domenica 27 Settembre 2020

Il senso di Salvini per la privacy
I

Ieri il senatore Salvini, in una tappa del suo viaggio in Italia – che probabilmente potremmo ridenominare no mascherina tour – ci ha tenuto a dire che non scaricherà l’app Immuni. Motivo? Secondo lui ci vogliono garanzie totali sui dati, per una questione di privacy.

Fermo restando che è importante assicurare la privacy e su questo il Pd ha chiesto per primo garanzie, fa specie che a sottolineare tutto questo sia proprio l’ex ministro dell’Interno.

Da bolognese, da emiliano-romagnolo impegnato attivamente nella campagna elettorale dello scorso gennaio, non dimenticherò mai la sua becera strumentalizzazione del citofono, a una settimana dal voto, probabilmente stressato dai sondaggi che annunciavano già una sconfitta per la Lega.

Ve la ricordate? Su segnalazione di una signora, senza avvisare le forze dell’ordine, Salvini col favore delle telecamere, in una diretta Facebook seguita da migliaia di persone, davanti a cittadini e giornalisti, andò sotto casa di un ragazzo, minorenne fra l’altro, chiedendo “scusi, lei spaccia?”. «Ci hanno segnalato una cosa sgradevole e vorremmo che lei la smentisse. Ci hanno segnalato che da lei parte lo spaccio della droga qua in quartiere. Ce l’hanno detto dei cittadini. Hanno detto il giusto o è sbagliato?».

Nessun rispetto per la privacy, nessun rispetto per la legge, nessuna certezza di parlare a un “colpevole”, nessun successivo pentimento per un gesto orribile, nonostante le critiche arrivate da più fronti.

Quel ragazzo ovviamente non aveva capi di imputazione, ma questo non serviva al tribunale social di Salvini e alla sua smania di like su un social network che, per altro, per la sola iscrizione chiede informazioni ben maggiori rispetto a quelle necessarie per accedere a “Immuni”, un’app creata per aiutarci a uscire prima possibile da questa pandemia.

Pare che, nell’ottica della propaganda leghista, il database sia utile e accettabile solo per aumentare l’influenza del “Capitano” e non per informarci se siamo stati a contatto con un infetto.

Questione di “priorità”. Per fortuna che quelle degli italiani stanno cambiando, come dimostrano i sondaggi.

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...