mercoledì 14 Aprile 2021

La Lega non condanna il dittatore Lukashenko, che schifo
L

La solidarietà fra stati membri si vede nelle situazioni di difficoltà. Come quella che sta passando la Bielorussia, agitata dalle tante manifestazioni di piazza represse violentemente a Minsk e in tutte le principali città del Paese. Ma oggi l’Europa batte un colpo e prende posizione chiaramente: il Parlamento europeo ha chiesto, infatti, sanzioni contro il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko. In una risoluzione adottata oggi con 574 sì, 37 no e 82 astensioni, il Parlamento ha respinto i risultati ufficiali delle “elezioni presidenziali” – il virgolettato è d’obbligo – che si sono svolte in Bielorussia il 9 agosto, perché svolte “in flagrante violazione di tutti gli standard riconosciuti a livello internazionale”.

Questo vuol dire che, scaduto “il mandato del leader autoritario uscente Aleksandr Lukashenko” (il 5 novembre prossimo), il Parlamento non lo riconoscerà più come presidente del Paese, si legge nel testo. Il Parlamento inoltre chiede “nuove elezioni il prima possibile” condotte sotto “la supervisione internazionale” e “supporta i cittadini bielorussi che manifestano per la libertà e la democrazia” oltre a “condannare la repressione di Internet e dei media”. Nel frattempo, gli eurodeputati accolgono con favore il Consiglio di coordinamento recentemente istituito come “rappresentanza ad interim del popolo che chiede un cambiamento democratico” in Bielorussia, aperto a tutti gli attori politici e sociali.

Una posizione chiara e netta fra Paesi democratici. Ma indovinate chi è che ha deciso di astenersi? La Lega. Pd, M5s, Fratelli d’Italia e Forza Italia hanno votato a favore. Il partito di Salvini, invece, ha ritenuto di non dover esprimere una opinione (ovviamente facendo capire benissimo da che parte sta). Dalla parte di chi non riconosce i valori fondanti dell’Europa.

Immediate le reazioni in Italia. Per primo il segretario dem Nicola Zingaretti che non usa mezze misure: “Che schifo“. Seguono i commenti indignati da parte dei parlamentari ed europarlamentari del Pd. Filippo Sensi mette in evidenza come la decisione di astenersi colloca chiaramente non solo la Lega ma anche i suoi europarlamentari, fra cui ricordiamo c’è anche la candidata alla Presidenza della Regione Toscana Susanna Ceccardi, in un quadro chiaro in Europa, in Italia e in Toscana.

Una decisione, quella della Lega, che pesa e che peserà.

Più letti

Calo delle nascite, ipoteca sul futuro. Con Elena Carnevali, Massimo Livi Bacci e Giorgia Serughetti

Il dodicesimo anno consecutivo di calo delle nascite, con accanto un dato che si è manifestato, in tutta la sua crudezza, per la prima...

Gagarin, sessant’anni dopo. Con Francesco Rea e Roberto Vittori

Sessant'anni fa per la prima volta l'uomo andava nello spazio. Era l'astronauta russo Yuri Gagarin.Ne parliamo a Contemporanea con l'astronauta Roberto Vittori e con il...

La ricostruzione dell’Aquila, un percorso da valorizzare assieme agli altri

Il 6 aprile scorso è stato celebrato il dodicesimo anniversario dal terremoto che ha devastato L’Aquila e molti borghi abruzzesi, causando oltre 300 vittime....

Si scrive vaccino, si legge geopolitica

Siamo ad un anno preciso dal primo lockdown in Italia per via dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Le nostre vite sono state stravolte in...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Cultura, turismo e tradizione: é la via del vino – Intervista a Dario Stefàno

Un vademecum su tutto quello che c’è da sapere sulla storia del vino, le potenzialità dell'enoturismo e il significato identitario che appartiene alla "bevanda...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Questa settimana in replica...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

‘Arte, memoria, melodie silenziose: piantare il futuro’. Intervista a Paolo Fresu

È uno dei nostri musicisti più talentuosi ed autorevoli, ma è anche un artista, e un uomo, di grande sensibilità civile. La scorsa settimana...