mercoledì 20 Gennaio 2021

Zingaretti: “È stata una vittoria di squadra, ora si apre la stagione delle riforme”
Z

Nel day after del voto, in attesa dell’esito dei comuni, il segretario dem torna a commentare il risultato delle regioni: “Noi siamo i vincitori”, ammette su Rai Radio 1, al Giornale radio delle 8. “Ma non amo l’io anche quando vinco. Si vince solo se c’è una squadra e ora dobbiamo continuare così”.

Una vittoria, quella del PD, che rappresenta un passo in avanti importante nel panorama politico italiano. In primis perché il risultato di ieri smonta definitivamente il tentativo della destra di mettere in difficoltà la tenuta del governo. In secondo luogo, perché le conseguenze del voto potranno incidere sui rapporti di forza all’interno della maggioranza: è chiaro, infatti, come la vittoria dei dem rafforzi inevitabilmente il loro peso nella compagine dell’esecutivo. Non a caso Zingaretti appare deciso a spingere Conte a cambiare marcia chiedendo di inserire nell’agenda di governo temi cari al PD, come l’accettazione del Mes e la necessità di cambiare i decreti sicurezza. 

Per adesso, quando gli viene chiesto quali siano adesso le priorità tra Recovery fund, Mes, lavoro e scuola, il segretario dem risponde così: “Questa è un’agenda che il governo si è dato. È stata la squadra di governo che ha vinto in Europa la battaglia per avere centinaia di miliardi e ora sarà questo governo a realizzarli”. E sul Referendum sottolinea: “Sono molto contento di come il Pd abbia affrontato questo passaggio. È la più bella conquista del Pd: avere idee diverse ma non per questo dividersi o lacerarsi”.

I risultati delle regionali

In Toscana Eugenio Giani ha vinto con il 48,6 per cento dei voti (oltre 860mila, in totale). Susanna Ceccardi, sostenuta dal centrodestra e in particolare dalla Lega, ha ottenuto il 40,4 per cento dei voti (715mila in totale). Il Pd è primo partito con il 34,7 per cento delle preferenze, la Lega seconda con il 21,8 per cento.

In Puglia — una delle regioni considerata tra le più a rischio per il centrosinistra — a vincere è stato Michele Emiliano, governatore uscente, con il 46,9 per cento dei voti. Raffaele Fitto, del centrodestra, ha ottenuto il 38,9 per cento dei voti. Emiliano non era sostenuto né dai 5 Stelle né da Italia Viva: i candidati dei due partiti, Antonella Laricchia e Ivan Scalfarotto, hanno ottenuto rispettivamente l’11,11 per cento e l’1,6 per cento dei voti.

In Campania Vincenzo De Luca, governatore uscente, sostenuto dal centrosinistra, ha stravinto, con il 69,6 per cento dei voti. Stefano Caldoro, del centrodestra, ha ottenuto il 17,8 per cento dei consensi; Valeria Ciarambino, dei 5 Stelle, il 10 per cento.

In Veneto ha vinto con nettezza Luca Zaia, governatore uscente, giunto al terzo mandato: le percentuali della sua vittoria sono molto alte, il 76,8 per cento dei consensi. Il candidato del centrosinistra Arturo Lorenzoni ha ottenuto il 15,7 per cento dei consensi. Da notare come la lista “Zaia presidente” rappresenti il primo partito, con il 44,6 per cento dei voti, attestandosi sopra la Lega, che ha preso il 16,89 per cento.

In Liguria a vincere stato il governatore uscente, Giovanni Toti, del centrodestra, con il 56,13 per cento dei voti: 383mila preferenze in totale. Ferruccio Sansa, sostenuto dal centrosinistra — storicamente molto forte, in Regione — ha comunque ottenuto il 38,9 per cento del totale.

Nelle Marche ha vinto il candidato di centrodestra, Francesco Acquaroli, ottenendo il 49,1 per cento dei voti. Il candidato del centrosinistra Maurizio Mangialardi ha ottenuto il 37,3 per cento dei consensi, mentre Gian Mario Mercorelli l’8,6 per cento.

Più letti

Al via Radio Immagina, dalla parte delle persone

Ormai ci siamo. Una nuova avventura editoriale, una nuova voce prende vita. È la voce del Partito Democratico, dei suoi iscritti, della sua comunità,...

Grazie a Macaluso, l’uomo che non ha mai smesso di “vivere la politica”

Emanuele Macaluso non era un uomo facile. La sua sincerità lo spingeva a dire le cose come le vedeva e le pensava. E talora...

La nuova versione del Recovery Plan, le richieste del PD e il riformismo immaginario

La prima bozza del Recovery Plan non ci piaceva. Lo abbiamo detto a Conte e ai ministri. Ritenevamo sbagliato urlarlo, additando al pubblico ludibrio...

Perchè quello di Renzi è un regalo all’antipolitica

Far dimettere due Ministre dopo aver portato a casa le richieste sui contenuti del recovery fund; dire che il Presidente Conte è una minaccia...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Ecosistema della menzogna e crisi delle democrazie

Dovremmo essere sorpresi della sorpresa. L’assalto al Campidoglio non è il colpo di stato, è un esito di un vero colpo di stato iniziato...

Tra zolfo e inchiostro, a ciascuno il suo maestro

«Considero il potere, non già alcunché di diabolico, ma di ottuso e avversario della vera libertà dell’uomo. Sono tuttavia indotto a lottare perché, all’interno...

Una mascherina sospesa per aiutare i più poveri: l’iniziativa degli Avvocati di strada

È lo studio legale associato più grande di Italia. Con 55 sedi in diverse città del Paese e oltre 1.000 avvocati volontari, l’associazione nazionale Avvocato...

Il fenomeno No Vax figlio di un problema culturale

Il 2020 sarà ricordato come l’anno delle contraddizioni oltre che del Covid19; l’anno in cui si passava dal “chiudete tutto” all’”aprite tutto” in un...

Il fallimento del ‘modello svedese’, tormentone dei negazionisti

Per mesi i negazionisti ci hanno detto che il 'modello svedese' era la soluzione. E in effetti noi tutti lo guardavamo con un misto...