mercoledì 20 Gennaio 2021

Glocalworking, rimettiamo il lavoro al centro della ripresa
G

Nel nuovo contesto che si sta delineando, dove i grandi cambiamenti nel mondo del lavoro stanno iniziando a generare cambiamenti anche negli stili di vita e nell’intera geografia globale, si distingue la visione del manifesto apartitico glocalworking nato per ispirare e contribuire al cambiamento in atto rimettendo il lavoro al centro della ripresa socioculturale locale.

Il manifesto Glocalworking è un modello di attrazione territoriale volto a rilanciare il tessuto socioculturale locale per riattivare economia e modelli sociali sostenibili. Un movimento in grado di sviluppare le aree locali e di supportare le famiglie nel nuovo contesto socio-economico che si sta delineando.

Glocalworking è un manifesto per stimolare una nuova geografia creata dal lavoro digitale: in un un’ottica volta anche a stimolare gli enti preposti per cogliere al meglio le possibilità a livello locale, stiamo sviluppando una piattaforma per incentivare e aiutare le piccole località ad attrarre lavoratori digitali e per creare un movimento che connetta i vari attori per implementare questo modello.

E’ pertanto una nuova visione di un modello di società sostenibile, distribuita ed equa, che mette l’Italia al centro del cambiamento.

Le tecnologie digitali stanno rivoluzionando il modo in cui ci interfacciamo con le città e le piccole località cambiando la geografia di intere nazioni.

Grandi città attrattive e innovative entrano in crisi affrontando dubbi sul futuro del mercato immobiliare e delle attività locali. Mentre località minori e fuori dai grandi circuiti internazionali iniziano a sperare di recuperare attrattività.

Tra i vari fautori e detrattori dello smartworking, Glocalworking prova ad allargare la prospettiva rispetto alle visioni parziali, pur se corrette e frutto d’interessi meritevoli (benefici per l’azienda, benessere del lavoratore, vantaggi per le città del sud come anche interessi in crisi delle attività economiche delle grandi città), proponendo una visione globale capace di creare un nuovo modello di società, sostenibile ed equa, che porti benefici a tutti redistribuendo lavoro, cultura e valore economico.

I lavoratori digitali, “smartworker e nomadi digitali” nel Mondo saranno centinaia di milioni nei prossimi mesi e si stima un miliardo nel prossimo decennio.

Il lavoro è dovunque e il futuro di città, piccole località e interi Paesi dipenderà dalla capacità di attrarre smartworker e lavoratori digitali.

In Italia possiamo avere un vantaggio competitivo importante perché il tessuto socioculturale italiano è formato da micro, piccole e medie realtà locali e imprenditoriali, siamo un Paese di paesi, che se messi in relazione e in sinergia sono in grado di sviluppare un nuovo rinascimento umano e digitale.

L’Italia può essere la culla di talenti e lavoratori digitali di tutto il Mondo, possiamo riportare i nostri cervelli a casa e attirare nuovi lavoratori che porteranno valore, innovazione e cultura, connettendo e rigenerando il tessuto urbano e dei piccoli comuni.

Per poterne cogliere al meglio le possibilità dobbiamo incentivare il lavoro digitale, creare un visto per lavoratori digitali in grado di attirare stranieri e cervelli in fuga soprattutto nei piccoli comuni e creare modelli di “distributed innovation” per mettere a sistema risorse locali e centrali.

Qui il manifesto http://www.glocalworking.com

Più letti

Al via Radio Immagina, dalla parte delle persone

Ormai ci siamo. Una nuova avventura editoriale, una nuova voce prende vita. È la voce del Partito Democratico, dei suoi iscritti, della sua comunità,...

Grazie a Macaluso, l’uomo che non ha mai smesso di “vivere la politica”

Emanuele Macaluso non era un uomo facile. La sua sincerità lo spingeva a dire le cose come le vedeva e le pensava. E talora...

La nuova versione del Recovery Plan, le richieste del PD e il riformismo immaginario

La prima bozza del Recovery Plan non ci piaceva. Lo abbiamo detto a Conte e ai ministri. Ritenevamo sbagliato urlarlo, additando al pubblico ludibrio...

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...