venerdì 14 Agosto 2020

Il nostro viaggio in Italia per riscoprire i valori della politica e della comunità
I

Giovedì 23 luglio inizieremo un lungo viaggio di 2000 chilometri, da Casa Matteotti a Casa Pertini. Attraverseremo l’Italia che andrà al voto per riscoprire i valori della politica e della comunità. Sarà un viaggio in cui protagonisti saranno i territori che si racconteranno in tutte le loro bellezze, le loro contraddizioni, i loro difetti e le loro virtù.

Sarà un viaggio introspettivo della politica, alla ricerca di se stessa, lontana dai nomi, dalle strategie social, dagli accordi di Palazzo, dai riflettori. Un viaggio che non sarà un tour elettorale, ma un tour politico, in cui la politica si riscopre nel suo senso più alto. Non si parlerà di nomi e tantomeno di alleanze, bensì di visioni, di persone, di comunità. Il tutto legato da un unico filo rosso che esalta il tessuto sociale e che riduce le distanze geografiche, sociali ed ideologiche.

Le tappe del tour

Dimostreremo che la politica può anche non essere solo propaganda, interessi di partito o coalizioni contraddittorie come, purtroppo, ci stiamo abituando a pensare. Vogliamo parlare di diritti, di idee, di progetti, di ambizioni, di futuro, di giovani, di ambiente, di lavoro. Vogliamo sognare un’Italia diversa e una politica migliore che non teme di affrontare battaglie civili perché “divisive”. Parleremo di Ius soli, degli ultimi, degli invisibili, degli indifesi, dei deboli, daremo voce alle ingiustizie e alle disuguaglianze sociali. Parleremo di comunità e di valori.

Ci siamo fissati l’obiettivo di combattere il sovranismo, il populismo, il razzismo, la discriminazione e la violenza. Non possiamo più accettare politiche di odio e di discriminazione istituzionalizzata che, attraverso leggi incostituzionali, alimenta la rabbia sociale. La politica non può e non deve favorire la convivenza tra persone ad uno “Stato di Natura” di matrice Hobbesiana, ma deve favorire un senso di inclusione e di rispetto reciproco. Parleremo dell’importanza della Democrazia, cosa è e cosa non è. Democrazia non è invocare le elezioni ogni tre mesi. E tantomeno è tagliare i rappresentanti del popolo in una sede istituzionale. Democrazia è promulgare leggi che ne rispettino i valori e i diritti civili, politici e di “terza generazione”. Democrazia è il rispetto e la tutela delle minoranze e non la loro discriminazione e precarizzazione.

Siamo stanchi di assistere ad una situazione di degenerazione dei costumi della politica. Siamo stanchi di vedere le minoranze quale bersaglio e capro espiatorio delle malattie croniche di cui questo Paese è affetto. Siamo dei cittadini attivi, un gruppo di persone in cerca di una casa comune in cui riconoscerci, dove possiamo essere chi siamo senza doverci preoccupare di venire attaccati o essere strumentalizzati. Ci facciamo promotori di una sinistra progressista che invoca un intervento pubblico non egemone nel privato, che valorizzi il senso di comunità e che combatta la disuguaglianza sociale.

Siamo un movimento che non vuole mettere un volto davanti agli altri, ma che vuole raccontare i problemi attraverso gli occhi di chi li vive. Portiamo avanti una politica di prossimità, di vicinanza. Una politica che ascolta, che è presente. Una politica che non semplifica la complessità della realtà, ma che cerca di comprenderla senza scadere in Leaderismi tanto eccentrici quanto poco funzionali. Utilizzeremo la Piazza quale mezzo ed il bene comune quale fine.

Qui il link per sostenere il tour della sardine

Più letti

Le mani della mafia sulla ripartenza economica

Il primo report sui danni prodotti dalla crisi porta la data del maggio 2020, tre mesi fa. Lo firma Srm, studi e...

Mari e fiumi senza plastica, l’economia circolare ci salverà

Mai più plastica che galleggia nei nostri fiumi. Mai più rifiuti che inquinano il nostro meraviglioso mare. Il sogno prende forma in...

Patrick Zaki, non mollare. Non ti abbiamo dimenticato

Centonovantanove lettere, centonovantanove giorni. Centonovanta volte “Non mollare, non ti abbiamo dimenticato”. Questo lo scopo della nostra iniziativa, questo...

L’importanza di chiamarsi Kamala

Joe Biden ha deciso. Poche minuti prima del termine ufficiale ha comunicato alla diretta interessata e al mondo che la sua vice...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

L’altro Ennio Morricone. Ciò che non sapete sul rivoluzionario genio musicale

“Mai passivo. Con un punto di vista originale sul mondo. Uno sguardo ribelle a cui si univa una profonda conoscenza della musica,...

Sport significa inclusione e coesione, diamo alle associazioni gli strumenti che meritano

Una scelta importante, in un momento di forte attenzione per tutto il mondo sportivo. Come PD vogliamo sottolineare l’importanza dello sport, ricordando...

‘Bonus vacanze’, come si ottiene e a chi spetta

Come stabilito nel decreto rilancio, da oggi primo luglio scatta la possibilità per gli italiani di richiedere il 'Bonus vacanze'. Un'iniziativa che...

La scrittura per evadere dai social e dal ‘cattivismo’. La lezione di Francesco Trento

Il Coronavirus ci ha bloccato in casa 2 mesi. Un tempo lunghissimo che ci ha costretto a rivedere le nostre priorità ma anche...

Il design della distanza

Tratto da Covid and the City. Le città che saremo, serie POST sulle città dopo il coronavirus. Domande, appunti, proposte concrete. Saremo...