mercoledì 30 Settembre 2020

Nessun miracolo, il nuovo ponte di Genova è solo il meglio dell’Italia
N

Questo ponte è figlio di una tragedia, di un lutto. E i lutti non si dimenticano, i lutti si elaborano, si metabolizzano, e restano imprigionati nelle nostre coscienze. Diventano l’essenza stessa di quello che noi siamo. Qui due anni fa noi ci siamo smarriti, nello sgomento della tragedia, per ringraziare chi ha costruito questo ponte, l’energia che ci ha messo, con rapidità, ma senza fretta. Ho pensato a un ponte che attraversasse la valle silenzioso, quasi come un vascello bianco che attraversa il mare. Però poi bisognava farlo questo ponte. Ed è qui che è uscita la forza e l’energia di questo Paese. Abbiamo avuto più di mille persone ed è stato il più bel cantiere che io abbia avuto in vita mia.

È stato semplicemente straordinario. Dobbiamo riconoscenza per tutti coloro che hanno lavorato al ponte e chi lavora alla fine della fatica si aspetta una perla: la perla è la riconoscenza. Siamo tutti sospesi tra il cordoglio della tragedia e l’orgoglio di aver ricostruito il ponte. Si è parlato di miracolo, ma non credo che si debba parlare di miracoli. Semplicemente il Paese ha mostrato una parte buona. C’è stata una grande competenza, una grande energia, una grande generosità. Non ho mai visto nessuno lamentarsi e questa è stata una grande cosa che è successa qui.

Vedete, costruire un ponte è un gesto di pace. Costruire è magia, è partire da una cosa che non ha forma e darle forma. Costruire è una cosa bellissima, costruire è l’opposto di distruggere, costruire vuol dire edificare. I muri non vanno costruiti, no. Ma i ponti sì. Perché costruire un ponte è un gesto di pace.

Poi c’è la magia del cantiere, dove cresce la solidarietà. La gente dimentica le differenze, il colore della pelle, lo statuto, tutto viene dimenticato. Prevale su tutto l’orgoglio e la solidarietà. E poi prevale la passione e l’amore. E a proposito di amore, io auguro a questo ponte di essere amato, adottato, anche se non è facile essere erede di una tragedia. È dura. E spero che questo ponte diventi rapidamente per la gente parte della loro esistenza quotidiana. Ma credo che avverrà, che questo ponte sarà amato, sapete perché? Perché questo ponte è semplice e forte, come questa città. 

Ma non solo. Sarà amato perché questo ponte gioca con la luce, sì, con la luce. Quando si arriva (e si arrivava) su questo ponte dalle regioni del Nord, si scopriva la luce del mare, si scopriva il Mediterraneo. Sopra questo ponte tutti scopriranno la luce del Mediterraneo. E quella luce gioca anche sotto, sulla forma del ponte, sulle pile che sono curve, sulla forma della carena della nave. E questo aspetto credo che conterà. Ma è un ponte che gioca anche con il vento. Certo, gioca con il vento. C’è una poesia bellissima di un poeta che io ho sempre amato molto, Giorgio Caproni, che si intitola “Genova di ferro e aria”. Ecco, io vorrei che questo ponte fosse visto così, di ferro e aria.

Questo ponte è stato costruito in acciaio, ma è stato forgiato nel vento. Tutto qua, adesso il ponte è vostro. Lunga vita al ponte San Giorgio.

Discorso di Renzo Piano durante l’inaugurazione del nuovo ponte di Genova 

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Egr. Architetto,
    sono d’accordo con lei costruire un ponte è sempre un gesto di pace. Un ponte favorisce la fratellanza fra i popoli. Il capolavoro di Ivo Andric :“Il ponte sulla Drina” ne è una bella testimonianza. D’altronde quando due popoli entrano in guerra, la prima cosa che fanno i loro eserciti è quella di distruggere i ponti. Ne approfitto per farle i miei complimenti e per lo splendido regalo fatto al Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...