giovedì 2 Luglio 2020

Un nuovo Statuto dei lavori, delle lavoratrici e dei lavoratori. Cinquant’anni dopo
U

“Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell’attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento”, così recita il titolo della legge 20 maggio n.300, meglio conosciuta come lo Statuto dei Lavoratori. Sono passati dunque cinquant’anni dal varo di quella che fu definita una vera e propria rivoluzione nel campo dei diritti.

Un testo fondamentale del diritto del lavoro italiano che, anche se parzialmente modificato e integrato nel corso di questi decenni, ancora oggi costituisce la disciplina di riferimento per i rapporti tra lavoratore e impresa e per i diritti sindacali. Approvato a seguito delle lotte sindacali e delle mobilitazioni dei lavoratori, che della fine degli anni sessanta attraversarono l’intero paese. Una storica stagione di lotte, svolta in anni drammatici per il paese, che produsse l’avanzamento dei diritti attraverso il varo di altri fondamentali interventi legislativi come la Legge 1124/1965, in materia di infortuni e malattie professionali, la Legge 903/65 in materia pensionistica e la Legge 604/66 in materia di licenziamenti individuali. Ma lo Statuto rappresentò una svolta dal punto di vista sia politico che giuslavoristico, nel sancire positivamente alcuni dei diritti fondamentali del lavoratore e delle sue rappresentanze sindacali.

Cinquant’anni in cui l’impianto generale della legge ha retto all’urto dei cambiamenti anche se scalfito in alcune sue parti fondamentali, da interventi legislativi, come il Jobs act, ma confermando tutta la sua concezione moderna e innovativa che i suoi estensori vollero dargli.

Il lavoro è cambiato, sta cambiando e cambierà ancora tanto nel prossimo futuro. L’innovazione tecnologica e i nuovi modelli di produzione ne hanno cambiato alcuni tratti fondamentali. Nuove figure professionali, nuove precarietà, nuove tipologie contrattuali , nuovi modelli organizzativi irrompono nel nuovo mondo del Lavoro, spesso senza alcuna regolazione e quindi con la diminuzione delle tutele fondamentali. Serve dunque riammodernare quell’impianto, non come avvenuto nel recente passato, minandone le fondamenta, cancellando pesantemente i diritti che esso garantiva, ma al contrario rafforzandone i livelli di protezione per farli giungere là dove oggi quelle protezioni mancano. Riders, e-commerce, automazione, partite IVA, smart working, hanno riempito il dibattito sul lavoro in questo ultimo periodo, ci sono ormai interi settori che necessitano di un intervento normativo.

Serve quindi un nuovo Statuto, che come abbiamo detto a Contigliano dovrà diventare “Lo Statuto dei lavori, delle lavoratrici e dei lavoratori”, un nuovo testo, che risolva i nodi che il nuovo mondo del lavoro ci ha posto davanti, a partire dal grande tema delle diseguaglianze. La disparità salariale tra donne e uomini, contratti pirata dove vengono calpestati i più elementari diritti, il non accesso agli ammortizzatori sociali, la precarizzazione del lavoro autonomo, la mancanza di una legge sulla rappresentanza sindacale sono temi non più rimandabili.

I temi del Lavoro sono stati al centro del dibattito sugli interventi per l’emergenza coronavirus. Emergenza che ha amplificato le sue storiche fragilità figlie di quest’epoca di cambiamenti. Onorare dopo cinquant’anni quello Statuto, significa oggi più che mai dotare il paese di una nuova e più attuale normativa, che mantenga come riferimento i valori di giustizia sociale, che mezzo secolo fa vennero sanciti in quella Carta, ma che arricchisca, con nuove e più complete protezioni, il nuovo mondo del lavoro e i suoi protagonisti: le lavoratrici e i lavoratori dei prossimi cinquant’anni.

Più letti

“Omotransfobia e misoginia, una legge per ridurre le disuguaglianze”. Parla Alessandro Zan

Nell’Unione europea tutti i grandi Paesi hanno leggi che tutelano le persone dall’odio legato all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Tutti tranne...

Più soldi in busta paga per 16 milioni di lavoratori. Ed è solo il primo passo

https://youtu.be/ubJRs5qctm8 Oggi è un giorno importante perché entra in vigore una delle misure più significative che il...

Il nuovo Mes un risultato da rivendicare, per l’intero governo. Parla Nicola Oddati

Il taglio del cuneo fiscale inserito nell’ultima Legge di Bilancio in vigore da oggi, che significherà 100 euro in più in busta...

In Puglia una lista di amministratori locali per una nuova alba politica

È inutile girarci intorno: il terreno dei personalismi, dei cambi di casacca, delle individualità ha cancellato il confronto delle idee e dei...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Automazione, precariato, rendite predatorie.
    È ora che lo Statuto venga aggiornato al mondo di oggi.

    Un rinnovamento che dovrà essere accompagnato da una equa redistribuzione della ricchezza, e da un reddito di base universale, individuale e incondizionato.

    “Se dai a un uomo un pesce, mangia per un giorno. Se insegni a un uomo a pescare, mangia per la vita. Ma se insegni a un robot a pescare, tutti gli uomini muoiono di fame o tutti gli uomini mangiano?”

    — Scott Santens, scrittore e attivista statunitense del reddito di base

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

‘Bonus vacanze’ da oggi al via: come si ottiene e a chi spetta

Come stabilito nel decreto rilancio, da oggi primo luglio scatta la possibilità per gli italiani di richiedere il 'Bonus vacanze'. Un'iniziativa che...

La scrittura per evadere dai social e dal ‘cattivismo’. La lezione di Francesco Trento

Il Coronavirus ci ha bloccato in casa 2 mesi. Un tempo lunghissimo che ci ha costretto a rivedere le nostre priorità ma anche...

Il design della distanza

Tratto da Covid and the City. Le città che saremo, serie POST sulle città dopo il coronavirus. Domande, appunti, proposte concrete. Saremo...

Lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, che fare (ora)?

La crisi funziona sempre come un amplificatore delle disfunzionalità di sistema. Il trauma interrompe il tessuto della quotidianità e della “normalità”, ma...

Street Art, un nuovo Rinascimento. Se non in Italia, dove?

Negli ultimi anni il fenomeno della street art è diventato di dominio mondiale. Quelli che in un tempo, ormai lontano, venivano definitivi...