martedì 29 Settembre 2020

Salvini, c’è posta per te. Le quattro domande sulla Toscana a cui dovresti rispondere
S

Al mercato di Pontedera, ho consegnato una lettera con alcune domande precise al Senatore Salvini (senza mascherina). Gli ho chiesto di rispondermi come vuole, pubblicamente o in privato.Ecco il testo con le domande:

“On. Salvini, in questi giorni Lei gira in lungo e in largo la Toscana, vivendo da protagonista questa nostra campagna elettorale per le Regionali, ancora di più della sua candidata a Presidente Susanna Ceccardi. Non volendo pensare che il Suo sia semplice egocentrismo, ci mancherebbe, tendo allora a chiedermi cosa esattamente pensa che noi toscani dovremmo imparare da Lei, caro Onorevole, e dal modello che ha contribuito a creare e che ha incessantemente celebrato in questi anni: il cosiddetto modello lombardo. Vede, Salvini, noi qui in Toscana stiamo vivendo le nostre difficoltà vista la fase complicata, ma nonostante il dolore degli ultimi mesi è riconosciuto che la nostra sanità regionale pubblica, in cui tanto abbiamo investito e creduto, ha reagito molto meglio di altre alla pandemia. Le aggiungo, Onorevole, che la Toscana può vantare, secondo i principali indicatori, livelli tra i più alti di welfare e di servizi e una qualità della vita che non ha niente da invidiare ad altre zone d’Italia. Ecco, allora, mi chiedo: Lei e il Suo modello lombardo cosa avete da raccontarci e insegnarci, girando come trottole la nostra Regione?

Facciamo così, per semplificarLe le cose, sarò chiara con qualche domanda diretta: Suoi esponenti locali dicono che bisogna cambiare radicalmente il modello sanitario che abbiamo costruito in questi anni. Lei pensa che qui dovrebbe essere importato il modello sanitario della Lombardia, tutto privatizzazioni, maxi-ospedali e disfacimento della medicina territoriale? Abbiamo ben visto i risultati e, ci scusi, ma noi vorremmo procedere in direzione opposta.

Vorrebbe forse che qui in Toscana aspirassimo a un modello di Presidenza tipo quello di Fontana, con il suo straordinario mix di retorica sulla difesa del territorio e i soldi all’estero?

La sua candidata, Susanna Ceccardi, si è dimessa dopo solo tre anni dal ruolo di Sindaca di Cascina, una volta eletta all’Europarlamento. Ora, dopo appena un anno e guardandosi bene dal dimettersi da Parlamentare Europea, Ceccardi è di nuovo in pista per candidarsi alla Presidenza di Regione. Ci dica: ma non avete proprio nessun altro nella Lega in Toscana? E soprattutto, pur sapendo che Ceccardi non sarà mai eletta, nelle sue intenzioni per quanti mesi vorrebbe restare a fare la Presidente di Regione?

La domanda sui 49 milioni non gliela faccio, perché gliel’hanno già fatta in troppi. Magari, però, in uno dei suoi molti comizi in programma qui ci farà sapere. Che ne dice?

Cordiali saluti,

Alessandra Nardini – Consigliera Regionale e Capolista del PD in provincia di Pisa alle prossime Elezioni Regionali”.

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...