giovedì 2 Luglio 2020

Il senso di Salvini per la privacy
I

Ieri il senatore Salvini, in una tappa del suo viaggio in Italia – che probabilmente potremmo ridenominare no mascherina tour – ci ha tenuto a dire che non scaricherà l’app Immuni. Motivo? Secondo lui ci vogliono garanzie totali sui dati, per una questione di privacy.

Fermo restando che è importante assicurare la privacy e su questo il Pd ha chiesto per primo garanzie, fa specie che a sottolineare tutto questo sia proprio l’ex ministro dell’Interno.

Da bolognese, da emiliano-romagnolo impegnato attivamente nella campagna elettorale dello scorso gennaio, non dimenticherò mai la sua becera strumentalizzazione del citofono, a una settimana dal voto, probabilmente stressato dai sondaggi che annunciavano già una sconfitta per la Lega.

Ve la ricordate? Su segnalazione di una signora, senza avvisare le forze dell’ordine, Salvini col favore delle telecamere, in una diretta Facebook seguita da migliaia di persone, davanti a cittadini e giornalisti, andò sotto casa di un ragazzo, minorenne fra l’altro, chiedendo “scusi, lei spaccia?”. «Ci hanno segnalato una cosa sgradevole e vorremmo che lei la smentisse. Ci hanno segnalato che da lei parte lo spaccio della droga qua in quartiere. Ce l’hanno detto dei cittadini. Hanno detto il giusto o è sbagliato?».

Nessun rispetto per la privacy, nessun rispetto per la legge, nessuna certezza di parlare a un “colpevole”, nessun successivo pentimento per un gesto orribile, nonostante le critiche arrivate da più fronti.

Quel ragazzo ovviamente non aveva capi di imputazione, ma questo non serviva al tribunale social di Salvini e alla sua smania di like su un social network che, per altro, per la sola iscrizione chiede informazioni ben maggiori rispetto a quelle necessarie per accedere a “Immuni”, un’app creata per aiutarci a uscire prima possibile da questa pandemia.

Pare che, nell’ottica della propaganda leghista, il database sia utile e accettabile solo per aumentare l’influenza del “Capitano” e non per informarci se siamo stati a contatto con un infetto.

Questione di “priorità”. Per fortuna che quelle degli italiani stanno cambiando, come dimostrano i sondaggi.

Più letti

“Omotransfobia e misoginia, una legge per ridurre le disuguaglianze”. Parla Alessandro Zan

Nell’Unione europea tutti i grandi Paesi hanno leggi che tutelano le persone dall’odio legato all’orientamento sessuale e all’identità di genere. Tutti tranne...

Più soldi in busta paga per 16 milioni di lavoratori. Ed è solo il primo passo

https://youtu.be/ubJRs5qctm8 Oggi è un giorno importante perché entra in vigore una delle misure più significative che il...

Il nuovo Mes un risultato da rivendicare, per l’intero governo. Parla Nicola Oddati

Il taglio del cuneo fiscale inserito nell’ultima Legge di Bilancio in vigore da oggi, che significherà 100 euro in più in busta...

In Puglia una lista di amministratori locali per una nuova alba politica

È inutile girarci intorno: il terreno dei personalismi, dei cambi di casacca, delle individualità ha cancellato il confronto delle idee e dei...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

‘Bonus vacanze’ da oggi al via: come si ottiene e a chi spetta

Come stabilito nel decreto rilancio, da oggi primo luglio scatta la possibilità per gli italiani di richiedere il 'Bonus vacanze'. Un'iniziativa che...

La scrittura per evadere dai social e dal ‘cattivismo’. La lezione di Francesco Trento

Il Coronavirus ci ha bloccato in casa 2 mesi. Un tempo lunghissimo che ci ha costretto a rivedere le nostre priorità ma anche...

Il design della distanza

Tratto da Covid and the City. Le città che saremo, serie POST sulle città dopo il coronavirus. Domande, appunti, proposte concrete. Saremo...

Lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, che fare (ora)?

La crisi funziona sempre come un amplificatore delle disfunzionalità di sistema. Il trauma interrompe il tessuto della quotidianità e della “normalità”, ma...

Street Art, un nuovo Rinascimento. Se non in Italia, dove?

Negli ultimi anni il fenomeno della street art è diventato di dominio mondiale. Quelli che in un tempo, ormai lontano, venivano definitivi...