venerdì 14 Agosto 2020

Lo specchio della pandemia: la necessità di un sistema più equo
L

La pandemia per l’Italia è stata una sorta di severo stress test che ha messo in luce i suoi punti di forza e quelli di debolezza. Mi limito a far riferimento ad uno degli esempi più citati, in questi mesi: abbiamo compreso una volta per tutte che è irrinunciabile disporre di una sanità pubblica funzionante, che sappia offrire servizi di analoga efficienza in tutte le aree del Paese. Abbiamo infatti apprezzato e riconosciuto l’abnegazione e la professionalità dei nostri medici e dei nostri operatori sanitari, i primi ad avere avuto il merito di arginare una situazione di emergenza che avrebbe potuto essere molto più dolorosa di quella, tragica, che ha causato tanti lutti e di cui a lungo sconteremo le conseguenze. Tanto l’abbiamo apprezzato che abbiamo smesso di darli per scontato, e ci rendiamo conto della necessità di investire per rafforzare e migliorare la sanità, ad esempio in uno dei “nodi” che, ove trascurato, ha consentito l’esplosione del contagio, ovvero la medicina del territorio.

Credo che lo stesso approccio – pandemia come fattore rivelatore – si possa adottare per quella che è, in linea generale, la condizione dei più deboli del nostro Paese. Funziona il nostro sistema di protezione, o invece ha bisogno di una profonda revisione? I dati Istat recentemente diffusi ci confermano quanto già sapevamo (e quanto ovviamente sa bene chi soffre), cioè che l’Italia è un Paese profondamente diseguale.

Nella tragica conta dei decessi l’Istat ci dice che a pagare il prezzo più alto sono stati i meno abbienti e istruiti; in particolare a marzo, il mese più difficile, nelle aree a maggiore diffusione dell’epidemia. E’ più alta infatti la probabilità che i meno istruiti siano anche quelli più esposti a patologie come il diabete e l’obesità, che quindi rischiano maggiormente di rimanere vittime del virus; che vivano in abitazioni più piccole, e che quindi abbiano difficoltà a mettere in atto l’isolamento e le quarantena; che lavorino in settori dove non è stato possibile l’impiego a distanza. Fa impressione che non si parli solo di anziani: restando al mese di marzo, e alla categoria delle donne di età compresa tra i 35 e i 64 anni, con basso tasso di istruzione, si è registrato al Nord un aumento dei decessi del 28%.

Passando alla fase successiva alla prima emergenza, e analizzando i tassi di occupazione, si scopre che per coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni il tasso è inferiore di dieci punti rispetto al periodo che ha seguito la grande crisi del 2008. In questo caso, è facile dedurre, pagano dazio i precari.

Istruzione: nel Paese il 12% dei bambini non ha accesso a un pc o almeno a un tablet, e quindi ha avuto serie difficoltà ad avvalersi della didattica a distanza. Ma, attenzione, questa percentuale al Sud sale al 20%, e se poi la famiglia di provenienza oltre a risiedere nel Mezzogiorno è povera, si arriva al 30.

Sia che lo si legga dal punto di vista dell’istruzione, che della qualità del lavoro, del divario tecnologico o dell’area geografica, appare chiaro che esiste un messaggio chiaro che ci arriva dal coronavirus o, per essere più precisi, dalla crisi che ha scatenato. Nel nostro Paese sopravvivono fortissime diseguaglianze, e una crisi così travolgente le ha accentuate e ha drammaticamente influenzato le condizioni di ciascuno. Chi era più debole, ne è uscito ancora più debole, quando non ne è rimasto vittima. Il divario si è quindi ulteriormente ampliato.

A ridosso di quello che appare come il consesso decisivo per la costruzione di uno strumento efficace di livello europeo, di sostegno finanziario ai Paesi più colpiti dalla crisi (il nostro è in testa), quando una parte significativa del dibattito e della trattativa è concentrata sui tempi di erogazione delle risorse, credo sia fondamentale che il Partito Democratico assuma un ruolo di forte iniziativa per mettere a fuoco che la capacità delle nostre società e dei nostri sistemi di ripartire dipende anche dalla costruzione di meccanismi di ripartizione delle risorse e delle azioni che siano più equi, che sappiano cioè prendersi cura in modo più efficace dei più deboli, di qualsiasi debolezza si parli.

Più letti

Le mani della mafia sulla ripartenza economica

Il primo report sui danni prodotti dalla crisi porta la data del maggio 2020, tre mesi fa. Lo firma Srm, studi e...

Mari e fiumi senza plastica, l’economia circolare ci salverà

Mai più plastica che galleggia nei nostri fiumi. Mai più rifiuti che inquinano il nostro meraviglioso mare. Il sogno prende forma in...

Patrick Zaki, non mollare. Non ti abbiamo dimenticato

Centonovantanove lettere, centonovantanove giorni. Centonovanta volte “Non mollare, non ti abbiamo dimenticato”. Questo lo scopo della nostra iniziativa, questo...

L’importanza di chiamarsi Kamala

Joe Biden ha deciso. Poche minuti prima del termine ufficiale ha comunicato alla diretta interessata e al mondo che la sua vice...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

L’altro Ennio Morricone. Ciò che non sapete sul rivoluzionario genio musicale

“Mai passivo. Con un punto di vista originale sul mondo. Uno sguardo ribelle a cui si univa una profonda conoscenza della musica,...

Sport significa inclusione e coesione, diamo alle associazioni gli strumenti che meritano

Una scelta importante, in un momento di forte attenzione per tutto il mondo sportivo. Come PD vogliamo sottolineare l’importanza dello sport, ricordando...

‘Bonus vacanze’, come si ottiene e a chi spetta

Come stabilito nel decreto rilancio, da oggi primo luglio scatta la possibilità per gli italiani di richiedere il 'Bonus vacanze'. Un'iniziativa che...

La scrittura per evadere dai social e dal ‘cattivismo’. La lezione di Francesco Trento

Il Coronavirus ci ha bloccato in casa 2 mesi. Un tempo lunghissimo che ci ha costretto a rivedere le nostre priorità ma anche...

Il design della distanza

Tratto da Covid and the City. Le città che saremo, serie POST sulle città dopo il coronavirus. Domande, appunti, proposte concrete. Saremo...