mercoledì 2 Dicembre 2020

Dobbiamo invertire il paradigma del traffico
D

Per lanciare un vero trasporto sostenibile e rivoluzionare le grandi città, il bonus per mezzi elettrici non basta. E’ importante, ma per far sì che venga usato da una buona parte della popolazione, qualsiasi mezzo sostenibile necessita di vie sicure e libere da traffico automobilistico.

Perché già è molto rischioso viaggiare in auto (per questo prima molte famiglie sceglievano i suv pure in città) ma in bici è veramente pericoloso se non ci sono ciclabili separate.

Il problema adesso è la continuità delle ciclabili perché molte piste si interrompono e necessitano di attraversamenti stradali pericolosi. Penso che la soluzione immediata sia nell’urbanismo tattico e nel creare fasce temporali in cui alcuni percorsi che possano essere di lavoro (dal lunedì al venerdì tra le 7 e le 8 e pomeriggio 5/6) e per svago (il sabato e domenica) siano inibiti al traffico veicolare ed a uso delle bici.

Questo è possibile e non aggraverebbe il traffico perché toglierebbe molto traffico di automobilisti singoli che si sposterebbero in bici e simili.

Qui un esempio di proposta per svago (sabato e domenica) ma che poi chiudendo nelle fasce indicate le aree dove passa la ciclabile tra Torrino ed Eur potrebbe diventare pure lavorativa. Favorire il trasporto sostenibile intraquartiere e negli spostamenti medi di città è possibile.

Dobbiamo invertire il paradigma del traffico, da creare maggiori spazi per le auto a ridurli a favore di mezzi elettrici e ciclabili creando piste sicure e prive di traffico automobilistico per spostamenti di lavoro e scuola (licei in particolare).

Molti spostamenti (stimati in 60%) quotidiani sono per tratti tra 3 e 12 km e percorribili se in condizioni di piste sicure pure in bici.

Una altra importante iniziativa, a Roma, potrebbe essere sperimentata chiudendo il sabato e la domenica la laterale della Colombo per arrivare al mare.

Spero di essere stato utile e d’ispirazione.

Più letti

Quanta ipocrisia su Diego. Era un mito anche per le sue fragilità, si chiama vita

Quante polemiche, moralismo, bigottismo e ipocrisia inutile in questi giorni su Diego Armando Maradona. Lasciate perdere. Lasciate perdere chi pensa di separare l'uomo dal giocatore...

I valori comuni europei non sono in vendita

Come ormai noto l’Ungheria e la Polonia, con il sostegno della Slovenia, hanno bloccato l’approvazione dell’accordo raggiunto faticosamente a luglio dai rappresentanti del Consiglio...

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Cybersecurity: non la trama di un film di fantascienza, ma una impellente necessità

La cybersecurity non è più soltanto una questione da addetti ai lavori, né la trama di un film di fantascienza. Proprio per questo, credo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...