sabato 24 Ottobre 2020

Recovery Fund. L’aumento dell’occupazione femminile come grande obiettivo nazionale
R

Come mettere al centro del futuro del Paese e del Recovery Fund, l’occupazione femminile? E soprattutto quali sono i motivi di questa scelta? E quali gli ostacoli?

E‘ abbastanza chiaro perché “conviene”. E’ chiarito da analisi, esperienze, dati che l’aumento della partecipazione delle donne al mercato del lavoro determini un impatto positivo più che proporzionale sull’economia perché comporta aumento dei consumi, della domanda di servizi e di altra occupazione femminile. E della natalità. Quindi il perché è presto detto: è un interesse pubblico.

Sufficientemente chiaro è anche quali siano le barriere da superare E cioè qual’e’ l’ostacolo principale all’occupazione femminile sia nell’ingresso al lavoro che nel mantenimento del posto di lavoro. La maternità ostacola l’ingresso al lavoro delle giovani donne anche prima di essere madri (non a caso esiste il fenomeno tutto italiano della truffa delle “dimissioni in bianco”) e ne determina l’uscita. Lo dimostrano i dati recenti dell’Ispettorato del lavoro sulle vere dimissioni volontarie.

Messo in chiaro quanto l’occupazione femminile sia necessaria, va sottolineato che ciò non è sufficiente ad attivare le scelte, le risorse e le politiche pubbliche necessarie al superamento delle discriminazioni e degli stereotipi di genere, alla radice della bassa occupazione femminile. Obiettivo urgente, importante e oggi alla portata per disegnare un paese moderno, tracciare la strada, dare un’anima all’utilizzo del Recovery Fund.

Ora bisogna spiegare come realizzare l’obiettivo. E il come è reso chiaro dalla consapevolezza che per aumentare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro ci vogliono politiche di sistema e comportamenti coerenti di tutti gli attori: imprese, organizzazioni sindacali, scuola e università, mondo dell’informazione. È necessario cioè che a politiche pubbliche nazionali corrispondano comportamenti coerenti delle imprese nelle assunzioni e nella organizzazione della produzione; delle organizzazioni sindacali nei rinnovi contrattuali; delle amministrazioni pubbliche negli orari delle città e nell’organizzazione dei servizi; della scuola nell’educazione al rispetto delle differenze; dell’informazione nel veicolare messaggi coerenti.

Sia il governo a promuovere l’aumento dell’occupazione delle donne come grande obiettivo nazionale a cui richiamare l’insieme del paese e a cui destinare le risorse del Recovery Fund. E lo faccia convocando tutti intorno a proposte concrete.
Un esempio tra i tanti possibili.

La maternità è vissuta come un rischio e un costo dalle imprese. Mentre si contrastano gli stereotipi – perché la maternità è un “master” che aumenta le competenze come dice Riccarda Zezza – si proponga che l’indennità versata per retribuire l’assenza obbligatoria di 5 mesi sia tutta a carico della fiscalità generale. Oggi lo è all’ 80 per cento e in virtù dei contratti collettivi al 100 per cento in molte imprese.

E l’indennità sia versata alle lavoratrici direttamente dall’INPS sgravando in questo modo di un peso notevole le piccole imprese. La liquidità di quelle più piccole, ma l’Italia è il paese delle imprese sotto i 9 dipendenti, e’messa spesso a repentaglio dalla somma dell’anticipo dell’indennità con la retribuzione della persona che sostituisce la lavoratrice in maternità. Si tratterebbe solo di un anticipo di cassa, con un importo limitato dal punto di vista dei costi della Finanza pubblica stimato, molto per eccesso, dalla Ragioneria in 5 milioni .

Le imprese si impegnino a loro volta a politiche di organizzazione aziendali più flessibili, ad ampliare il catalogo dei servizi del welfare aziendale, a favorire la condivisione del lavori di cura tra padri e madri incentivando e non scoraggiando il congedo di paternità che nel frattempo il Parlamento dovrà più che quintuplicare. Il digitale aiuta e anche lo Smart working nella sua accezione di lavoro per progetti, certo non di strumento destinato alle donne. L’informazione faccia la propria parte con articoli e palinsesti adeguati nei contenuti. Cominciando a valorizzare i talenti di tante donne.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...