lunedì 25 Gennaio 2021

“Insieme usciremo dalle tenebre”. Joe Biden accetta la nomination democratica
&

Joe Biden è pronto per giocare la battaglia politicamente più importante della sua vita. Alla convention democratica “virtuale” di Milwaukee l’ha nominato ufficialmente candidato alla presidenza degli Stati Uniti e il prossimo novembre proverà a chiudere l’epoca di Donald Trump alla Casa Bianca. “Uniti – ha detto intervenendo dal convention center della sua Wilmington (Delaware) – supereremo questa stagione di tenebre”.

Un discorso molto politico, a tutto tondo, che suggella quasi mezzo secolo di carriera, iniziata quando a 29 anni diventò senatore del Delaware, conservando questo incarico fino al 2008 quando accettò di diventare il vicepresidente dell’allora candidato Barak Obama. Quel Barak Obama che nei giorni scorsi ha fatto un discorso appassionato a favore di Biden, un uomo che nella vita privata ha dovuto affrontare sfide ben più dure come la perdita di due figli e di una moglie.

Il discorso di Joe Biden alla convention

“Non possiamo dare altri quattro anni a questo presidente che non si assume responsabilità, scarica le colpe sugli altri, divide e semina odio. L’America è a un punto di svolta, questa è un’elezione in grado di cambiare le storia, sono in gioco l’anima del Paese, la moralità, la scienza e la democrazia”.

Un discorso, quello di Biden, che non si limitato ad attaccare il suo avversario, ma che ha offerto una nuova visione di Paese. Un discorso rivolto alla nazione, più che ai suoi elettori, come se fosse già presidente, promettendo di rilanciare gli Stati Uniti dopo questa crisi gravissima, come fece Roosevelt con il New Deal. E quindi ha contrapposto le sue ricette alle “quattro crisi storiche” che sono il frutto dei quattro anni di Trump alla Casa Bianca: la pandemia, la conseguente crisi economica, l’ingiustizia razziale e il cambiamento climatico.

In questo senso, la prima azione, se eletto, sarà quella di fronteggiare l’epidemia affidandosi alla scienza e imponendo l’obbligo della mascherina a livello nazionale. Ha insistito sull’unità e sull’empatia, promettendo che attingerà “al meglio delle persone, non al peggio” e che sarà un “alleato della luce, non delle tenebre”. Con Trump, ha sottolineato, “c’è troppa rabbia, troppa paura, troppa divisione”. Quindi ha alternato toni più personali, parlando di sé, della sua famiglia, ha reso omaggio a Obama e alla sua vice Kamala Harris, “voce potente per questa nazione”, la cui storia “è la storia americana”, fatta di immigrazione, ostacoli e di successi.

Nonostante il tentativo di sabotaggio dell’ultim’ora di Trump, che ha imperversato sui network televisivi amici a partire da Fox, l’ultima serata della convention è stata un successo, con l’idea di far raccontare chi è il ‘vecchio Joe’ con aneddoti di famigliari, amici, colleghi e soprattutto ex rivali nelle primarie, come Pete Buttigieg, il senatore Cory Booker, il miliardario Michael Bloomberg e l’imprenditore Andrew Yang (ma in video c’erano anche Bernie Sanders, Amy Klobuchar, Beto O’Rourke): una efficace testimonianza di umanità e di unità nel partito.

Il video degli ex rivali di Biden alle primarie

Più letti

Radio Immagina – L’intervista di Giuliano Giubilei a Walter Veltroni

Ogni settimana Giuliano Giubilei intervista per Radio Immagina una personalità del mondo della politica e della società civile. Un momento di confronto per approfondire,...

Radio Immagina – Topi di campagna, topi di città. Storie di animali, natura ed ecologia quotidiana

Questa è una trasmissione per tutte le ascoltatrici e gli ascoltatori che coltivano una piantina sul davanzale, che si accorgono se sono tornate le...

Radio Immagina – La settimana scientifica. Rotocalco di ricerca, innovazione e tecnologie

La settima scientifica è una rubrica per coloro che hanno curiosità scientifiche e sono interessati a capire quanto, scoperte, conquiste scientifiche, innovazione e trasferimento...

Covid19, il vaccino a tutti i Paesi del mondo per equità e buon senso

La distribuzione del vaccino contro il COVID19 a tutti i paesi nel mondo, non è soltanto una questione di equità, ma di buon senso! In...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...