lunedì 28 Settembre 2020

Ri-pensare la crisi per immaginare il futuro
R

Come ri-pensare le categorie fondamentali che sino ad ora ci hanno permesso di dire il presente per immaginare, in primis, un futuro possibile? Domanda che sorge di fronte alla crisi sanitaria, economica, politica e culturale di questi nostri giorni convulsi e che mi ha indotto a riprendere in mano alcuni “classici” del pensiero economico e politico contemporaneo.

Ecco un passo su cui mi pare vale la pena riflettere: «“Lavoro per tutti”, “sicurezza sociale” e “libertà dal bisogno” non sono cose ottenibili se non come sottoprodotti di un sistema che scatena le libere energie degli individui. Quando la “società”, il “bene della collettività” e il “maggior bene per il maggior numero di persone” diventano il criterio supremo dell’azione dello Stato, nessun individuo può più progettare la propria esistenza. Difatti, se il “bene della società” o il “benessere generale” sono gli scopi supremi, i “pianificatori” stabili devono arrogarsi il diritto di entrare in ogni settore del sistema economico. E se i diritti degli individui intralciano la via, i diritti degli individui devono venir cancellati». Così scriveva John Chamberlain nel 1944, nella sua Premessa a La via della schiavitù di Friedrich A. Von Hayek (tr. it. di D. Antiseri e R. De Mucci, Rubbettino, Catanzaro 2011). Ma perché partire da un testo simile (ristampato nel ‘76 e poi ancora nel ‘95) per pensare l’emergenza che si sta consumando in questo tempo? La risposta sembrerà banale: ne La via della schiavitù si condensano perfettamente tutte le cause strutturali che ci hanno condotto al disastro attuale. Benché Hayek non fu (almeno negli anni ’40) un «devoto del laissez faire» del libero mercato, è certo che l’ideologia liberale d’occidente, anche con quel libro, già si preparava a un preciso contrattacco culturale, a fronte del crescente “interventismo” dello stato in campo economico.

Quel che è certo è che alcune righe che Chamberlain scrisse nel ’44 possono suonare, oggi, quantomeno ironiche. Parafrasando Hayek, il giornalista americano dichiarava infatti che sarebbe stato molto più rischioso per gli uomini «cercare di indovinare quello che farà il governo» – laddove vi sia uno Stato “pianificatore” – piuttosto che «cercare di indovinare dove andava il mercato». Perché? Semplice: «I fattori del mercato obbediscono a leggi oggettive» – scriveva Chamberlain – giacché «i governi sono soggetti a una gran quantità di capricci». È palese come tali “profezie” abbiano condotto a non pochi problemi, a esser buoni. Come è altrettanto evidente quanto il “mercato”, specie quello finanziario, al pari di un dio dispettoso possa oggi mettere a tacere tutti i flebili “capricci” di qualsiasi governo di sorta. Altroché salvaguardia della “democrazia”, verrebbe da pensare. 

Del resto Hayek, nella prefazione del ’95 a La via della schiavitù, aveva dichiarato che occorreva far chiarezza sul senso della parola liberal: «Io impiego il termine “liberal” nella sua accezione originaria ottocentesca, ancora di uso corrente in Inghilterra». Dunque, qui si trattava di far valere definitivamente non tanto quella tradizione liberale e universalistica di stampo, per così dire, giacobino, ma bensì l’autentico liberalismo conservatore – quello rimasto sospeso tra il 1814 e il 1850, per intenderci. E pur affermando che un’organizzazione politica autenticamente liberale non potava farsi paladina «dei privilegi costituiti», d’altro canto Hayek disse chiaramente che «il vero liberale deve talvolta far causa comune con il conservatore». D’altronde nei paesi occidentali il così detto welfare state, per Hayek, aveva «ampiamente rimpiazzato il socialismo», precisamente ciò che soffocava, per sua natura, la libertà. Come se quest’ultima – intesa nella sua declinazione esclusivamente individuale – potesse essere realmente garantita dai capricci del mercato o da gruppi di potere rinchiusi nei propri particolari interessi di classe, appunto.

In Italia, da parte nostra, pensavamo che il 2008 fosse stato l’apice del disastro. Oggi abbiamo scoperto che non è stato così. Alla luce di tutto ciò, allora, non sembrano così peregrine e spaventevoli le proposte per la ricostruzione del Paese lanciate dall’ex ministro Andrea Orlando: da un lato, un settore pubblico che torni a promuovere la conversione ecologica dell’economia, che sappia indurre l’imprenditoria a investire su settori strategici a favore della società e, dall’altro, imporre delle regole precise per le grandi compagnie private che beneficiano di risorse altrettanto pubbliche. Magari, almeno dal secondo dopo guerra.

Ad ogni modo, questo “italianissimo” liberalismo conservatore continua a produrre ciò che Antonio Gramsci nei Quaderni del carcere, già nel 1930, definì «sovversivismo dall’alto» (si veda il terzo quaderno raccolto nel I volume dell’Edizione critica dell’Istituto Gramsci, Einaudi, Torino 2014). Il centro-destra, non a caso, in questi mesi ce ne ha mostrato la solita forma farsesca. Bastino, quindi, le parole di Gramsci: «Il concetto prettamente italiano di “sovversivismo” può essere spiegato così: una posizione negativa e non positiva di classe: il “popolo” sente che ha dei nemici e li individua solo empiricamente nei così detti signori». Resta il fatto che questo «“sovversivismo” popolare è correlativo al “sovversivismo” dall’alto, cioè al non essere mai esistito un “dominio della legge”, ma solo una politica di arbitrii e di cricca personale o di gruppo».

È certo che questa crisi, almeno al campo progressista e di sinistra del Paese, imporrà un profondo lavoro socio-culturale, oltre che politico ed economico. Pena il lasciar prevalere tendenze ancora peggiori di quelle che ci hanno condotto sin qui: le stesse che ci condurrebbero, da un lato, a maggiori speculazioni economiche, politiche e finanziare e dall’altro alla riaffermazione della violenza come unico modo d’esistenza e di legittimazione sociale e politica. 


Edoardo Raimondi è giornalista pubblicista, dottorando in Filosofia

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...