giovedì 22 Ottobre 2020

Un mondo libero da pesticidi è possibile, a partire dalle città e dal turismo green
U

La rete europea delle Città Libere dai Pesticidi nasce nel 2017 per iniziativa della ONG – con sede a Bruxelles – PAN Europe (Pesticide Action Network), con l’obiettivo di riunire in un network europeo comuni piccoli e grandi che hanno deciso di intraprendere un percorso di sostenibilità a tutela della salute pubblica e dell’ambiente.

Nello specifico, le Città Libere dai Pesticidi sono comuni che hanno vietato l’uso di pesticidi chimici, come il glifosato, nella gestione delle aree verdi, quali parchi, aiuole, cimiteri, campi sportivi. Numerosi studi hanno ormai dimostrato i rischi per la salute causati dall’esposizione ai pesticidi chimici, soprattutto a carico dell’apparato endocrino e in special modo per quanto riguarda la parte più vulnerabile della popolazione, come i bambini e i nascituri.

L’attuale pandemia a causa del COVID 19 ha posto in luce in maniera drammatica la fragilità degli equilibri ambientali del pianeta e ha riacceso il dibattito sulla necessità di intraprendere misure concrete e immediate per preservare la biodiversità e rispettare gli habitat naturali delle varie specie.

Questo complesso momento, pertanto, può diventare un’importante opportunità per rivedere i nostri comportamenti quotidiani e le nostre scelte di vita in un’ottica di sostenibilità.

Dice Henriette Christensen, policy advisor di PAN Europe. “Abbiamo lanciato il progetto partendo dall’Italia, accettando una vera e propria sfida. Nel giro di poche settimane avevamo già decine di adesioni alla rete, a testimonianza del fatto che molti comuni, dal Nord al Sud, sentono fortemente l’esigenza di proteggere la salute dei propri cittadini nel rispetto dell’ambiente. Questi comuni sono la dimostrazione concreta che fare a meno dei pesticidi chimici nella gestione delle aree verdi è possibile e i metodi alternativi sono tanti: diserbo manuale, pirodiserbo, approccio integrato con l’utilizzo di piante o insetti dissuasori. E’ solo una questione di volontà, impegno e conoscenza”.

La nuova proposta delle Città Libere dai Pesticidi è ora quella di ripensare alle nostre scelte anche per quanto riguarda i viaggi. Sono tante le destinazioni che offrono bellezza, arte e cultura in una cornice green, che si configura nell’utilizzo di alternative sostenibili ai pesticidi chimici e in produzioni enogastronomiche biologiche. Occhiobello, Varese, Belluno, Teano, Limatola, Sorradile, Roseto Capo Spulico, Melpignano, Fallo, Rescaldina, Baselice sono solo alcuni dei circa cinquanta comuni che offrono una vacanza fatta di accoglienza autentica, piste pedonali e ciclabili, prodotti biologici a chilometro zero, riserve naturali e, soprattutto, la garanzia di un ambiente che non utilizza pesticidi. Fuori dai confini nazionali, anche Tallin, Lisbona e Zagabria hanno aderito alla rete.

La partnership delle Città Libere dai Pesticidi con Borghi Autentici d’Italia conferisce nuova linfa vitale al progetto e si pone in linea con la rilevanza che da sempre, per l’associazione, hanno le pratiche di sostenibilità ambientale e l’attenzione alla qualità della vita degli abitanti, come afferma Rosanna Mazzia, la Presidente di Borghi Autentici.

I prossimi obiettivi delle Città Libere dai pesticidi?

Allargare la rete a livello internazionale, continuare a portare le proprie istanze sui tavoli europei, diffondere buone pratiche di sostenibilità, trasmettere un messaggio di cambiamento possibile, concreto e responsabile.


Michela Bilotta è coordinatrice per l’Italia dell’associazione Città Libere dai pesticidi

Più letti

Coronavirus, ecco le regole contro la seconda ondata

Per il momento nessun lockdown generalizzato, ma chiusure localizzate e coprifuoco notturno. È la linea su cui si stanno muovendo Governo e Regioni in questi...

Supereremo la seconda ondata con la cultura della responsabilità

Quello che abbiamo temuto sta avvenendo: una seconda ondata pandemica con crescita esponenziale dei contagi. Su cosa significhi “esponenziale” e su quanto...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Ci sono pesticidi utili, pesticidi necessari, pesticidi sostenibili. Come le medicine che sempre hanno controindicazioni. Ma guai senza. Per favore : No con i talebani !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...