mercoledì 21 Ottobre 2020

Regionalismo differenziato o federalismo mascherato?
R

È ormai da un anno che prosegue il dibattito sul cosiddetto regionalismo differenziato, ovvero sulla possibilità concessa alle regioni dall’articolo 116, comma 3, della Costituzione, di poter ottenere maggiori forme e condizioni di autonomia, in determinate materie disciplinate dall’articolo 117. Ma si tratta di regionalismo differenziato o federalismo mascherato?

Si tratta di un dibattito acceso, che vede la dicotomia Nord-Sud inasprirsi sempre di più, in virtù di interessi notoriamente diversi, visto che i presidenti delle Regioni settentrionali richiedono di poter gestire in autonomia le risorse,  mentre nel Mezzogiorno continua a essere incessante il grido di uguaglianza lanciato dagli accademici, i quali ricordano che senza il Sud non ci può essere Italia.

Lo sappiamo, il tema delle Regioni ha sempre infiammato il dibattito politico, fu così già all’Assemblea Costituente, dove al disegno regionalista di Gaspare Ambrosini vi fu l’opposizione di Nitti, Togliatti, Nenni e Croce. 

Da lì la discussione sulle Regioni ha vissuto profonde evoluzioni che hanno dapprima portato ai decreti Bassanini e poi alla revisione del Titolo V.

Proprio da questa riforma il tema dell’autonomia – già posto dai predetti decreti – assunse una notoria importanza, fin ad arrivare ai due referendum del 2017 di Veneto e Lombardia, poi seguiti dall’approvazione dei patti preliminari con l’allora presidente del Consiglio Paolo Gentiloni nel febbraio 2018, poi portati avanti dal governo giallo-verde e ora in mano al Conte bis.

A Veneto e Lombardia, si è poi unita anche l’Emilia-Romagna.

Gianluca Viesti l’ha definita la “secessione dei ricchi”, attraverso un esplicito riferimento al fatto che in queste tre Regioni si concentra il 50% del PIL italiano, quindi l’attuazione della possibilità prevista dalla Costituzione provocherebbe una separazione de facto della Repubblica, non più unica e indivisibile, ma divisa in “mini-stati federali ricchi” e regioni povere.  

Inoltre, attraverso una minor ripartizione delle risorse si verificherebbero una lezione ai principi di solidarietà (ex art. 2 Cost.) e di uguaglianza (ex art. 3 Cost.) provocando una differenziazione dell’erogazione dei servizi, poiché un cittadino che vive al Sud riceverebbe una prestazione inferiore rispetto ad uno del Nord; inoltre le mancate entrate derivanti dalle trattenute del gettito fiscale delle regioni “autonomiste”, farebbe si che gli amministratori per far fronte alle ulteriori mancanze economiche svendano i beni pubblici, arrecando un ulteriore danno alla cittadinanza.

Oltretutto, la procedura attualmente in esame vede, ex post, l’approvazione dei livelli essenziali di assistenza e non ante, come dovrebbe essere, visto che si tratta di determinare la qualità dell’erogazione dei servizi legati ai diritti fondamentali dell’individuo, come ad esempio la sanità, dove abbiamo visto che la ripartizione regionalista è fallita.

Anziché avviare un federalismo mascherato, sarebbe ora di aprire un dibattito sull’utilità o meno delle Regioni, ridisegnando il Titolo V, inserendo di nuovo la clausola di salvaguardia nazionale e ricostituendo la Cassa Pubblica del Mezzogiorno, ma soprattutto approvando i LEP (livelli essenziali di prestazioni), cosicché nessun cittadino sarà lasciato mai più indietro.

Più letti

Da Papa Francesco parole rivoluzionarie, scalderanno il cuore di molti omosessuali credenti

In un documentario proiettato alla Festa del Cinema di Roma, sono contenute dichiarazioni rivoluzionarie di Papa Francesco sulla necessità di riconoscere le...

La lunga mano di Salvini in Lombardia congela anche il coprifuoco

Se voleste avere un piccolo assaggio di quello che sarebbe successo se a gestire la pandemia fosse stato Matteo Salvini, basta guardare...

Supereremo la seconda ondata con la cultura della responsabilità

Quello che abbiamo temuto sta avvenendo: una seconda ondata pandemica con crescita esponenziale dei contagi. Su cosa significhi “esponenziale” e su quanto...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...