mercoledì 21 Ottobre 2020

Una rivoluzione culturale per combattere il divario retributivo di genere
U

Smettiamo di pensare che il divario retributivo tra uomini e donne sia un problema solo delle donne, perché è ormai chiaro che sia un tema chiave per lo sviluppo economico.

Non sono quindi più sufficienti provvedimenti estemporanei, ma sono urgenti e necessari interventi a sistema, coordinati tra tutti i livelli istituzionali, come il Partito Democratico ha negli ultimi mesi sollecitato, perché sia raggiunta la parità retributiva e per la piena valorizzazione delle donne nel mercato del lavoro.

In Italia il divario retributivo di genere complessivo, cioè la differenza tra salario annuale medio percepito dalle donne e dagli uomini, è molto alto perché somma tre fattori negativi: basso tasso di occupazione femminile, meno ore di lavoro retribuito, stipendi inferiori. Questo perché le donne hanno percorsi lavorativi e carriere discontinui, spesso a causa di impegni familiari di cura, contratti  e forme di lavoro precari, e perché sono occupate più di frequente a part-time e in settori con retribuzioni più basse. 

Per Regione Lombardia, la regione in Italia con il maggior numero di donne occupate dove comunque persiste una significativo differenza, ho proposto un Progetto di Legge per la parità retributiva, scaturito da un percorso partecipato con istituzioni, accademia, associazioni datoriali e organizzazioni sindacali, che hanno contribuito a modulare azioni concrete per superare il divario.

Azioni articolate in diverse linee di intervento per l’emersione del fenomeno, per il potenziamento della formazione STEM delle ragazze, a sostegno di Enti Locali e reti di imprese che promuovano la parità di genere, completate dall’introduzione di finanziamenti integrativi alla contribuzione previdenziale, alla formazione e all’aggiornamento. Infine si raccomanda l’istituzione di un Tavolo di lavoro permanente, partecipato da Regione Lombardia con tutti gli stakeholder, per sviluppare azioni di monitoraggio, verifica e promozione.

La soluzione del divario retributivo sta nell’azione coordinata di più livelli istituzionali, che devono attivarsi sia sull’adeguamento normativo, sia nella promozione di un costante confronto con le associazioni datoriali e le organizzazioni sindacali.

Questa azione coordinata non può prescindere dall’adesione e promozione di un cambiamento culturale.

Cambiamento culturale, che superando lo stereotipo della donna come soggetto ‘naturalmente’ preposto a occuparsi della cura di casa e famiglia, promuova una visione fondata più che sulla conciliazione – interpretata ancora come risposta ai bisogni delle sole donne – sulla ‘condivisione’, delle responsabilità di cura, delle decisioni, e del potere.

Se il Gap persiste è perché non ci sono ancora norme sufficientemente efficaci e perché le prassi non agiscono in profondità sulla riduzione del divario, migliorando la condizione reddituale femminile. Condizione palesemente disuguale per le donne in tutto il loro percorso nel mondo del lavoro: in entrata, nel mentre e anche in uscita, contribuendo al persistente divario pensionistico.

Incidono sul divario retributivo non solo le norme, ma anche la cultura d’impresa e del lavoro: da una parte le imprese dovrebbero orientare verso un’equità di genere le politiche salariali, l’organizzazione dei tempi del lavoro, le premialità, i servizi complementari, il welfare aziendale, dall’altra anche le parti sociali dovrebbero avere la riduzione del divario tra gli obiettivi prioritari della contrattazione collettiva.

A livello nazionale è ovviamente indispensabile che il Governo intervenga a sistema per promuovere l’occupazione femminile e la parità retributiva, insieme a un piano articolato di potenziamento dei servizi di welfare diffuso sul territorio, recependo le direttive europee in materia, e allo stesso tempo è fondamentale che il Parlamento monitori l’efficacia della legislazione attuale e la aggiorni, cominciando ad approvare le proposte di legge in materia, avanzate di recente, che sollecitano una maggiore trasparenza da parte delle imprese, e una revisione in senso paritario degli strumenti di conciliazione, quali i congedi parentali e genitoriali.

Il contrasto al divario retributivo di genere, riguarda tutta la Politica: è una questione di diritti e di lavoro, del diritto del 50% della popolazione di questo Paese ad avere una piena e buona occupazione, senza fardelli e senza disuguaglianze.

È questione di futuro, di cultura e formazione.

E di rivoluzione perché se vogliamo cambiare questa società, tutti dobbiamo sentirci coinvolti in quella che è una vera e propria rivoluzione culturale di cui il Partito Democratico deve essere il motore del cambiamento, in primo luogo attraverso l’azione della Conferenza Nazionale delle Donne Democratiche, che ha la grande opportunità di coinvolgere nella sfida paritaria l’intera comunità del partito, elette ed eletti, dirigenza e militanza, elettrici e elettori.


Paola Bocci è consigliera del Pd in Regione Lombardia

Più letti

La lunga mano di Salvini in Lombardia congela anche il coprifuoco

Se voleste avere un piccolo assaggio di quello che sarebbe successo se a gestire la pandemia fosse stato Matteo Salvini, basta guardare...

Supereremo la seconda ondata con la cultura della responsabilità

Quello che abbiamo temuto sta avvenendo: una seconda ondata pandemica con crescita esponenziale dei contagi. Su cosa significhi “esponenziale” e su quanto...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...