sabato 26 Settembre 2020

La “glocalizzazione” come chiave per riscrivere il futuro
L

Il dibattito inerente le misure da adottare per far fronte ad una crisi che coinvolge la comunità internazionale tutta impazza in ogni dove. Non esiste una ricetta vincente poiché si hanno solo dati statistici e proiezioni parziali. Ciò che è certo è che nulla sarà più come prima e che le soluzioni dovranno per forza di cose essere straordinarie.

Tutte le certezze di un passato statico ed impostato su di un modello socio-economico di stampo neoliberista saranno spazzate via. Occorre vedere le cose da una diversa prospettiva, le istituzioni sovranazionali create per gestire un certo modello diventato anacronistico già prima della pandemia mondiale devono essere ripensate.

L’Europa è chiamata oggi ad esercitare un ruolo guida nella creazione di misure straordinarie per fronteggiare una crisi non solo economica, ma anche e soprattutto sanitaria e sociale. E’ necessario in questo particolare momento storico, avere la percezione di quelle che sono le problematiche non solo contingenti ma storicamente ricorrenti.

Il problema è globale e richiede interventi congiunturali tempestivi da parte degli organismi internazionali. E’ assodato che la recessione non è solo determinata dalla caduta dell’offerta dovuta agli effetti della pandemia, ma è anche strettamente connessa alla forte riduzione della domanda che va supportata con adeguate politiche di incentivo della stessa creando reddito e lavoro. In questo momento sono quindi indispensabili stanziamenti urgenti a sostegno del sistema sanitario, delle famiglie e delle imprese di tutti i paesi europei tramite l’immissione di ingenti risorse per far fronte a questa gravissima emergenza economica e sociale.

Ma non basta, nel senso che occorre immaginare un futuro che non può più basarsi su istituzioni ancorate ad un mondo economico neoliberista che ha palesato nuovamente i propri limiti. Occorre rimettere al centro di ogni politica l’individuo, la persona umana, il patrimonio locale materiale ed immateriale di ogni micro-comunità. Lo sviluppo sostenibile non deve essere più una chimera, va trasformato in qualcosa di tangibile e concreto.

E possiamo farlo solo ripartendo dai territori, valorizzando al massimo quelle che sono le risorse di ogni comunità. Ripensare al concetto di giustizia sociale, di lavoro solidale, di economia circolare, di crescita che non sia più solo economica ma anche e soprattutto culturale. in poche parole, rispolverare un termine coniato negli anni ‘80 e messo da parte troppo precocemente: la Glocalizzazione.

Siamo convinti che la strada da percorrere sia quella di promuovere il prodotto locale per far si che si apra sempre più al mercato globale. La tipicità locale, infatti, è l’unica cosa che non è copiabile dai paesi in via di sviluppo non è replicabile dalle aziende delle aree forti: gli investimenti in tecnologia, per quanto ingenti, non consentono di ottenere un prodotto di tipo artigianale.

Grazie ad Internet possiamo rivolgerci al mercato globale nel quale ci sarà sempre domanda di fascia medio-alta sufficiente ad assorbire la nostra offerta. per questo occorre quindi azzerare il c.d. digital divide che ha fortemente penalizzato alcune aree del nostro territorio.

Su questo aspetto, peraltro, l’Italia ha un grosso vantaggio: la provenienza dei prodotti made in Italy sono considerati sempre più indice di elevata qualità, i prodotti italiani sono sempre più richiesti all’estero e la sensibilità al prezzo di fronte ai prodotti ad elevata tipicità locale provenienti dal nostro paese cala notevolmente. E questo è un patrimonio da non disperdere, nonostante l’inadeguatezza al momento delle legislazioni italiana e comunitaria.

Più letti

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Perché le donne elette sono ancora troppo poche e perché va superato il leaderismo tutto al maschile

Nonostante la doppia preferenza di genere prevista in tutte le regioni al voto tranne la Valle D'Aosta (che infatti segna il record...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...