sabato 24 Ottobre 2020

Le regionali e quell’onda verde che da sola non basta
L

I dati delle ultime elezioni regionali esprimono a mio giudizio un significativo paradosso.

Le liste che a vario titolo si propongono come verdi e ambientaliste si muovono su percentuali che viaggiano tra l’1 e il 2%, superando solo in Puglia e in Toscana la soglia del 2% ma rimanendo comunque ben sotto il 5% e riuscendo ad eleggere in tutto solo quattro consiglieri regionali. Ad esclusione della Valle D’Aosta, dove hanno contribuito alla nascita del Progetto Civico Progressista, con il PD, raggiungendo il 15%.

Allo stesso tempo oltre il 28% degli italiani dichiarano di essere molto preoccupati e attenti per i temi ambientali e i danni creati dall’inquinamento (fonte SWG), e questo livello di attenzione è più che raddoppiato negli ultimi tre anni.

Inoltre, sono sempre di più le aziende attente alla dimensione del consenso e alle analisi sui temi di mercato, che promuovono campagna e messaggi di attenzione ambientale, fino a promuovere progetti aziendali per raggiungere la neutralità carbonica nel 2050.

Come mai nel nostro Paese le istanze ambientali non riescono a trovare una forte casa e a catalizzare significativi risultati elettorali?

Forse proprio perché le istanze ambientali non possono essere un elemento monotematico dell’offerta politica, di “proprietà” di un unico partito. Anzi dovrebbe essere compito di tutti i politici lavorare per il bene comune, occupandosi in modo trasversale delle tematiche legate alla crisi climatica e ai temi ecologici. Creando piano di lavoro condiviso a partire dall’Agenda delle Nazioni Unite 2030 e su come realizzare una concreta transizione ecologica.

Temi che sarebbero catalizzatori di voti, e che devono però incrociarsi con altre tematiche sociali, con il modello di sviluppo, con le preoccupazioni per il lavoro e per la salute.

Per questo penso sia necessario dialogare con tutte le forze della società civile, dai movimenti alle associazioni, e riuscire a dare strumenti, motivazioni, stimoli, elementi di ragionamento per imprimere una maggior forza ai temi ambientali nella Politica.

In particolare nel campo progressista è chiaro che ridurre la frammentazione e sviluppare un progetto politico ecologista, europeista, inclusivo, gentile e unitario potrebbe riuscire a creare una forte Onda Verde anche in Italia, che raccolga fiducia e consensi nuovi e contribuisca anche su questo fronte, cruciale per il nostro futuro, a chiudere la stagione dei populismi.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...