giovedì 24 Settembre 2020

No, il metano non è adatto alla transizione energetica
N

Ultimamente, si parla tanto di tematiche ambientali; gli ultimi report, dell’IPCC, hanno evidenziato la necessità di agire, subito, per contenere gli effetti della crisi climatica.

Per raggiungere gli obbietti prefissati, dovremo operare su più fronti; uno degli aspetti principali, riguarda la transizione energetica, verso le cosìddette “fonti rinnovabili“.

Queste ultime, consistono in sistemi di produzione illimitati e ad impatto ambientale pressoché nullo; rientrano, in questa categoria: l’energia eolica, quella fotovoltaica, quella idroelettrica, quella geotermica, quella termodinamica e quella a biomassa.

A breve, probabilmente, verrà introdotto anche un’altro sistema, capace di sfruttare le onde del mare, per raggiungere tale scopo.

Nonostante il nostro territorio sia ricco di risorse, ed esistano vari sistemi per produrre energia “verde”, alcune Regioni – in accordo col governo centrale – hanno deciso di promuovere lo sviluppo di grandi opere, inutili; parliamo del metanodotto, in Sardegna, e del gasdotto, Trans-Adriatico, nel sud Italia.

Questi progetti, purtroppo, non rappresentano un reale modello di transizione; il gas naturale, infatti, contribuisce all’effetto serra e non aiuta a risolvere la crisi climatica; sarebbe opportuno, invece, semplificare alcuni iter burocratici e incentivare lo sviluppo di una grande comunità energetica, “green”.

I ragazzi e le ragazze di Fridays For Future, in accordo con gli esperti del settore, hanno realizzato una serie di linee guida, consultabili sul sito Ritorno al Futuro; queste ultime, danno informazioni utili su come effettuare il processo di transizione.

I decisori politici, volendo, potrebbero consultarle, per effettuare scelte più consapevoli.

Concludo il discorso ribadendo che il gas non può essere un mezzo utile a condurci fuori dall’epoca del carbone; abbiamo le conoscenze scientifiche e le tecnologie, necessarie, per prendere le giuste decisioni e proiettarci verso un futuro sostenibile; quindi, cosa aspettiamo ad utilizzarle?

Vorremmo, ora più che mai, un vero #ritornoalfuturo.

Più letti

Le regionali e quell’onda verde che da sola non basta

I dati delle ultime elezioni regionali esprimono a mio giudizio un significativo paradosso. Le liste che a vario titolo...

Lega amica del cemento

La Regione Lombardia spostato 30 milioni dalle risorse pubbliche ai fondi immobiliari: oneri in gran parte utilizzati dall'amministrazione comunale per investimenti nei...

Decreti sicurezza, Mes e Recovery Plan. Avanti senza indugi

Archiviate le elezioni che, inevitabilmente, hanno sospeso i tempi della politica in una lunga attesa, è tempo di rimettersi in cammino. Non...

Non negatemi l’entusiasmo della politica

In questi giorni sui miei profili social ho esposto alcuni ritagli di giornale che si focalizzavano sul mio aspetto esteriore nonostante io...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...

“Scrivo come il reporter di me stesso”. A colloquio con Andrea Pomella

“Mi sento l’inviato di me stesso nel mondo che vivo, ed è questo che voglio raccontare”. È suggestiva l’immagine che ci consegna...