sabato 24 Ottobre 2020

La proposta del Partito democratico per un Parlamento uno e trino
L

Qual è la logica della proposta di riforma costituzionale presentata dal Pd?
Anzitutto quella di un Parlamento uno e trino.


Un Parlamento Uno perché il Parlamento in seduta comune, con 600 membri e non più con 945, può svolgere un ruolo politico fondamentale unitario rispetto al Governo: dare la fiducia all’esecutivo nominato dal Presidente della Repubblica, sostituire il Governo indicando responsabilmente un altro Presidente del Consiglio incaricato, con una mozione costruttiva, votare in quella sede la conversione dei decreti legge ed il bilancio senza che la seconda Camera in cui capita debba accettarli a scatola chiusa come accade in questi anni, così come l’autorizzazione all’indebitamento, interloquire col Presidente del Consiglio prima e dopo le riunioni del Consiglio europeo evitando che il Presidente debba ripetere lo stesso discorso e due dibattiti fotocopia, approvare i trattati internazionali.

Anche la questione di fiducia, ove necessaria, è votata dal Parlamento in seduta comune.
Un Parlamento anche Trino, perché accanto al Parlamento in sedute comune, le due Camere possono specializzarsi in modo nuovo.

La Camera inizia l’esame della gran parte delle leggi e le può approvare in ultima istanza con una tempistica ragionevole, escluse quelle di competenza del Parlamento in seduta comune e alcune delicate che restano bicamerali paritarie (leggi di revisione della Costituzione, altre leggi costituzionali e leggi elettorali), potendo quindi superare a un certo punto dell’iter gli emendamenti proposti dal Senato.

Il Senato si specializza sulle questioni regionali: è integrato da un senatore eletto a maggioranza qualificata da ogni Consiglio regionale tra i propri componenti; ha un potere particolare sui principi della legislazione concorrente e sul federalismo fiscale: in tali casi, subentrando alla Commissione bicamerale per le questioni regionali, la Camera può superare i suoi emendamenti solo a maggioranza assoluta dei componenti.

Il Senato viene altresì sentito nei casi gravi di scioglimento dei Consigli Regionali su decreto motivato del Presidente della Repubblica, sostituendo anche in questo caso la già richiamata Commissione bicamerale. Ne viene poi potenziato il ruolo di garanzia, riservandogli in esclusiva anche il potere di inchiesta e a questo si aggiunge, sempre in raccordo con Regioni e autonomie, la sua competenza sulla valutazione dell’impatto delle politiche pubbliche sui territori.

La proposta mira poi anche ad un Governo più responsabile e più coeso.
Il Presidente del Consiglio, più responsabile, perché sarà costituzionalmente vincolato a presentarsi al Parlamento in seduta comune prima e dopo i Consigli europei e perché saranno obbligatoriamente parlamentarizzate le crisi dovute a dimissioni, mentre acquisisce una maggiore coesione attraverso il potere di proporre al Presidente della Repubblica anche la revoca dei ministri, oltre a conservare la proposta di nomina.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Per qual motivo non verrebbero date al Parlamento in seduta comune tutte le leggi di revisione della costituzione, le altre leggi costituzionali e le leggi elettorali?

    Mario Sica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...