martedì 29 Settembre 2020

La ferita al cuore del Libano
L

Due esplosioni potentissime, causate da oltre 2700 tonnellate di nitrato di ammonio custodite al porto da sette anni e Beirut nel pomeriggio di ieri si è ritrovata sommersa dalle macerie, come l’aveva lasciata la lunghissima guerra civile.

Il bilancio provvisorio parla di almeno 100 morti, 4 mila feriti e 100 dispersi. Sono numeri drammatici che raccontano di un pomeriggio come tanti, che in pochi attimi si è trasformato in tragedia.

Un boato potentissimo, anzi due, che ha provocato un’onda d’urto pari a quella di un grande terremoto e che si è sentito fino a oltre 200 chilometri di distanza, con le strette strade del porto invase dalle fiamme e da una enorme nuvola di fumo. Così è cominciato l’incubo, che il governatore della città Marwan Abboud ha paragonato alle bombe di Hiroshima e Nagasaki.

E su Instagram è comparso il profilo @locatevictimsbeirut, che la popolazione sta usando per cercare i dispersi, pubblicando foto e appelli.

E il giorno dopo comincia la conta dei danni, con il governatore di Beirut Marwan Abboud, che ha quantificato i danni provocati dalle esplosioni avvenute ieri “tra i tre e i cinque miliardi di dollari”. Sono circa 300.000 le persone rimaste senza casa, mentre il bilancio provvisorio delle vittime è di oltre 100 morti e 4.000 feriti.

Ancora incerte le cause. Di sicuro si sa che il nitrato di ammonio è un fertilizzante, che però in presenza di un innesco si trasforma in un potente esplosivo. L’ipotesi su cui si sta lavorando è che la detonazione possa essere stata causata da alcune scintille dovute a dei lavori di saldatura nel magazzino, dunque per il momento sembra esclusa una bomba.

La tragedia del porto si abbatte su un Paese già devastato dalla crisi economica e dal Covid, basti pensare che a lira libanese è arrivata a valere 11mila contro il dollaro, rispetto ai 1500 di settembre.

L’Italia, storicamente vicina al Libano, è stata tra i primi Paesi a rispondere alla richiesta di aiuto del premier Hassan Diab. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha promessi sostegno, insieme a Germania, Francia e all’Unione europea.

E un appello “agli Stati del mondo” è arrivato anche dal cardinale Bechara Boutros Rai, patriarca d’Antiochia e di tutto l’Oriente, che ha chiesto “aiuti immediati necessari a salvare la città di Beirut

Più letti

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...