mercoledì 2 Dicembre 2020

Per una politica alimentare europea è il tempo del salto di qualità
P

Non tutti sanno che l’Europa è un gigante del cibo. Dei primi dieci paesi esportatori, ben sei sono del Vecchio Continente con oltre il 26 per cento del cibo movimentato nel pianeta.

Tutto bene dunque? Non diremmo. Non si possono sottovalutare le difficoltà che tante filiere hanno sofferto per le restrizioni alle esportazioni, l’altalena dei prezzi e le storture della logistica. La vecchia politica agricola comune non basta più, la nuova politica alimentare europea non c’è ancora. Ma è adesso il tempo del salto di qualità.

Lungo quali direttrici? La Commissione ha presentato la strategia “Farm to Fork” (dal produttore al consumatore) nel quadro del Green Deal. Prevede una riduzione dei pesticidi del 50% e un aumento delle produzioni biologiche del 25%. Gli obiettivi sviluppano la massima sostenibilità, anche abbattendo i fertilizzanti almeno del 20% e le vendite di antibiotici del 50%. L’obiettivo è anche quello di introdurre un’etichettatura obbligatoria che informi il cittadino degli aspetti nutritivi, climatici, ambientali e sociali del cibo Made in Europe.

Se Farm to Fork sarà un successo o un flop, dipenderà da come la Politica Agricola Comune verrà modificata in funzione di questi obiettivi. Su molte politiche si rinvia di due o tre anni l’attuazione. Per altre, a fronte di richieste ambientali molto impegnative, non si individuano strumenti di integrazione al reddito adeguati. La transizione, senza misure di accompagnamento, rischia di restare sulla carta. O peggio, di scaricarsi sugli anelli deboli realizzando un cortocircuito tra sostenibilità ed equità già vissuto coi gilet gialli francesi.

Un segnale importante tuttavia è arrivato grazie al Recovery Fund che destina 24 miliardi di euro aggiuntivi alla Politica Agricola e al Programma di Sviluppo Rurale. A tutto questo però va aggiunto un impegno decisivo. È probabile che si accelereranno processi di diversificazione degli approvvigionamenti e le filiere si concentreranno su scala regionale. Il fronte europeo sarà nevralgico. Gli Stati membri dovrebbero garantire l’autonomia europea negli approvvigionamenti. E le forniture alimentari, al pari di quelle tecnologiche, comunicative, energetiche, biomedicali e farmaceutiche sono di primaria importanza.

Il rischio è quello che esploda la competizione tra paesi e non possiamo permettercelo. Garantire la sovranità europea davanti alle strategie dei principali soggetti globali è questione essenziale che sta già modificando temi come le discipline sugli aiuti di stato e sulla concorrenza.

Per l’Italia è un passaggio delicato soprattutto per le nostre piccole e medie aziende che rischiano di essere prede di gruppi stranieri. L’estensione del Golden Power a diversi settori e al comparto alimentare è un passo giusto per avere la possibilità di intervenire.

Ha ragione chi dice che si è aperta una stagione di ridefinizione degli equilibri tra Stato e mercato. Ora va decisa anche una strategia per un moderno ed equo sistema alimentare europeo. Perché, non dimentichiamolo, una delle missioni dell’Europa è garantire cibo sano, sicuro e sufficiente ai suoi cittadini.


Maurizio Martina è parlamentare, è stato segretario del Pd e ministro dell’Agricoltura

Più letti

La legge sul divorzio compie 50 anni. Diede il via alla rivoluzione dei diritti

Il 1º dicembre 1970 il divorzio venne introdotto nell'ordinamento giuridico italiano. Cinquant'anni da quel primo dicembre 1970 quando il Parlamento diede il via libera alla 'Disciplina...

Cybersecurity: non la trama di un film di fantascienza, ma una impellente necessità

La cybersecurity non è più soltanto una questione da addetti ai lavori, né la trama di un film di fantascienza. Proprio per questo, credo...

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

La transizione energetica deve passare anche dall’ascolto dei territori

Si sente molto parlare di transizione energetica.  L’Europa vuole fermare il cambiamento climatico tagliando le emissioni di gas serra in modo radicale e va...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

La sfida per la legalità riparte dai ‘boschi’: ecco come Troina ha vinto il Premio Comuni virtuosi 2020

Rispetto all’antica e originaria vocazione, che li vedeva in prima linea soprattutto nella gestione dei servizi fondamentali per i cittadini, oggi gli enti locali sono...

“Il Jazz per salvare i ragazzi, anche dal Covid”. L’idea di Massimo Nunzi, trombettista e inventore del GiocaJazz

Il suo primo incontro con la musica non è stato dei più felici. Il suo primo maestro di Conservatorio non ha riconosciuto il suo...

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...