lunedì 18 Gennaio 2021

Nessun miracolo, il nuovo ponte di Genova è solo il meglio dell’Italia
N

Questo ponte è figlio di una tragedia, di un lutto. E i lutti non si dimenticano, i lutti si elaborano, si metabolizzano, e restano imprigionati nelle nostre coscienze. Diventano l’essenza stessa di quello che noi siamo. Qui due anni fa noi ci siamo smarriti, nello sgomento della tragedia, per ringraziare chi ha costruito questo ponte, l’energia che ci ha messo, con rapidità, ma senza fretta. Ho pensato a un ponte che attraversasse la valle silenzioso, quasi come un vascello bianco che attraversa il mare. Però poi bisognava farlo questo ponte. Ed è qui che è uscita la forza e l’energia di questo Paese. Abbiamo avuto più di mille persone ed è stato il più bel cantiere che io abbia avuto in vita mia.

È stato semplicemente straordinario. Dobbiamo riconoscenza per tutti coloro che hanno lavorato al ponte e chi lavora alla fine della fatica si aspetta una perla: la perla è la riconoscenza. Siamo tutti sospesi tra il cordoglio della tragedia e l’orgoglio di aver ricostruito il ponte. Si è parlato di miracolo, ma non credo che si debba parlare di miracoli. Semplicemente il Paese ha mostrato una parte buona. C’è stata una grande competenza, una grande energia, una grande generosità. Non ho mai visto nessuno lamentarsi e questa è stata una grande cosa che è successa qui.

Vedete, costruire un ponte è un gesto di pace. Costruire è magia, è partire da una cosa che non ha forma e darle forma. Costruire è una cosa bellissima, costruire è l’opposto di distruggere, costruire vuol dire edificare. I muri non vanno costruiti, no. Ma i ponti sì. Perché costruire un ponte è un gesto di pace.

Poi c’è la magia del cantiere, dove cresce la solidarietà. La gente dimentica le differenze, il colore della pelle, lo statuto, tutto viene dimenticato. Prevale su tutto l’orgoglio e la solidarietà. E poi prevale la passione e l’amore. E a proposito di amore, io auguro a questo ponte di essere amato, adottato, anche se non è facile essere erede di una tragedia. È dura. E spero che questo ponte diventi rapidamente per la gente parte della loro esistenza quotidiana. Ma credo che avverrà, che questo ponte sarà amato, sapete perché? Perché questo ponte è semplice e forte, come questa città. 

Ma non solo. Sarà amato perché questo ponte gioca con la luce, sì, con la luce. Quando si arriva (e si arrivava) su questo ponte dalle regioni del Nord, si scopriva la luce del mare, si scopriva il Mediterraneo. Sopra questo ponte tutti scopriranno la luce del Mediterraneo. E quella luce gioca anche sotto, sulla forma del ponte, sulle pile che sono curve, sulla forma della carena della nave. E questo aspetto credo che conterà. Ma è un ponte che gioca anche con il vento. Certo, gioca con il vento. C’è una poesia bellissima di un poeta che io ho sempre amato molto, Giorgio Caproni, che si intitola “Genova di ferro e aria”. Ecco, io vorrei che questo ponte fosse visto così, di ferro e aria.

Questo ponte è stato costruito in acciaio, ma è stato forgiato nel vento. Tutto qua, adesso il ponte è vostro. Lunga vita al ponte San Giorgio.

Discorso di Renzo Piano durante l’inaugurazione del nuovo ponte di Genova 

Più letti

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Zingaretti: “Crisi di governo incomprensibile, scelta di Italia Viva contro l’Italia”

Di seguito le dichiarazioni rilasciate al Tg1 dal segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Quello di Italia Viva è un errore gravissimo contro l'Italia, perché noi...

Bologna aspetta Patrick Zaki, diventato cittadino onorario con un voto all’unanimità

Il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki “riconoscendo nella sua figura quei valori di libertà di studio, di...

Pensare la riforma secondo un nuovo modello di Pubblica Amministrazione

L’Unione Europea ci chiede di riformare la Pubblica Amministrazione. Uno Stato moderno non può rinunciare, al di là di un sistema d’imprese tarato sull’innovazione...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Egr. Architetto,
    sono d’accordo con lei costruire un ponte è sempre un gesto di pace. Un ponte favorisce la fratellanza fra i popoli. Il capolavoro di Ivo Andric :“Il ponte sulla Drina” ne è una bella testimonianza. D’altronde quando due popoli entrano in guerra, la prima cosa che fanno i loro eserciti è quella di distruggere i ponti. Ne approfitto per farle i miei complimenti e per lo splendido regalo fatto al Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...