. Su quest’ultimo aspetto, il “particolato” è stato definito da alcuni ricercatori come un “carrier”, cioè un sistema per portare il virus ben più lontano dalla distanza di 1-2 metri, prevista dal “distanziamento sociale”.

Il tema della mobilità è fondamentale, si tratta di un settore della vita con cui si ha a che fare quotidianamente, anche se in maniera diversa, con elementi variabili secondo il luogo in cui si vive, secondo l’età, secondo le abitudini e la mentalità.

Per fare un esempio, da bambini si cerca l’autonomia, che si trova spesso circolando da soli in bicicletta, ma questa autonomia è oggi frenata dall’insicurezza stradale, perché gran parte delle strade sono divenute regno incontrastato dei veicoli a motore e mancano corsie riservate, ovvero le piste ciclabili. Ma i bambini crescono e gran parte di loro abbandona la bicicletta e i mezzi pubblici per il motorino e l’automobile, ed ecco l’elemento della mentalità.

Del mezzo privato si fa non di rado un uso irrazionale, con spostamenti talvolta inutili, o che comunque si potrebbero fare con altri mezzi.

Anziani e portatori di handicap sono i più deboli nel muoversi, dato che la città è dominata dai veicoli a motore, che invadono le strade e persino i marciapiedi. Per il pedone, difficilmente ci sono percorsi sicuri, ed è frequente che queste persone finiscano per rimanere “prigioniere” nelle proprie case, escludendosi dalla vita cittadina.

I problemi della mobilità sono in maggioranza problemi di mobilità urbana, perché è nelle città che si concentrano le persone e anche i veicoli a motore. Ma non sono da trascurare i problemi dell’inquinamento causato dall’ipermobilità, cioè il viaggiare di continuo, per merci e passeggeri, su distanze medio-lunghe, che si è sviluppata negli ultimi decenni.

Lo stesso problema delle città si verifica sui grandi corridoi stradali, pieni di camion, perché la “cura del ferro”, cioè il viaggio in treno delle merci, ha avuto ben poco spazio negli ultimi decenni.

I temi dell’insicurezza nei trasporti e dei danni alla salute da questi prodotti rimangono ai margini del dibattito pubblico e di conseguenza risultano difficili da far comprendere alla gente e talvolta persino alle amministrazioni. Al tema della sicurezza intesa come safety, cioè sicurezza tecnica dei veicoli, si dovrebbe affiancare un monitoraggio ben più esteso della qualità dell’aria, nonché una stringente limitazione della velocità consentita ai veicoli per salvare dagli incidenti i pedoni, i ciclisti e gli automobilisti stessi.

È opportuno che la pandemia da Covid-19 faccia riflettere tutti noi su questi aspetti e spinga a prendere provvedimenti di emergenza per consentire di circolare molto di più con la cosiddetta “mobilità attiva”, che significa muoversi a piedi e in bicicletta. Ma occorre farlo in maniera sicura, cioè con corsie protette e su una viabilità dedicata, altrimenti si cammina o si pedala insieme alle auto e respirando gli scarichi dei veicoli a motore, in maniera non salutare.

Qualche città lo ha fatto e lo sta facendo: si disegnano corsie per biciclette, si cerca di invitare i cittadini a non abbandonare i mezzi pubblici, da prendere però in sicurezza contro il contagio. Chi pensa di togliere i parcheggi a pagamento e di riaprire le ZTL sta sbagliando, l’emergenza sanitaria non deve farci ritornare alla “mobilità vecchia”, deve spingere tutti verso una “mobilità nuova”.

Stefano Maggi, professore ordinario Università di Siena, già assessore alla Mobilità del Comune di Siena


>>> Contenuto inviato tramite il form “Dì la tua” – Partecipa

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...