giovedì 24 Settembre 2020

Mafia e corruzione sono un virus, cultura e innovazione sono il vaccino
M

Criminalità organizzata e corruzione, piaghe della nostra società. Fenomeni sociali e giuridici distinti, ma con obiettivi e modalità spesso comuni. Entrambi lanciano ogni giorno la propria sfida allo Stato, dall’esterno e dall’interno. Tentandolo ed aggredendolo. Lanciando la propria maledizione, quindi, alla comunità tutta. Non è mai stato tanto chiaro questo come in alcuni momenti della nostra storia principalmente repubblicana. Ed il momento storico che stiamo vivendo è senza dubbio uno di questi.

La crisi sanitaria si sta trasformando rapidamente in una crisi economica e sociale e l’illegalità è pronta a divorare la parte sana della società, come un cancro. Prova a sedurre con i suoi tentacoli i fragili, i deboli, i bisognosi – con aiuti di antistato – lì dove lo Stato fatica ad arrivare con velocità, pronta ad utilizzarli all’occorrenza. Timeo danaos et dona ferentis, diceva Virgilio. Vale ancora oggi. Dobbiamo avere timore e paura delle liberalità concesse dalle mafie. Celano l’inganno. Corrompono la comunità, minano la credibilità delle istituzioni democratiche. E’ questo il tema vero, infondo.

La crisi che ci è piovuta addosso pone a serio rischio la tenuta democratica del Paese. E le mafie sono pronte per approfittare dell’anarchia che si potrebbe profilare a tutti i livelli. Sono pronte a colpire l’economia italiana come un secondo virus. Immagino alle tante aziende sane in difficoltà che stentano a ripartire, a riaprire e ad avere un dialogo veloce ed efficace con il sistema creditizio. Facili prede di usura e riciclaggio. Lì dove ci sono detriti, arrivano le mafie.

E poi, cosa ci ha insegnato la pandemia? In particolare a Napoli e nel Sud mi auguro che si possa trarre – tra le tante – una lezione importante cui tengo molto. Questa crisi ci sta insegnando che la sanità, la giustizia, l’istruzione pubblica siano – mai come oggi – le fondamenta della nostra vita. E che esse non potranno più essere sacrificate. Che – per avere in futuro un sistema pronto a reagire con decisione alle sfide di un mondo che cambia con una capacità assistenziale elevata e con dei servizi all’avanguardia – ognuno debba fare la propria parte contribuendo alla legalità. Perché chi ruba, amministra con disonore la cosa pubblica, corrompe, sottrae principalmente a sé stesso e poi a tutti gli altri.

Il Paese per poter essere competitivo deve riportare in primo piano nella sua agenda politica e di dibattito pubblico il tema del contrasto alle mafie ed alla corruzione. Nel silenzio, sono come dei virus. Esplodono quando il danno è già irreparabile. Il Paese indebolito com’è ora non potrà più permettersi di essere attaccato e svuotato dai ladri di democrazia, come li ha chiamati il Presidente Mattarella. L’economia sommersa non potrà più avere spazio.

Il mio appello è rivolto ai miei coetanei, alla parte sana della società. Ribelliamoci allo status quo. Ripartiamo da zero. Cancelliamo ogni spazio d’ombra, ogni anfratto d’illegalità. Modernizziamo il Paese, semplifichiamo. Facciamoci aiutare dalla tecnologia, dall’innovazione, dalla scienza, dalla cultura. Sono loro il vaccino alle mafie ed alla corruzione.


Alessandro Milone è dottorando di ricerca all’Università Partenope di Napoli

Più letti

Le regionali e quell’onda verde che da sola non basta

I dati delle ultime elezioni regionali esprimono a mio giudizio un significativo paradosso. Le liste che a vario titolo...

Lega amica del cemento

La Regione Lombardia spostato 30 milioni dalle risorse pubbliche ai fondi immobiliari: oneri in gran parte utilizzati dall'amministrazione comunale per investimenti nei...

Decreti sicurezza, Mes e Recovery Plan. Avanti senza indugi

Archiviate le elezioni che, inevitabilmente, hanno sospeso i tempi della politica in una lunga attesa, è tempo di rimettersi in cammino. Non...

La cultura ci rende liberi, uguali e sovrani

Per tanti è ricominciata la scuola e per tutti sarà un anno particolare, quello della pandemia globale, che per tanto tempo ci...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...