martedì 29 Settembre 2020

Con ‘Sure’ si è fatto il primo passo verso l’Europa nuova che vogliamo
C

Dopo la lunga e difficile fase dell’emergenza sanitaria, sempre a rischio di riprendere spinta come vediamo dai dati di questi giorni, oggi sulle nostre economie gravano gli effetti pesantissimi della pandemia. In questo scenario, è fondamentale agire in maniera coordinata in Europa per programmare una ripresa organica, aiutando i settori più in difficoltà.

Per questo, la notizia che la Commissione europea con lo strumento SURE, la “cassa integrazione europea”, arriva a proporre uno stanziamento per il nostro Paese di 27,4 miliardi di euro, rappresenta un segnale incoraggiante per l’Italia, uno degli Stati membri che più aveva bisogno di maggiore solidarietà europea.

SURE, il Supporto Temporaneo per Mitigare il Rischio di Disoccupazione in Emergenza, nasce come uno strumento finanziario di natura temporanea per proteggere l’occupazione in UE, utilizzabile in tempi rapidi e in aggiunta ai programmi già varati a livello nazionale, rinforzando le azioni intraprese dai singoli Paesi. È stato uno dei primi strumenti comunitari a essere messi in campo in risposta alla pandemia. Da subito è stato chiaro che ci trovavamo di fronte a una scelta storica: la sua introduzione è importante non solo in risposta alla crisi da coronavirus, ma ha anche un enorme significato politico per il futuro dell’Europa, dato che per la prima volta è stato varato uno strumento finanziario a tutela dell’occupazione nei 27 Paesi. 

In effetti, il coronavirus, pur nella drammaticità dell’emergenza, ci ha dato l’opportunità di ripensare la solidarietà europea. Le novità che abbiamo introdotto, iniziate con SURE e culminate con il Recovery Fund, che prevede obbligazioni garantite dal bilancio UE, sono destinate a cambiare radicalmente il modo in cui pensiamo all’intervento europeo, basti pensare ad esempio che anche grazie a SURE diventa più facile pensare di introdurre un sussidio europeo contro la disoccupazione, come chiediamo da tempo come Partito Democratico. 

In un momento critico per l’UE, le misure prese hanno gettato le basi per un rilancio della coesione e della dimensione sociale dell’Unione. I 27,4 miliardi stanziati per l’Italia sono una cifra considerevole, e rappresentano l’importo maggiore fra quelli assegnati ai diversi Stati membri. Si tratta di una cifra che permetterà di aiutare in maniera rilevante le realtà più in difficoltà, sostenendo misure che vanno dalla cassa integrazione per tutti i lavoratori dipendenti alle indennità per i lavoratori autonomi di vario tipo, i collaboratori sportivi, i lavoratori domestici e quelli intermittenti, dal fondo perduto per autonomi e imprese individuali al congedo parentale, dal voucher baby sitter alle misure per i disabili e quelle per i tirocinanti e gli apprendisti, solo parzialmente tutelati dalle misure nazionali di aiuto finora varate. Si prevede, inoltre, un risparmio per le casse dello Stato di oltre 5 miliardi e mezzo di euro nell’arco dei 15 anni di maturità dei titoli. 

È chiaro, però, che la partita non si chiude qui. Le negoziazioni per il Fondo per la Ripresa hanno mostrato chiaramente che ora è tempo di riformare l’Europa, introducendo forme di welfare UE sempre più strutturate e onnicomprensive, finanziate attraverso un sistema di risorse proprie e una fiscalità europea che metta l’Unione in condizione di agire in autonomia, senza essere schiava di particolarismi nazionali. Superare il modello intergovernativo, infatti, è sempre più fondamentale se si vuole davvero dotare l’UE degli strumenti adatti a porsi come un soggetto politico sovranazionale autonomo. Con SURE e con la creazione di debito comune europeo prevista dal Recovery Fund abbiamo fatto un enorme passo avanti, che devo diventare permanente e non temporaneo.

Dobbiamo continuare a cambiare l’Europa per renderla adeguata e pronta alle sfide sempre più complesse che il mondo ci ha posto e continuerà a porci.

Più letti

“Sprecare sempre meno cibo: il futuro passa da qui”. Colloquio con Andrea Segrè

Oggi si celebra la prima giornata internazionale della Consapevolezza sulle perdite e gli sprechi alimentari, istituita a fine 2019 dalle Nazioni Unite.

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Articoli correlati

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...