martedì 22 Settembre 2020

Coraggio e creatività per trasformare la crisi in opportunità
C

Questo 9 maggio si compiono 70 anni dalla dichiarazione di Schuman. Con questa dichiarazione, dalle ceneri della Seconda guerra mondiale, si iniziò il cammino di pace, libertà e solidarietà dell’Europa che conosciamo oggi.

In questi primi 70 anni, l’Unione Europea ha dato ai suoi cittadini pace e prosperità, ha ampliato i propri confini diffondendo il motto “uniti nella diversità”, nonostante gli ostacoli incontrati nel percorso. Nella costruzione del progetto comune europeo, i socialisti europei sono stati autori chiave e siamo determinati a continuare ad esserlo.

Sfortunatamente, questo anno celebriamo un 9 maggio diverso, con il dolore per coloro che sono morti in questa crisi sanitaria. Come Presidente del gruppo dei socialisti e democratici, ma anche come cittadina europea, sono convita che una Europa più forte, più unita e più sociale è la risposta per la costruzione del nostro futuro.

Una prova di ciò, è che nel Parlamento Europeo, nonostante le nostre differenze, con i principali gruppi politici siamo stati capaci di superare le nostre divisioni ideologiche e nazionali per ideare a una risposta europea forte, a beneficio di tutta la cittadinanza.

In questo anniversario e di fronte a questa crisi, la nostra famiglia politica vuole rivendicare una via d’uscita coraggiosa per affrontare la crisi sanitaria; per costruire un’Europa verde, sostenibile e socialmente giusta; per realizzare la trasformazione economica e digitale di cui abbiamo bisogno; e per proteggere e migliorare l’Europa della democrazia, delle libertà e dei diritti di cui godiamo.

Per questo abbiamo bisogno di un nuovo Piano Marshall, il Fondo Europeo per la Ripresa. Questo fondo, unito con un nuovo ambizioso bilancio Europeo, e un vero sviluppo della competenza fiscale dell’Unione, che completi il progetto iniziato con la moneta unica, devono essere gli strumenti per la ricostruzione.

Questi strumenti, basati sulla solidarietà e l’interesse comune, devono fornire le risorse necessarie per unire l’Europa e non lasciare indietro nessuno. Devono però anche garantire il rilancio della nostra economa e un rafforzamento del nostro mercato comune. Solo così potremo garantire le condizioni di vita dignitose su cui si deve basare il nostro futuro.

Così come bisogna dare risposte a livello economico e sociale, anche dal punto di vista istituzionale non possiamo tirarci indietro. Dobbiamo essere audaci e creativi come lo furono i fondatori della Comunità europea. Ecco perché, nella famiglia socialdemocratica difendiamo la Conferenza per la ripresa e il Futuro dell’Europa, perché sia una vera occasione di dibattito, inclusiva di tutti i settori della cittadinanza e le cui conclusioni servano a tracciare una nuova tabella di marcia per l’Unione.

Il progetto Europeo ha sempre guardato al futuro e non ha ceduto al pessimismo. Per i nostri padri e i nostri nonni, significò pace, libertà e prosperità. Per la nostra generazione e quelle che ci seguiranno, la storia dell’Europa deve essere fatta di uguaglianza, solidarietà e speranza.

In questo giorno dell’Europa, trasformiamo questa crisi in una opportunità,  in memoria di quelli che non ci sono più, per rinnovare l’Unione Europea e rilanciare l’europeismo che ci rende orgogliosi come cittadini e come cittadini europei.

Se 70 anni fa il ministro degli esteri francese Robert Schuman chiedeva all’Europa uno “sforzo creativo paragonabile ai pericoli che ci minacciano”, nel settantesimo anniversario della dichiarazione di Schuman la socialdemocrazia europea si impegna a continuare a lavorare senza sosta per una Unione Europea nuova e per i cittadini.


Iratxe Garcia Perez è capogruppo dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo

Più letti

Zingaretti: “Molto soddisfatti. Si conferma che l’unità è l’unica via per vincere e governare”

"Sulle regionali aspettiamo dati più attendibili, ma siamo molto soddisfatti da quanto emerge. In una situazione molto difficile e frammentata c'è la...

Regionali, amministrative, referendum. Urne chiuse, inizia lo spoglio

Si è votato domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15) in 7 Regioni (Puglia, Marche, Liguria, Veneto,...

#inToscanaunvisivole, su Twitter parte l’onda anti leghista

L'hashtag popolarissimo tra i trending topic del social network

L’appello di Zingaretti alle piazze toscane: “Non consegniamo questa terra ai neofascisti”

A poche ore dalla delicata tornata elettorale di domenica e lunedì prossimi, in cui sette regioni rinnoveranno la loro giunta, Nicola Zingaretti...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Io credo che anche a livello di partiti socialisti e democratici ci vorrebbe una maggiore collaborazione in Europa. Nei diversi Paesi ci sono persone e risorse importanti: perché non metterle insieme? La collaborazione è sempre un valore aggiunto.

  2. La forza della unità sarà presente in proposte nuove per superare disuguaglianze grazie a una partecipazione faticosa ma necessaria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...