mercoledì 20 Gennaio 2021

La Lega non condanna il dittatore Lukashenko, che schifo
L

La solidarietà fra stati membri si vede nelle situazioni di difficoltà. Come quella che sta passando la Bielorussia, agitata dalle tante manifestazioni di piazza represse violentemente a Minsk e in tutte le principali città del Paese. Ma oggi l’Europa batte un colpo e prende posizione chiaramente: il Parlamento europeo ha chiesto, infatti, sanzioni contro il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko. In una risoluzione adottata oggi con 574 sì, 37 no e 82 astensioni, il Parlamento ha respinto i risultati ufficiali delle “elezioni presidenziali” – il virgolettato è d’obbligo – che si sono svolte in Bielorussia il 9 agosto, perché svolte “in flagrante violazione di tutti gli standard riconosciuti a livello internazionale”.

Questo vuol dire che, scaduto “il mandato del leader autoritario uscente Aleksandr Lukashenko” (il 5 novembre prossimo), il Parlamento non lo riconoscerà più come presidente del Paese, si legge nel testo. Il Parlamento inoltre chiede “nuove elezioni il prima possibile” condotte sotto “la supervisione internazionale” e “supporta i cittadini bielorussi che manifestano per la libertà e la democrazia” oltre a “condannare la repressione di Internet e dei media”. Nel frattempo, gli eurodeputati accolgono con favore il Consiglio di coordinamento recentemente istituito come “rappresentanza ad interim del popolo che chiede un cambiamento democratico” in Bielorussia, aperto a tutti gli attori politici e sociali.

Una posizione chiara e netta fra Paesi democratici. Ma indovinate chi è che ha deciso di astenersi? La Lega. Pd, M5s, Fratelli d’Italia e Forza Italia hanno votato a favore. Il partito di Salvini, invece, ha ritenuto di non dover esprimere una opinione (ovviamente facendo capire benissimo da che parte sta). Dalla parte di chi non riconosce i valori fondanti dell’Europa.

Immediate le reazioni in Italia. Per primo il segretario dem Nicola Zingaretti che non usa mezze misure: “Che schifo“. Seguono i commenti indignati da parte dei parlamentari ed europarlamentari del Pd. Filippo Sensi mette in evidenza come la decisione di astenersi colloca chiaramente non solo la Lega ma anche i suoi europarlamentari, fra cui ricordiamo c’è anche la candidata alla Presidenza della Regione Toscana Susanna Ceccardi, in un quadro chiaro in Europa, in Italia e in Toscana.

Una decisione, quella della Lega, che pesa e che peserà.

Più letti

Al via Radio Immagina, dalla parte delle persone

Ormai ci siamo. Una nuova avventura editoriale, una nuova voce prende vita. È la voce del Partito Democratico, dei suoi iscritti, della sua comunità,...

Grazie a Macaluso, l’uomo che non ha mai smesso di “vivere la politica”

Emanuele Macaluso non era un uomo facile. La sua sincerità lo spingeva a dire le cose come le vedeva e le pensava. E talora...

La nuova versione del Recovery Plan, le richieste del PD e il riformismo immaginario

La prima bozza del Recovery Plan non ci piaceva. Lo abbiamo detto a Conte e ai ministri. Ritenevamo sbagliato urlarlo, additando al pubblico ludibrio...

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...