lunedì 21 Settembre 2020

Il gioco al massacro della propaganda iraniana contro Israele e contro la pace
I

Le dichiarazioni delle Guardie della rivoluzione iraniana circa la vittoria del movimento di resistenza islamico e la creazione di una “nuova regione libera dal virus di Israele e dal microbo killer degli Usa, con la promessa di una preghiera alla moschea di Al-Aqsa, a Gerusalemme, tenuta dalla Guida Suprema, Ali Khamenei”, sono oltre ogni lecito livello di confronto. Certo non sono nuove, ma nessun disegno di cancellazione dello Stato di Israele può avere diritto di cittadinanza nel consesso del confronto politico internazionale, nessuna giusta richiesta di una soluzione equa del conflitto israelo-palestinese può appoggiarsi al desiderio criminale di annientamento del popolo ebraico in Israele. E perché dunque si è scatenata l’ennesima propaganda di odio nei confronti di Israele da parte del regime iraniano, cosi terribilmente esemplificata dalla vignetta apparsa sul blog di Khamenei, nel quale si evidenzia la necessità di una “soluzione finale” per la vicenda israelo-palestinese?

A parte l’imminenza della celebrazione della giornata di Gerusalemme, ricorrenza scelta da quel regime, e a parte evidenti necessità interne alla gestione del paese, dovute alle gravi conseguenze che in Iran ha avuto la pandemia da Covid19, con l’esplosione di una protesta sociale interna molto forte e molto nascosta, che ha evidentemente favorito l’esaltazione di argomenti di orgoglio identitario come quello dell’odio antisemita e antisionista, resta sullo sfondo anche una significativa vittoria dei conservatori sui riformatori nelle recenti elezioni parlamentari, con uno spostamento dunque dell’equilibrio interno. Purtroppo va anche ricordato che l’Iran non si è solo limitato a minacce verso Israele, essendo noto lo spostamento ingentissimo di missili puntati verso Israele da parte dell’Iran sul territorio siriano.

Tutto il mondo conosce la dinamica in corso da anni per la leadership del mondo islamico, che vede attivi da sempre l’Iran sciita, in contrapposizione all’Arabia Saudita a prevalenza sunnita da un lato, e in competizione/cooperazione con la Turchia, pur se recentemente su posizioni opposte, essendo stato il regime khomeinista in appoggio al leader siriano Assad, nel corso della guerra, e la Turchia in opposizione. In tutto questo complesso quadro, la copertura che l’Iran vorrebbe dare alla causa palestinese ha da sempre veramente poco di sincero e molto di strumentale. Una captatio benevolentiae verso i palestinesi dovuta alla necessità espansiva della politica iraniana e basta. Espansione peraltro contrastata dalle stesse organizzazioni palestinesi come dimostra la resistenza di Abu Mazen all’infiltrazione della Jihad nei territori palestinesi.

Naturalmente scriviamo tutto questo consci che la recente formazione del nuovo gabinetto Nethaniau in Israele, frutto come noto di una lunghissima gestazione in uno scenario politico israeliano che fatica da anni a trovare una stabilità interna, e che segna una debolezza drammatica, ormai consolidata del campo progressista, avviene sotto l’egida della proposta di annessione della valle del Giordano. Scelta gravemente sbagliata secondo la nostra opinione, che siamo rispettosi ovviamente delle decisioni che assumerà il Parlamento israeliano, ma che consideriamo foriera di tensione altissima e di una interruzione evidente di ogni possibile residuo di processo di pace. Personalmente mi sono formato, e resto fedele ad una sola impostazione, quella che vede nella formula due popoli, due stati, due democrazie, l’unico approdo possibile per una visione che sappia tenere insieme, il diritto ad essere Stato per i due popoli e il diritto alla sicurezza, contro ogni violenza ed ogni terrorismo.

In quelle terre difficilissime si scontrano due diritti, e non un diritto ed un torto, solo questa concezione può continuare a farci sperare in un futuro di pace. Le inaccettabili pulsioni antisioniste e antisemite della politica iraniana, possono forse servire a rafforzare internamente quel regime, certo non a risolvere l’eterno conflitto israelo-palestinese.


Emanuele Fiano è deputato del Partito Democratico e responsabile Esteri nella segreteria nazionale

Più letti

Regionali, amministrative, referendum. Urne chiuse, inizia lo spoglio

Si è votato domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15) in 7 Regioni (Puglia, Marche, Liguria, Veneto,...

#inToscanaunvisivole, su Twitter parte l’onda anti leghista

L'hashtag popolarissimo tra i trending topic del social network

L’appello di Zingaretti alle piazze toscane: “Non consegniamo questa terra ai neofascisti”

A poche ore dalla delicata tornata elettorale di domenica e lunedì prossimi, in cui sette regioni rinnoveranno la loro giunta, Nicola Zingaretti...

“La svolta europea sull’immigrazione annunciata da Von der Leyen grazie all’Italia e al Pd”

L’annuncio del superamento del Trattato di Dublino, insieme agli altri punti toccati da Ursula Von der Leyen nel discorso di ieri sullo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...