martedì 29 Settembre 2020

Walter Veltroni alla Festa dem: “Identità, radici e valori: il Pd corra verso il futuro”
W

Un lungo applauso ha accolto Walter Veltroni in una sala piena. E’ impossibile negarlo: l’affetto che lega il popolo dem al suo primo segretario non scema con il tempo. E vale anche il contrario. Non è certo un caso che il più delle volte, Veltroni si sia espresso usando il ‘noi’, comprendendo anche se stesso, per parlare di questa storia che ha contribuito a creare: il Partito Democratico. E così, in tanti, alla Festa dell’Unità nazionale di Modena sono venuti a sentirlo, per quello che aveva il sapore e l’aspetto più di una Lectio Magistralis che di un comizio, dal titolo ‘Il pensiero democratico, il riformismo, il consenso’.

Un discorso di quasi un’ora, totalmente a braccio, per raccontare la nascita di un partito, la sua genesi, la sua naturale trasformazione nel tempo, il suo futuro. E soprattutto scandagliare il suo rapporto con il Paese.

La brutta distorsione per cui ‘tutto fa schifo, tutto è uguale e indistinto in politica’ non piace proprio all’ex segretario dem. “Ma davvero oggi non riuscite a vedere la differenza tra destra e sinistra? – ha chiesto retoricamente alla platea – Provate a dirlo ad un americano nero se fra Trump e Obama non c’è differenza. Sono argomenti tesi a diffondere qualunquismo, un volgare e generico spirito dell’antipolitica”. Ed è solo il Partito Democratico, casa naturale della sinistra moderna, intesa come luogo di partecipazione ed emancipazione, che può fare da argine a tutto questo. Un partito, però, che deve essere all’altezza del momento storico che stiamo attraversando: “I partiti si dividono in due categorie: tovaglioli di carta o alberi. I ‘partiti tovaglioli’ volano via una volta usati mentre ‘i partiti alberi’ rimangono perché hanno radici. Ma un albero non è immobile, si muove ed è in completa connessione con gli altri. Così dobbiamo essere anche noi, consapevoli delle nostre radici, che non sono altro che i nostri valori, e interconnessi con la gente”.

Oggi più che mai, perché viviamo in un paradosso. Dice ancora Veltroni: “Siamo di fronte ad una crisi di dimensione globale – a causa della pandemia, del terrorismo, dei temi ambientali e della crisi economica – ma la chiave di soluzione preferita sembra essere quella sovranista e nazionalista. E la storia ci insegna che in questi momenti di crisi il popolo cerca risposte che mettano fine all’incertezza e al disagio. Ecco ancora la differenza tra destra e sinistra, nel modo in cui si risponde a questa crisi”.

Prendere posizione chiaramente, avere fiducia, orgoglio e cura della propria identità sono la risposta perché, secondo Veltroni, “bisogna essere dentro la storia mantenendo il proprio punto di vista. E se la storia sta prendendo un’altra direzione” continua ancora “noi dobbiamo fare di tutto per curvarla. Perché la democrazia, che è un’eccezione nella storia, non può essere data per scontata”.

Quindi Veltroni sprona a recuperare la vocazione che ha animato da sempre lo spirito del Pd: essere aperti alla società. “Dobbiamo porci l’ambizione e l’obiettivo di coinvolgere di più il nostro elettorato” ma per farlo “bisogna correre sapendo chi siamo, prendendo quel grumo di valori che ci appartengono e traducendolo nel tempo attuale”.

Più letti

“Ideali e concretezza, combatteremo per una nuova politica”. La risposta di Zingaretti alle sardine

Caro Mattia,in primo luogo grazie per il tuo ennesimo contributo. Il sentimento di insoddisfazione verso la politica italiana attraversa anche tutti noi....

Perché la questione di genere deve essere centrale nel Recovery Plan

Ripresa e resilienza sono le due parole scelte per segnare la risposta europea alla crisi generata dalla pandemia ancora in corso, e...

Arriva il bonus per i pagamenti elettronici. Ecco come funziona

Da quanto tempo sentite dire che l'Italia è il Paese in Europa con il più alto tasso di evasione fiscale? Eppure nulla...

Tutti pazzi per Iacopo

Quando ci siamo sentiti la prima volta, nel mese di agosto, Iacopo Melio era un personaggio che conoscevano ancora in pochi. Chi...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...

“Canto i grandi per contrastare il populismo dilagante”. Intervista a Neri Marcorè

Cantante, imitatore, attore: abbiamo imparato a conoscere Neri Marcorè ed apprezzare la sua capacità di trasformista negli anni. E ora, dopo il...

Quella foto è già storia. L’Nba cambia il rapporto tra politica e sport

"Non devi mai avere paura di quello che fai se sai di essere nel giusto". Forse hanno pensato a questa potentissima frase...