martedì 20 Ottobre 2020

“La svolta europea sull’immigrazione annunciata da Von der Leyen grazie all’Italia e al Pd”
&

L’annuncio del superamento del Trattato di Dublino, insieme agli altri punti toccati da Ursula Von der Leyen nel discorso di ieri sullo stato dell’Unione, hanno dato il senso, una  volta di più in questi mesi drammatici, del cambio di passo che l’Europa ha messo in campo per affrontare finalmente, al tempo della pandemia, tanti dei nodi rimasti irrisolti negli ultimi anni.

Un cambio di passo, dicevamo, anche sul versante della gestione dei flussi migratori, del quale parliamo con il responsabile del Dipartimento Immigrazione del Pd, Marco Pacciotti.

Al presidente della Commissione europea ha annunciato l’abolizione del sistema di Dublino, una posizione impensabile solo fino a qualche mese fa. Siamo finalmente a un punto di svolta?

Sì. È importantissimo l’annuncio da parte di Ursula Von der Leyen di un superamento del Trattato di Dublino, misure che hanno rappresentato fino a oggi una delle grandi questioni irrisolte nella gestione dei profughi migranti. Ovviamente il Trattato rappresenta solo uno dei tasselli necessari per ricostruire una politica europea dell’immigrazione. Ma ne rappresenta sicuramente un aspetto importante. Dopo anni che come Pd e Italia chiedevamo la modifica, non possiamo che salutare positivamente la volontà espressa di una svolta.

Dunque la volontà è di arrivare finalmente a sancire che chi arriva in Italia, arriva in Europa?

Esatto. Si va nella giusta direzione. Volendo prendere ad esempio Lampedusa, questa sarà il confine più a Sud dell’Europa e non più l’isola italiana più vicina all’Africa. Anche  Lesbo è un effetto indiretto di Dublino: i profughi arrivano in Grecia e sono costretti a rimanere lì, dove le condizioni di vita sono disumane. Con la riforma annunciata da Von der Leyen l’auspicio è che si superino gli egoismi nazionali e dunque situazioni come quelle di Lesbo.

Concretamente, come si tradurrà la proposta di Von der Leyen? E in particolare come si supererà in Consiglio l’opposizione di Paesi come l’Ungheria di Orban?  

Questo non può che essere un processo politico che deve vedere tutti i paesi concorrere a un ripensamento generale delle politiche di accoglienza. Del resto quello che pochi mesi fa sembrava impossibile in Europa in materia di economia e politiche sociali si è invece dimostrato realizzabile.

Zingaretti ha rivendicato il ruolo dell’Italia in questa svolta.

Sì, il ruolo dell’Italia e della nostra delegazione di eurodeputati all’interno del gruppo dei Socialisti e Democratici, che da anni chiedono la riforma del Trattato di Dublino. Noi dunque rivendichiamo di aver portato la discussione su questo punto essenziale che sembrava intoccabile.

L’Europa è sempre più delle regioni, e domenica si terrà proprio nelle regioni un voto delicato. Quanto svolte come quelle di ieri possono interessare i milioni di cittadini al voto?  

Be’, un approccio che superi questi egoismi nazionali, e che sia dunque più solidale, aiuta tutti i Paesi che come l’Italia sono proiettati nel Mediterraneo a poter gestire senza allarmismi un fenomeno ormai costante da decenni, e che solo le destre europee nazionaliste continuano a rappresentare come un’emergenza e un’invasione, mentre i numeri dicono tutt’altro. In questo senso il voto per le regionali è anche un voto europeo, perché riafferma un’idea di Italia ancorata all’Europa dove le politiche condivise aiutano non soltanto a sostenere economicamente i Paesi nei momenti di crisi, ma anche a superare le paure infondate e fomentate dalle destra. È questa l’Europa che vogliamo e che abbiamo contribuito a costruire.

Più letti

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Dalla destre solo menzogne e fake news: difendiamo la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

Sabato scorso, esattamente mentre le sessanta piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI in tutta Italia si riempivano per sostenere la legge contro l’omotransfobia e la misoginia...

L’Italia e il Covid, tutte le misure del nuovo dpcm

La stretta è arrivata, anche se meno forte di quanto si era ipotizzato alla vigilia. E come era forse inevitabile, il nuovo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...