domenica 27 Settembre 2020

Imprese e lavoro, solo in sicurezza si potrà ripartire
I

È stato già detto, ma voglio ribadirlo: o la crisi scaturita dalla pandemia Covid-19 diventa occasione di rinnovamento profondo del paese, opportunità per eliminare discriminazioni, malcostumi e burocrazia, oppure alle sofferenze seguiranno solo nuove ingiustizie.

Una di queste – purtroppo antica – è la sicurezza sui luoghi di lavoro: una vera “priorità sociale” come l’ha definita il Presidente Mattarella, quando in un anno perdi più di 1400 vite. Un tema ancor più di attualità causa emergenza Coronavirus: già nella prima fase della pandemia, sindacati e lavoratori hanno giustamente preteso che chi fosse costretto a lavorare potesse farlo nelle migliori condizioni e quando esse non potessero essere assicurate, diventasse giusto sospendere l’attività. Poi si è aperta la discussione su quali indicazioni dare alle imprese per la progressiva riapertura in un contesto calante della diffusione del virus.

È stato subito evidente che le ragioni dell’impresa e quelle dei lavoratori sono più che mai coincidenti: è solo in sicurezza che si potrà ripartire. Ed è indiscutibile che la prima condizione per la ripresa è che si torni a produrre sviluppo e a creare lavoro.

Per questi abbiamo chiesto al Governo, a partire da una idea condivisa con il collega Serse Soverini e con il sostegno del Presidente del gruppo del PD alla Camera Delrio, di ridefinire i compiti e gli obiettivi del tavolo nazionale permanente per la sicurezza nei luoghi di lavoro: abbiamo chiesto che si facesse carico del rientro nelle migliori condizioni degli addetti di ogni impresa. E che quelle condizioni e quei controlli, ora indispensabili, diventassero condizioni essenziali per chi lavora, produce, manda avanti il paese. Non ora, ma sempre. Un’occasione importate per sindacati, associazioni imprenditoriali, Inail e servizi ispettivi per lavorare tutti a un unico obiettivo, partecipi di una verifica collettiva delle regole introdotte dai protocolli sottoscritti e aggiornati con l’evolversi della situazione. L’idea è stata subito condivisa da diversi parlamentari del PD eletti in Emilia-Romagna, dove è stato riunito il tavolo regionale del “patto per il lavoro” con la Regione e le parti sociali nell’immediato dell’emergenza.

Proponiamo, soprattutto, che siano istituiti dei Tavoli provinciali o metropolitani composti da imprese, sindacati e rappresentanti Inail dell’Ispettorato territoriale del lavoro e dei servizi di prevenzione e sicurezza ambiente di lavoro nelle aziende Asl che siano la sede per affrontare, con un forte riferimento ai territori e alle loro specificità, la sfida della ripresa in sicurezza. Una proposta che il Governo ha apprezzato rispondendo, con la Sottosegretaria Puglisi, a una nostra interrogazione in Aula alla Camera.

La Città Metropolitana ed il Comune di Bologna hanno già istituito il Tavolo, che sta lavorando in modo importante ed efficace. Una esperienza che crediamo possa e debba estendersi a tutto il Paese.


Andrea De Maria è un deputato del Pd, membro dell’Ufficio di Presidenza della Camera dei Deputati

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...