lunedì 18 Gennaio 2021

Chiedere il cambiamento non basta, bisogna praticarlo
C

Le tonnellate di gasolio riversate nei fiumi della Siberia. I livelli di ozono in Lombardia che tornano a salire. La cattiveria umana che uccide animali indifesi. Chiusi nelle nostre case, impauriti, anzi terrorizzati da una pandemia che si diffondeva in tutto il mondo abbiamo promesso a noi stessi che il mondo nuovo sarebbe stato diverso, migliore. Ma se queste sono le premesse, non ci siamo proprio. Di quali altre prove abbiamo bisogno per cambiare registro? Fra i tanti messaggi di allarme che hanno attraversato il Pianeta negli ultimi mesi, il COVID-19 è sicuramente il più immediato e tangibile, quello che ci ha costretto a fermarci per riflettere ma non è l’unico.

Sembra passata un’eternità ma non possiamo dimenticare gli incendi che soltanto nel gennaio 2020 hanno devastato l’Australia. Non è stato un caso o una tragica fatalità se sono andati distrutti più di 11 milioni di ettari e sono morti più di 1 miliardo di animali: la causa sono le alterazioni climatiche sopra l’Oceano indiano che hanno causato siccità e temperature record. E non è stato l’unico, devastante, effetto: anche il Bacino del Congo, l’Indonesia, l’Alaska e California sono andate in fiamme. Per non parlare dell’Amazzonia, il polmone verde del Pianeta, che è vittima di politiche sconsiderate che stanno compromettendo la nostra stessa sopravvivenza. E poi l’innalzamento delle temperature globali che stanno sciogliendo i ghiacci, mettendo a rischio intere specie di animali e piante e innalzando i livelli dei mari, rendendo il nostro Pianeta un luogo non più sicuro e inospitale.

Siamo noi la causa di tutto questo. La nostra cieca indifferenza e il nostro cinico masochismo. Ma come per alcune persone che si ammalano, una volta guarite, non si curano più delle cause che li hanno portati a star male, anche noi sembra che siamo velocemente tornati ad essere quello che eravamo, anche se profondamente sbagliati.

Quanto ci piaceva condividere le foto dei delfini nei nostri porti, i canali di Venezia con l’acqua trasparente, le città liberate dalle automobili e il silenzio della nostre finestre. Ma poi che cosa è successo?

“In Lombardia la chiusura per la pandemia ha portato ad una riduzione del biossido di azoto del 45%”, si legge in un comunicato della onlus Cittadini per l’aria. A Roma del 70%. Lo studio del Kyoto Club e dell’Istituto sull’inquinamento atmosferico del CNR dedicato alla qualità dell’aria di 14 città italiane nei primi 4 mesi del 2020, quindi in piena emergenza Covid-19, ha registrato un calo ovunque, come era ovvio, e ci ha indicato una strada sicura per vivere meglio. Non possiamo dimenticare infatti che nel nostro Paese nel 2019, circa 14.600 italiani sono morti per inquinamento. Abbiamo un triste primato in Europa in cui spicca la Pianura Padana come zona altamente inquinante.

Ma non c’è solo l’aria. C’è anche l’acqua inquinata, gli sversamenti in mare, la plastica e i rifiuti da riciclare. E ora anche miliardi di mascherine e guanti da smaltire.

Insomma, chiedere un cambiamento non basta, bisogna praticarlo. Stavolta una seconda opportunità non ci sarà, lo dobbiamo avere bene chiaro in testa.

Più letti

La nuova versione del Recovery Plan, le richieste del PD e il riformismo immaginario

La prima bozza del Recovery Plan non ci piaceva. Lo abbiamo detto a Conte e ai ministri. Ritenevamo sbagliato urlarlo, additando al pubblico ludibrio...

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Articoli correlati

3 COMMENTI

  1. L’azione più importante e urgente è di tipo culturale: serve rigettare con forza il modello della crescita infinita, che negli ultimi 40 anni è servito solo ad arricchire una piccolissima minoranza, ai danni di tutti gli altri e del pianeta.

    Per scardinare questo sistema economico fallimentare, è necessario eliminare il ricatto da cui trae forza: quello tra lavoro e sopravvivenza. Bisogna fornire a tutti una base economica che garantisca la soddisfazione delle necessità di base.

    Povertà, disuguaglianze, crisi climatica: ci sono ormai prove sufficienti per suggerire che un singolo intervento, un reddito di base universale, individuale e incondizionato, contribuisce – direttamente o indirettamente – alla maggior parte dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. https://www.change.org/p/giuseppe-conte-istituzione-di-un-reddito-di-base-universale-in-italia/u/26744722

  2. Bisognerebbe mettere i pannelli solari su tutti gli uffici pubblici ..caserme ospedali. municipi ..scuole regioni ecc ecc si risparmierebbe energia e si creerebbe energia. Cosi come i fiumi ..cercare di costruire centrali idrogeologiche nei fiumi ..in modo anche qua di creare energia in tempo di piena..dare incentivi a chi sceglie non solo la coltivazione biologica ma quella manuale …e questo per gli anche per gli allevamenti ..proteggere le api e tutti gli animali in via di estinzione..creare la terapia animale dentro la scuola.. come per esempio avere un gatto un uccello un pesciolino..rinnovare la festa dell’albero piantando un albero che può essere anche da frutto..mettere delle casette di legno per educare i bambini ad amare e rispettare la natura..questo nelle Marche viene fatto solo all’istituto comprensivo Montessoriano …invece sarebbe un modo istruttivo quello di applicarlo in tutti gli istituti comprensivi..

  3. Nelle scuole pubbliche del Trentino si fanno progetti di educazione ambientale e alimentare e attività di riciclo, scuole che hanno laboratori con cura dell’orto…conta anche l’impegno degli adulti nel rinnovare la didattica e nuovo modo di pensare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...