domenica 27 Settembre 2020

La sfida della riconversione ecologica è davanti a noi e stiamo cominciando a coglierla
L

Con una mozione di maggioranza a mia prima firma, il Senato ha impegnato il governo a dichiarare nel nostro Paese l’emergenza ambientale e climatica e ad agire di conseguenza. Palazzo Madama ha compiuto un passo che assume un significato ancora più rilevante nell’avvio della Fase3, quella del rilancio della società e dell’economia italiane dopo il lockdown necessario per affrontare la pandemia da Covid19, che ha portato a 33mila vittime.

In questa situazione di crisi, è sempre più evidente che la rinascita dell’Italia non può che passare attraverso un nuovo modello di sviluppo che promuova una società più inclusiva, equa e sostenibile e quindi sugli investimenti in questa direzione. Dobbiamo puntare sull’innovazione e sulla ricerca, sulla transizione ecologica verso la neutralità carbonica, sulle produzioni efficienti, sulla rigenerazione urbana, sulla mobilità sostenibile, sull’efficienza energetica e le energie rinnovabili, sulla diminuzione del consumo di suolo, sulla rigenerazione urbana, sulla lotta ad ogni forma di inquinamento e sull’economia circolare.

La preoccupazione per l’emergenza climatica che mette a rischio la vita sul Pianeta e che ha portato milioni di ragazzi del Fridays for Future nelle strade di tutto il mondo è stata accantonata dall’opinione pubblica durante la crisi per la pandemia, ma è un problema quanto mai attuale. Come ha rilevato il Copernicus center, maggio 2020 è stato il mese più caldo di sempre, con temperature più alte in media di 0,63 gradi centrigradi sul tutto il pianeta, che si sono tradotte in 10 gradi in più in Siberia. Sappiamo da molto tempo, dalle elaborazioni dell’Intergovernmental panel on climate change (Ipcc) dell’Onu, che sono rimasti poco più di 10 anni per scongiurare un aumento della temperatura media sul pianeta superiore ai 2 gradi centigradi, che porterebbe all’innescarsi di fenomeni climatici potenzialmente irreversibili per la vita. Come ben sappiamo, ogni anno, il mutamento in corso comporta danni ambientali, migrazioni, ingenti problemi sanitari. Solo l’Italia ha speso tra il 1998 e il 2018, come hanno documentato Cnr e Protezione civile, 20 miliardi di euro per riparare i danni dovuti al dissesto per frane, alluvioni ed esondazioni.

L’Unione europea ha da tempo deciso di guidare nel mondo la transizione verso un’economia e una società più sostenibili, promuovendo un’articolata legislazione in materia e i negoziati per il Protocollo di Kyoto, l’accordo internazionale per contrastare il riscaldamento climatico e quindi per ridurre le emissioni di gas climalternati di anidride carbonica in atmosfera e per la sua piena attuazione, attraverso le ricorrenti Conferenze delle parti (Cop).

In coerenza con questa storia, la nuova Commissione europea guidata dalla presidente Ursula Von der Leyen ha lanciato a gennaio il progetto del “Green New Deal”, per finanziare tra il 2021 e il 2027 la transizione verso la neutralità climatica del nostro continente entro il 2050. Lo strumento individuato è InvestEu con 1000 miliardi di investimenti diretti. Non solo, “Next Generation Eu”, la proposta di Bilancio Ue 2021-2027, cui si è affianca il “Recovery Instrument” di 750 miliardi di euro per rilanciare l’economia dopo il Coronavirus, prevedono quale pilastro fondamentale la transizione verde e digitale e l’accelerazione verso la neutralità carbonica. In questo contesto molti Stati membri hanno già dichiarato l’emergenza climatica e ambientale, per far convergere ogni sforzo verso l’obiettivo della neutralità carbonica al 2050. Con questa mozione, come Senato abbiamo impegnato il governo ad un piano complessivo e innovativo di straordinaria portata, scandito in 22 punti specifici, dichiarando l’emergenza climatica ed ambientale per utilizzare appieno tutti gli strumenti già previsti e mettere in campo ulteriori politiche dedicate.

Si tratta di continuare a ridurre le emissioni e di puntare a decarbonizzare l’economia, di impegnarsi per la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti del clima già in atto, di rafforzare le misure del piano nazionale integrato per l’energia e il clima, di rivedere tutti gli incentivi esistenti per l’efficientamento energetico e tutti i sussidi ambientalmente dannosi, di mettere in campo politiche di trasporto, edilizia e modelli di produzione sostenibili nell’ottica dell’Economia circolare, di rigenerare le città e gli edifici pubblici e privati, di mettere in sicurezza il territorio.

Molti passi avanti sono già stati compiuti, per esempio stiamo adottando le nuove direttive per l’ Economia circolare, per puntare sul riciclo, il recupero, il riuso, la riduzione e l’eliminazione dei rifiuti, la diminuzione degli impatti ambientali e dell’inquinamento. Il voto unanime appena avvenuto sul primo provvedimento proprio sull’Economia circolare, ove sono stato relatore, è un segnale molto confortante. E’ una scommessa che non possiamo perdere. Oggi è più che mai il momento di raccogliere la sfida del cambiamento, che questa nuova crisi sanitaria ed economica ci pone di fronte, utilizzando l’ambiente e la riconversione ecologica dell’economia come volano imprescindibile verso il futuro.


Andrea Ferrazzi, Capogruppo Pd Commissione Ambente e Territorio Senato, Vicepresidente Commissione Ecomafie

Più letti

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Vince il Pd che ha scelto da che parte stare

“Ha vinto una squadra, una comunità, la passione. Non si vince da soli, sempre insieme”. Questa parole del nostro Segretario Nicola Zingaretti...

La responsabilità del Pd oggi è guidare il cambiamento dell’Italia

I positivi risultati elettorali - sia del referendum sia delle regionali - mettono il PD di fronte ad una nuova responsabilità. Una...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...