lunedì 25 Gennaio 2021

A Piacenza e Torino fatti gravissimi. Intollerabili abusi, serve rigore
A

Sono gravissime le risultanze delle inchieste di Piacenza e di Torino che hanno svelato comportamenti delittuosi da parte di tutori dell’ordine e agenti di custodia.

La cosa che più colpisce e appare più odiosa è, in entrambi i casi, l’accanimento violento e umiliante contro soggetti deboli, spesso costretti, da parte di chi invece dovrebbe garantire la sicurezza, mostrare umanità e garantire il rispetto dei diritti di tutti, anche di è sotto la loro custodia.

Non emerge solo la volontà di approfittare della divisa o di arricchirsi violando la legge, che è già grave, ma il gusto di umiliare, prevaricare, torturare persone che avrebbero dovuto tutelare. È il contrario di ciò che ci si aspetta da chi dovrebbe servire lo Stato e garantire sicurezza e benessere a tutti i cittadini, a partire dai più deboli. Pensare di usare queste vicende per mettere in discussione il lavoro prezioso che fanno quotidianamente, spesso in condizioni difficili, migliaia di carabinieri e agenti di custodia, è inaccettabile.

Allo stesso tempo serve una risposta ed una reazione forte e decisa per difendere la credibilità delle istituzioni, che non può essere incrinata da comportamenti vergognosi, i quali tradiscono prima di tutto proprio chi ogni mattina si mette al servizio dei cittadini con dedizione e sacrificio.

Ci aspettiamo rigore, siamo certi che ci sarà e che nessun abuso sarà coperto o tollerato. In queste vicende dolorose però c’è anche la dimostrazione che lo Stato democratico sa reagire e colpire chi delinque senza guardare in faccia nessuno e che non esistono zone franche in cui si può agire indisturbati.

La magistratura e gli investigatori che hanno debellato queste vere e proprie organizzazioni criminali hanno il merito, non solo di aver fatto il proprio dovere ma, soprattutto, di aver dimostrato che chi ha fiducia nel funzionamento delle istituzioni non si sbaglia.


Franco Mirabelli è vicepresidente dei Senatori del Partito Democratico

Più letti

Radio Immagina – L’intervista di Giuliano Giubilei a Walter Veltroni

Ogni settimana Giuliano Giubilei intervista per Radio Immagina una personalità del mondo della politica e della società civile. Un momento di confronto per approfondire,...

Radio Immagina – Topi di campagna, topi di città. Storie di animali, natura ed ecologia quotidiana

Questa è una trasmissione per tutte le ascoltatrici e gli ascoltatori che coltivano una piantina sul davanzale, che si accorgono se sono tornate le...

Radio Immagina – La settimana scientifica. Rotocalco di ricerca, innovazione e tecnologie

Giornalista professionista dal 1994 ha lavorato per diverse testate nazionali, stampa, radio e video, oltre che per alcune istituzioni politiche. Laureato in lettere, indirizzo...

Covid19, il vaccino a tutti i Paesi del mondo per equità e buon senso

La distribuzione del vaccino contro il COVID19 a tutti i paesi nel mondo, non è soltanto una questione di equità, ma di buon senso! In...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...