lunedì 21 Settembre 2020

La rotta da seguire per uscire dall’emergenza meglio di come ci siamo entrati
L

Dobbiamo stare attenti a non perdere il nord. Lo dico prima di tutto al mio partito che rimane uno dei pochi soggetti della politica, se non l’unico, in grado di aiutare la difficile traversata che l’Italia deve compiere dopo la pandemia, provando a lavora sull’interesse generale. Qui più che altrove il dramma del virus ha colpito al cuore le comunità, facendoci scoprire anche vulnerabilità e fragilità troppo spesso celate.

Non perdere il nord significa non smarrire la comprensione delle attese, delle difficoltà e delle potenzialità dei ceti produttivi che in queste terre hanno fatto e faranno ancora la differenza. E’ prima di tutto una condizione pre-politica e poi certamente anche un nodo politico e programmatico. Contano le scelte che si compiono. Parlo del rapporto con artigiani, commercianti, imprenditori, partite Iva, professionisti. Parlo dei lavoratori autonomi che vivono e soffrono accanto a tanti lavoratori dipendenti. Non possiamo lasciare campo libero in queste terre alle follie di una destra egemonizzata dalle urla di chi predica di stampare moneta in autonomia e di chi vorrebbe incendiare il dibattito contro il nuovo meccanismo europeo di stabilità, aperto a un finanziamento di 37 miliardi di euro quasi a tasso zero per la riorganizzazione della nostra rete sanitaria. Chiedano agli imprenditori del nord se rifiuterebbero una condizione simile per le loro imprese.

Non perdere il nord è fondamentale anche per il Mezzogiorno, dove non mi sfugge certo l’altro grande rischio che corriamo in termini prima di tutto sociali e di inasprimento ulteriore delle diseguaglianze. Il virus e la pandemia ci impongono di ridisegnare le funzioni dei poteri pubblici a ogni livello e di concepire un modello di sviluppo e di crescita fondato su caratteri diversi – la sostenibilità innanzitutto – e per me su un nuovo incontro essenziale tra privato e pubblico. Lo spazio è quello dell’economia civile che chiama a una sfida di corresponsabilità e progettazione condivisa. Una traduzione immediata? Entrino i lavoratori nei consigli di amministrazione delle aziende giustamente aiutate dallo Stato e in un patto condiviso, ci si impegni a non delocalizzare e a non licenziare brutalmente.

E’ fondamentale avere un’agenda per questa prospettiva. Ma su quali punti? Certamente la questione fiscale da rimettere in equilibrio perché ancora totalmente sbilanciata a danno di chi lavora e intraprende e a vantaggio di chi evade e di chi ha rendite. Poi la questione burocratica, perché il cortocircuito procedurale è un dramma che rischia di affossare qualsiasi norma utile. Se non sconfiggiamo una volta per tutte “la paura della firma” non ce la faremo. Serve una svolta subito, sperimentando davvero la via delle autocertificazioni e organizzando un efficiente sistema di controlli post.

Il terzo nodo è la questione istituzionale, perché non possiamo più rimanere negli anfratti di una discussione strabica tra centro e periferia dove non si capisce mai chi deve fare davvero ed emerge invece la necessità di una moderna cultura dei territori capace anche di dare identità nella globalizzazione. Il quarto fronte è la centralità del lavoro e la sua dignità, sempre, a partire da compensi e condizioni eque per donne e uomini e da un sistema di diritti davvero esigibili. Il quinto tema è il capitale umano poiché non può esserci prospettiva senza una moderna piattaforma di accesso ai saperi lungo tutto l’arco della vita e per tutti, a partire dalle giovani generazioni. Il sesto è la centralità della manifattura che non va osteggiata ma al contrario ricollocata nello scenario della massima sostenibilità, scegliendo sul serio i settori strategici green su cui puntare anche a scapito di altri con autentiche politiche industriali.

Il settimo nodo è il sistema delle connessioni materiali e immateriali ovvero infrastrutture per persone, merci e dati. Ovunque però. Non solo nell’area metropolitana di Milano. Banda larga, reti, porti, aeroporti, ferrovie, strade, ponti. E il trasporto pubblico che ha subito in due mesi uno shock destinato a cambiarlo in profondità. Ci sono 150 miliardi di fondi pubblici già a bilancio per lavorare su queste partite e vanno spesi, bene e tutti, oggi. L’ottavo tema decisivo è la questione demografica e il ripensamento radicale delle protezioni sociali. Perché serve più welfare, non meno. Io vedo che negli sforzi del Governo di queste ore ci sono anche i segnali giusti lungo questa rotta. Il taglio delle Irap per le imprese aiuta a lasciare risorse alle aziende. Investire come mai fatto prima per sostenere le riqualificazioni edilizie in chiave di efficienza energetica anche. Attivare risorse a fondo perduto per artigiani e commercianti e allargare il sostegno per questi mesi a tutto il lavoro autonomo, è una cosa giusta mai fatta.

Molti di noi sono stati abituati a vivere i dividendi positivi della globalizzazione. Oggi, più che nel recente passato, dobbiamo invece fare i conti con i suoi dividendi negativi. E questo è un motivo in più per cercare di essere utili al Paese che deve poter avere una classe dirigente all’altezza del proprio futuro.

Più letti

Regionali, amministrative, referendum. Urne chiuse, inizia lo spoglio

Si è votato domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15) in 7 Regioni (Puglia, Marche, Liguria, Veneto,...

#inToscanaunvisivole, su Twitter parte l’onda anti leghista

L'hashtag popolarissimo tra i trending topic del social network

L’appello di Zingaretti alle piazze toscane: “Non consegniamo questa terra ai neofascisti”

A poche ore dalla delicata tornata elettorale di domenica e lunedì prossimi, in cui sette regioni rinnoveranno la loro giunta, Nicola Zingaretti...

“La svolta europea sull’immigrazione annunciata da Von der Leyen grazie all’Italia e al Pd”

L’annuncio del superamento del Trattato di Dublino, insieme agli altri punti toccati da Ursula Von der Leyen nel discorso di ieri sullo...

Articoli correlati

4 COMMENTI

  1. Mi soffermo sul 7° punto quelle delle connessioni materiali e immateriali. Quando affermi che “ci sono 150 miliardi già a bilancio” per progetti da avviare è necessario sapere, progetto per progetto, se quei progetti sono già pronti per dare avvio ai lavori e come si reperiscono i finanziamenti relativi. Diversamente si muove aria soltanto. Il D.L. in via di pubblicazione si concentra sul dare ossigeno per riprendere mentre per la strategia per il prossimo futuro, o forse per lo stesso odierno presente, occorre capire quali innovazioni necessitano per stare sul mercato internazionale e quale prezzo occorre pagare per una disoccupazione strutturale che aumenterà. Non illudiamoci di pensare alla concertazione di vecchio stampo, i tempi dell’innovazione sono già stati decisi fuori del nostro dominio. Allo Stato compete di fronteggiare gli effetti negativi con un serio impegno, e di dimensioni mai viste, per supportare economicamente e con iniziative serie di formazione e di adeguamento delle conoscenza sulle nuove tecnologie. Qui ci sono tre aspetti: il primo riguarda le linee dello sviluppo chiedendosi se il M5S – ancorato culturalmente alla “decrescita felice” – potrà essere della partita, il secondo il nodo del finanziamento europeo, il terzo la capacità dello Stato di organizzare ex novo la formazione.

  2. Martina lei esorta giustamente il partito a non perdere il nord ponendo attenzione ai ceti produttivi:artigiani, commercianti P. Iva, ecc. Non lasciando il nord in mano alla destra antieuropea. Io credo che la destra sovranista non sia venuta per caso e che stia facendo breccia anche in categorie sociali che una volta avevano come riferimento la sinistra, che hanno pagato duramente le politiche liberiste europee e si sono sentite abbandonate dalla sinistra. Nel nord come nel sud ci sono anche i lavoratori? Se ci sono, come ci sono, come intendiamo non perderli? Con le proposte di riduzione dell’orario di lavoro e conseguente riduzione del salario? Mi permetta di suggerire che l’unica rotta da seguire è quella che la sinistra ritorni a fare la sinistra altrimenti la destra nazionalista avanzerà mettendo seriamente in discussione l’assetto democratico del nostro paese.

  3. Mi permetto solo di scrivere ….ascolto !Si pensava che la crisi che stiamo attraversando potesse insegnare a tutti che bisogna ascoltarci, il politico per capire cosa e’ meglio fare per il bene comune deve andare in mezzo alla gente capire i loro bisogni solo così la politica ritroverà la barra e potrà governare le enormi sfide che ci aspettano !

  4. Concordo sulla necessità di battere finalmente un colpo “serio” su FISCO e BUROCRAZIA. Però di parole ormai ne abbiamo sentite fin troppe. Sarebbe ora di passare ai fatti, senza ulteriori indugi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...