lunedì 18 Gennaio 2021

Finalmente il Parlamento ha certificato che i temi ambientali sono una priorità del Paese
F

Quella di martedì è stata una giornata molto importante. Con l’approvazione nell’aula del Senato della mozione di maggioranza sulle iniziative per affrontare l’emergenza climatica, il Parlamento si è fatto carico della necessità di intervenire su questioni chiave per il nostro futuro, dalla riduzione delle emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera alla decarbonizzazione dell’economia, dalla prevenzione del dissesto idrogeologico alla promozione di filiere agricole biologiche.

Importante e tutt’alto che simbolica, la richiesta di avvio di un’azione parlamentare tesa all’inserimento del principio della tutela della natura, dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile nella Costituzione. Con la mozione, si chiede inoltre di rafforzare le misure contenute nel piano nazionale integrato per l’energia e il clima (Pniec) per dare piena attuazione agli impegni adottati nell’ambito dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, di incentivare economia circolare e fonti rinnovabili e disincentivare il consumo di suolo. Tra gli impegni del Parlamento, anche la graduale abolizione dei sussidi ambientalmente dannosi e la transizione verso un sistema di trasporto pubblico sostenibile e la mobilità elettrica.

Si certifica, dopo anni di tentennamenti, che i temi ambientali sono una priorità del Paese di domani. Si certifica che non potrà esserci una ripresa economica scissa dalle questioni ambientali. Il vecchio modello di sviluppo lineare, sempre più in recessione e incapace di generare occupazione e reddito, va messo in soffitta: la crescita passerà sempre più dai settori più innovativi ed eco sostenibili, gli unici capaci di creare occupazione e svilupparsi in modo esponenziale. Insomma, l’Italia e l’Europa sono chiamate a guidare la ripresa post-Covid senza tradire il green Deal

D’altronde, sono sotto i nostri occhi gli effetti positivi sull’ambiente del blocco forzato che ci siamo dovuti imporre nei mesi scorsi per contenere la pandemia. Sarebbe folle non seguire questa scia positiva rafforzandone gli effetti promuovendo un nuovo approccio politico e culturale rispetto alla nostra presenza sul pianeta. Dobbiamo spingere il più possibile verso la decarbonizzazione e la neutralità climatica prevista per il 2050 e cogliere l’opportunità di arrivare al 55% nel 2030, abbassando i costi, snellendo le procedure e promuovendo gli investimenti a favore di basse emissioni. Il Governo ha già iniziato questo percorso virtuoso con il rilancio dell’edilizia urbana sostenibile, con la conversione della mobilità urbana, con l’incentivazione dei consumi a km0. L’aumento della parte della porzione di energie rinnovabili che aiuta alla costruzione del profilo energetico del nostro Paese è oggi una delle principali priorità. 

L’economia verde, l’unica che è cresciuta anche dentro la crisi, è uno dei pilastri su cui ricostruire l’Italia. Il nostro Paese può avere grandi potenzialità se saprà incrociare la modernizzazione ecologica dei sistemi produttivi ed industriali sul patrimonio di civiltà, bellezza, creatività e sulle vocazioni di territori ad alta qualità ambientale che fanno la forza del Made in Italy. La sostenibilità ambientale non è un vincolo o una zavorra, ma una grandissima opportunità di innovazione e competitività. È la via per valorizzare aree naturali e protette, per rafforzare la biodiversità, per ridare centralità alle aree interne e rurali, per rigenerare il patrimonio di tanti piccoli Comuni. Per affrontare la ripresa, dunque, abbiamo di fronte una serie di atti, alcuni di immediato intervento, altri più di prospettiva. La strada intrapresa è quella giusta.


Roberto Morassut è sottosegretario all’Ambiente

Più letti

La nuova versione del Recovery Plan, le richieste del PD e il riformismo immaginario

La prima bozza del Recovery Plan non ci piaceva. Lo abbiamo detto a Conte e ai ministri. Ritenevamo sbagliato urlarlo, additando al pubblico ludibrio...

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Ci restano dieci anni per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e siamo in ritardo.

    Sappiamo da esperimenti di reddito di base universale, individuale e incondizionato che questa misura ha effetti positivi impressionanti sotto tanti punti di vista, e contribuisce direttamente o indirettamente alla maggior parte dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite di Agenda 2030.

    https://www.facebook.com/groups/IstituzioneRedditoDiBaseUniversalePetizione/permalink/664722661038882/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...