martedì 26 Gennaio 2021

Il bonus bicicletta piace agli italiani. Ecco perché è una moda che non passerà
I

Durante il lockdown ci siamo ormai abituati a vedere, ordinata, la fila davanti ai supermercati. Ma la fila davanti ai negozi di biciclette, è davvero una novità. In tante città, basta avvicinarsi ai negozi di sport – grandi e piccoli che siano – per toccare con mano che qualcosa sta davvero cambiando. Le biciclette vanno letteralmente a ruba e addirittura i ricambi cominciano a scarseggiare. Tutto merito del bonus da 500 euro per sostenere la mobilità attiva, tirato fuori dal cilindro del Ministero dei Trasporti, e incluso nel decreto Rilancio dal Governo. E’ piaciuto così tanto ai cittadini, che viene spontaneo chiedersi: ma perché non è mai stato fatto prima?

“E’ vero”, ci dice Alessandro Tursi, Presidente di FIAB, Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, “siamo davanti ad un Rinascimento per la bici. Finalmente dopo 30 anni di richieste si sono messe delle risorse per queste settore. Sempre troppo poche in confronto a quelle concesse per le auto, ma non possiamo che esserne contenti. Era davvero il momento di invertire le tendenza e dare un messaggio in difesa dell’ambiente e per la sicurezza delle persone”.

I numeri parlano chiaro: ogni anno in Italia si vendono circa 1 milione e 200 mila biciclette ma ciò che ancora manca è un vero cambio di mentalità. Non tanto, e non solo, nei cittadini ma negli amministratori. Pedalare non è ancora considerato sicuro dagli utenti e necessita di modifiche alla mobilità nelle nostre città, che per pigrizia o scarsistà di risorse non vengono mai fatte. Ma ora non ci sono più scuse.

Se sempre più persone utilizzeranno le bici per i proprio spostamenti, saranno sempre più sensibili ai temi che riguardano i ciclisti, e in generale all’ambiente, e pretenderanno dai partiti e da chi li rappresenta in Parlamento, normative in tal senso, mettendo in atto un circolo virtuoso che non può non giovare a tutti. “La cosa davvero importante – dice ancora il Presidente di Fiab – non è aver previsto gli incentivi, che ovviamente sono sempre ben accetti, ma che siano accompagnati da un cambiamento del codice della strada”.

Ad esempio, nel Decreto Rilancio viene accolta una delle tanta battaglie di Fiab, quella della case avanzate. In piena sintonia con la campagna Prima la Bici, le case avanzate ne sono una traduzione urbanistica perfetta: ad ogni semaforo spazi per la biciclette in attesa del verde davanti alle auto in coda. Un intervento che mette in sicurezza gli utenti attivi della strada e rende più veloci gli spostamenti in bicicletta (a vantaggio di tutti). E poi ovviamente le bike line. Nel decreto si dice che le corsie ciclabili si potranno realizzare a prescindere dalla larghezza della strada, una rivoluzione per il nostro Paese che può mettere le basi per diventare un paese europeo in senso bike friendly.

Se il modello della Danimarca o dell’Olanda sono ancora una chimera, secondo Tursi, qualcosa di buono si può fare subito: “Siamo molto indietro ma possiamo recuperare. Certo, non possiamo aspettare che i sindaci facciano le piste ciclabili protette dai cordoli in città dove attualmente non c’è niente per la mobilità attiva. Possiamo, però, fare subito e bene molti interventi più leggeri che sono ugualmente efficaci. Guardiamo al modello Parigi o di alcune città spagnole”.

Ma la corsa la bicicletta sarà solo una moda passeggera? Per il presidente di Fiab anche le mode possono diventare prassi: “In un Paese come il nostro dove la macchina è il mezzo di spostamento preferito anche in città e dove esiste un eccesso di motorizzazione, quello che sta avvenendo nel mondo delle biciclette è davvero sorprendente. Anche perché, è giusto sottolinearlo, non è nemmeno gonfiato dalla pubblicità. Già prima dei decreti le persone hanno cominciato ad acquistare biciclette, semplicemente perché hanno capito che è il mezzo migliore sotto tanti punti di vista”.

Insomma con il ritorno al lavoro, la necessità di rimanere distanziati e la stagione estiva alle porte – anche se in Italia ogni stagione è perfetta per pedalare – l’uso della bicicletta pare che entrerà a far parte della nostra nuova normalità. L’ambiente e la salute ringraziano.

Più letti

Zingaretti a Radio Immagina: “Il Pd non crea problemi ma cerca soluzioni. Al lavoro per un governo autorevole”

Al termine dell'incontro con le sigle sindacali per discutere del recovery plan, il segretario del Pd Nicola Zingaretti è intervenuto in diretta ai microfoni...

Radio Immagina – L’intervista di Giuliano Giubilei a Walter Veltroni

Ogni settimana Giuliano Giubilei intervista per Radio Immagina una personalità del mondo della politica e della società civile. Un momento di confronto per approfondire,...

Radio Immagina – Topi di campagna, topi di città. Storie di animali, natura ed ecologia quotidiana

Questa è una trasmissione per tutte le ascoltatrici e gli ascoltatori che coltivano una piantina sul davanzale, che si accorgono se sono tornati i...

Radio Immagina – La settimana scientifica. Rotocalco di ricerca, innovazione e tecnologie

La settima scientifica è una rubrica per coloro che hanno curiosità scientifiche e sono interessati a capire quanto, scoperte, conquiste scientifiche, innovazione e trasferimento...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Condivido l’articolo sul bonus bicicletta, tuttavia il decreto offre questa opportunità solo ai cittadini che risiedono in città con più di 50.000 abitanti. Le mie perplessità sono legate a tre aspetti, il primo è che le grandi città hanno ormai adottato un sistema efficiente di bikesharing e quindi sono molti i cittadini che usano il sistema, senza incorrere a rotture dei mezzi o addirittura furto della stessa bicicletta. Il secondo aspetto e che i cittadini, residenti nei comuni cintura, vicini alle grandi città, vedi Pavia, che ha un grande sistema universitario, non potranno cogliere l’opportunità data dal bonus. Il terzo è legato alla carenza di piste ciclabili, dentro e fuori gli agglomerati urbani, non basta dipingere strisce dedicate alle biciclette, va fatto un grande sforzo per creare le giuste condizioni nelle città, piccole e grandi. E’ un opportunità importante quella del bonus bicicletta, ma non per tutti.

  2. Condivido l’articolo sul bonus bicicletta, tuttavia il decreto offre questa opportunità solo ai cittadini che risiedono in città con più di 50.000 abitanti. Le mie perplessità sono legate a tre aspetti, il primo è che le grandi città hanno ormai adottato un sistema efficiente di bikesharing e quindi sono molti i cittadini che usano il sistema, senza incorrere a rotture dei mezzi o addirittura furto della stessa bicicletta. Il secondo aspetto e che i cittadini, residenti nei comuni cintura, vicini alle grandi città, vedi Pavia, che ha un grande sistema universitario, non potranno cogliere l’opportunità data dal bonus. Il terzo è legato alla carenza di piste ciclabili, dentro e fuori gli agglomerati urbani, non basta dipingere strisce dedicate alle biciclette, va fatto un grande sforzo per creare le giuste condizioni nelle città, piccole e grandi. E’ un opportunità importante quello del bonus bicicletta, ma non per tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...