domenica 27 Settembre 2020

Chiedere il cambiamento non basta, bisogna praticarlo
C

Le tonnellate di gasolio riversate nei fiumi della Siberia. I livelli di ozono in Lombardia che tornano a salire. La cattiveria umana che uccide animali indifesi. Chiusi nelle nostre case, impauriti, anzi terrorizzati da una pandemia che si diffondeva in tutto il mondo abbiamo promesso a noi stessi che il mondo nuovo sarebbe stato diverso, migliore. Ma se queste sono le premesse, non ci siamo proprio. Di quali altre prove abbiamo bisogno per cambiare registro? Fra i tanti messaggi di allarme che hanno attraversato il Pianeta negli ultimi mesi, il COVID-19 è sicuramente il più immediato e tangibile, quello che ci ha costretto a fermarci per riflettere ma non è l’unico.

Sembra passata un’eternità ma non possiamo dimenticare gli incendi che soltanto nel gennaio 2020 hanno devastato l’Australia. Non è stato un caso o una tragica fatalità se sono andati distrutti più di 11 milioni di ettari e sono morti più di 1 miliardo di animali: la causa sono le alterazioni climatiche sopra l’Oceano indiano che hanno causato siccità e temperature record. E non è stato l’unico, devastante, effetto: anche il Bacino del Congo, l’Indonesia, l’Alaska e California sono andate in fiamme. Per non parlare dell’Amazzonia, il polmone verde del Pianeta, che è vittima di politiche sconsiderate che stanno compromettendo la nostra stessa sopravvivenza. E poi l’innalzamento delle temperature globali che stanno sciogliendo i ghiacci, mettendo a rischio intere specie di animali e piante e innalzando i livelli dei mari, rendendo il nostro Pianeta un luogo non più sicuro e inospitale.

Siamo noi la causa di tutto questo. La nostra cieca indifferenza e il nostro cinico masochismo. Ma come per alcune persone che si ammalano, una volta guarite, non si curano più delle cause che li hanno portati a star male, anche noi sembra che siamo velocemente tornati ad essere quello che eravamo, anche se profondamente sbagliati.

Quanto ci piaceva condividere le foto dei delfini nei nostri porti, i canali di Venezia con l’acqua trasparente, le città liberate dalle automobili e il silenzio della nostre finestre. Ma poi che cosa è successo?

“In Lombardia la chiusura per la pandemia ha portato ad una riduzione del biossido di azoto del 45%”, si legge in un comunicato della onlus Cittadini per l’aria. A Roma del 70%. Lo studio del Kyoto Club e dell’Istituto sull’inquinamento atmosferico del CNR dedicato alla qualità dell’aria di 14 città italiane nei primi 4 mesi del 2020, quindi in piena emergenza Covid-19, ha registrato un calo ovunque, come era ovvio, e ci ha indicato una strada sicura per vivere meglio. Non possiamo dimenticare infatti che nel nostro Paese nel 2019, circa 14.600 italiani sono morti per inquinamento. Abbiamo un triste primato in Europa in cui spicca la Pianura Padana come zona altamente inquinante.

Ma non c’è solo l’aria. C’è anche l’acqua inquinata, gli sversamenti in mare, la plastica e i rifiuti da riciclare. E ora anche miliardi di mascherine e guanti da smaltire.

Insomma, chiedere un cambiamento non basta, bisogna praticarlo. Stavolta una seconda opportunità non ci sarà, lo dobbiamo avere bene chiaro in testa.

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

3 COMMENTI

  1. L’azione più importante e urgente è di tipo culturale: serve rigettare con forza il modello della crescita infinita, che negli ultimi 40 anni è servito solo ad arricchire una piccolissima minoranza, ai danni di tutti gli altri e del pianeta.

    Per scardinare questo sistema economico fallimentare, è necessario eliminare il ricatto da cui trae forza: quello tra lavoro e sopravvivenza. Bisogna fornire a tutti una base economica che garantisca la soddisfazione delle necessità di base.

    Povertà, disuguaglianze, crisi climatica: ci sono ormai prove sufficienti per suggerire che un singolo intervento, un reddito di base universale, individuale e incondizionato, contribuisce – direttamente o indirettamente – alla maggior parte dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. https://www.change.org/p/giuseppe-conte-istituzione-di-un-reddito-di-base-universale-in-italia/u/26744722

  2. Bisognerebbe mettere i pannelli solari su tutti gli uffici pubblici ..caserme ospedali. municipi ..scuole regioni ecc ecc si risparmierebbe energia e si creerebbe energia. Cosi come i fiumi ..cercare di costruire centrali idrogeologiche nei fiumi ..in modo anche qua di creare energia in tempo di piena..dare incentivi a chi sceglie non solo la coltivazione biologica ma quella manuale …e questo per gli anche per gli allevamenti ..proteggere le api e tutti gli animali in via di estinzione..creare la terapia animale dentro la scuola.. come per esempio avere un gatto un uccello un pesciolino..rinnovare la festa dell’albero piantando un albero che può essere anche da frutto..mettere delle casette di legno per educare i bambini ad amare e rispettare la natura..questo nelle Marche viene fatto solo all’istituto comprensivo Montessoriano …invece sarebbe un modo istruttivo quello di applicarlo in tutti gli istituti comprensivi..

  3. Nelle scuole pubbliche del Trentino si fanno progetti di educazione ambientale e alimentare e attività di riciclo, scuole che hanno laboratori con cura dell’orto…conta anche l’impegno degli adulti nel rinnovare la didattica e nuovo modo di pensare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...