martedì 20 Ottobre 2020

Zingaretti: “Riforme, agenda di governo, rinnovamento del Pd: tre grandi cantieri per il Paese”
Z

“Siamo pronti a ripartire e saremo a fianco delle corse dei candidati a sindaco del Pd che si concluderanno tra due settimane con il secondo turno. Ripartiamo con la consapevolezza della rinnovata forza espansiva del centrosinistra e del ruolo centrale del Pd”. E’ un Nicola Zingaretti visibilmente soddisfatto quello che si presenta nella sala conferenze della sede del Pd per incontrare i giornalisti e fare un punto il giorno dopo le elezioni regionali e il referendum confermativo sulla riduzione del numero dei parlamentari.

“I numeri – spiega il segretario del Pd – confermano che il Pd torna ad essere il primo partito politico italiano con il 19,8%. Non dimentichiamo che dopo il 2018 il Pd era una forza politica marginalizzata dalla bipolarizzazione tra Lega e M5s. Oggi è il pilastro attorno al quale costruire alleanze competitive”.

Un altro dato interessante, citato da Zingaretti, è quello che fotografa la somma dei voti ottenuti dalle forze che sostengono il governo e quelle che sono all’opposizione: “Se si sommano le percentuali delle forze politiche di maggioranza, siamo al 48,7 per cento, mentre la destra è al 46,5%. Quello che ci ha penalizzato dove non siamo riusciti a vincere è la divisione e la moltiplicazione delle candidature”.

Ora cosa accade? Il leader del Pd ha le idee molto chiare. “Va aperta una fase nuova all’insegna del fare e della concretezza per dare un futuro al Paese”.

Parliamo di tre cantieri.

“Il primo è un patto per le riforme dopo il Sì al referendum. L’agenda c’è: superamento del bicameralismo paritario, per cui è pronto un testo di legge che depositeremo a giorni in Parlamento. Poi la legge elettorale, per cui c’è un testo base e crediamo che bisogna andare avanti. La riforma dei regolamenti parlamentari, che è già incardinata, e infine la riforma del sistema delle autonomie locali, per cui è giunto il tempo di mettere ordine in questo campo, insieme ai sindaci e agli amministratori locali”.

“Il secondo cantiere è il rilancio di una nuova agenda di governo che deve mettere a fuoco le priorità: i decreti sicurezza vanno varati e approvati, non cancellati, perché quelli di Salvini non erano decreti sicurezza. Poi bisogna entrare nel vivo del recovery fund, su cui crediamo che serva produrre le scelte. Il cuore deve essere quello di puntare su green economy, digitalizzazione, inclusione sociale per dare vita al più grande piano di occupazione giovanile e femminile, basato su crescita e lavoro. Dobbiamo poi costruire la migliore sanità del mondo, anche utilizzando i canali di finanziamento che arrivano dal Mes, ma uscendo dalle discussioni ideologiche e nominalistiche”.

“Infine, il cantiere del rinnovamento e del radicamento del partito. Vogliamo aprire un percorso, una sfida nel rapporto con la società. Aprire un confronto e una piattaforma politica che sia frutto del confronto con il Paese, con mondo della cultura, del lavoro, dell’impresa, della scienza. La carta fondamentale dei democratici. E accanto a questo una riforma organizzativa che porti questo soggetto ad essere sempre più inclusivo verso quella parte di società che in questa fase è tornato ad accendere i riflettori verso di noi”.

Infine, una riflessione sul referendum: “Confermo che siamo molto soddisfatti di come il Pd ha affrontato il dibattito sul referendum, con una scelta netta ma anche con una discussione libera al nostro interno, non lacerante. Anche chi ha votato No, nel Pd, si è sentito a casa“.

Più letti

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Dalla destre solo menzogne e fake news: difendiamo la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

Sabato scorso, esattamente mentre le sessanta piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI in tutta Italia si riempivano per sostenere la legge contro l’omotransfobia e la misoginia...

L’Italia e il Covid, tutte le misure del nuovo dpcm

La stretta è arrivata, anche se meno forte di quanto si era ipotizzato alla vigilia. E come era forse inevitabile, il nuovo...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Bravo Zingaretti, ottima sintesi dei tre punti fondamentali del prossimo periodo. Ne aggiungerei un altro: la speranza di una società con minori disuguaglianze e meno inquinante, perchè soprattutto ai giovani dobbiamo offrire questa utopia!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...