sabato 24 Ottobre 2020

Zingaretti: “Apriamo una fase nuova nella vita istituzionale del Paese”
Z

“L’obiettivo del Pd è rispondere in maniera positiva alle aspettative degli italiani e alla loro voglia, ancora dentro a una fase drammatica, di ritrovare speranza e fiducia nel futuro”.

Lo ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto di riforma costituzionale messa a punto dai dem. A presentare il progetto insieme al segretario, nella sede del Nazareno, Andrea Orlando, Roberta Pinotti, Dario Franceschini e Graziano Delrio, insieme a Dario Parrini e Stefano Ceccanti, gli estensori della proposta.

“Non possiamo lasciare fuori questa voglia di riscatto – ha detto ancora Zingaretti – . Oggi ci sono nuove dati sull’occupazione che fanno ben sperare, qualcosa si muove, ma noi vogliamo essere tra coloro che di più insistono per dimostrare che è possibile costruire un Paese nuovo, che risponda alla voglia di riscatto degli italiani”.

“Non vogliamo tornare indietro, dopo il Covid si può costruire un’Italia migliore“, ha rimarcato il segretario del Pd, aggiungendo di pensare a “un modello economico e sociale più inclusivo, un nuovo modello produttivo e a un nuovo sistema di rapporti tra Stato e imprese, meno burocratico e che dia slancio alla competitività con gli investimenti nel digitale e nella green economy”.

Oggi, ha sottolineato “apriamo un altro cantiere, quello istituzionale. Un contributo che mettiamo a disposizione della discussione innanzitutto parlamentare”. Ed è al Parlamento che il segretario dem si rivolge quando afferma che si tratta di un contributo “rivolto anche alle opposizioni”.

“Forza Italia ha già dato la disponibilità ad aprire confronto e non c’è una chiusura pregiudiziale dei leader della destra italiana”, ha ricordato Zingaretti. Per poi ribadire: “È il contributo di chi si assume la responsabilità di aprire un nuovo fronte riformatore, come avevamo annunciato e come avevamo detto sostenendo il Sì al referendum, aprendo una nuova stagione di riforme”.

“Da ora  – è l’impegno del segretario dem – parte un lavoro politico di confronto con le altre forze di maggioranza e non solo; con i costituzionalisti, protagonisti anche del dibattito sul referendum, e che chiameremo al protagonismo perché convinti dell’utilità del loro contributo”.

Ma il punto che più di tutti il segretario ha tenuto a sottolineare è la volontà di fare della battaglia per istituzioni più efficienti “una battaglia popolare”.  E per questo, ha annunciato, la petizione a sostegno del progetto del Pd sarà disponibile anche sulla piattaforma change.org.

Una chiosa infine sul referendum che il 20 e 21 settembre ha dato luce verde al taglio dei parlamentari con un’ampia partecipazione e un lago sostegno al Sì. Una partecipazione e un sostegno alla riforma che per Zingaretti “non avevano il sapore dell’antipolitica,” ma che al contrario sono stati il segno della volontà “di  di volersi riappropriare della politica, che adesso deve trovare un riscontro. E questa è una buona occasione, con questo testo e ci siamo assunti questa responsabilità e apriamo con spirito costruttivo una fase nuova nella vita istituzionale di questo Paese”.

Anche per il vicesegretario del Pd Andrea Orlando l’iniziativa di oggi segna “la ripresa di un cammino verso il riformismo istituzionale“. Un cammino, ha ricordato, che si è interrotto con il referendum del 2016 e che però “non fa venir meno l’esigenza di un ammodernamento del nostro sistema istituzionale”.

“Si è affrontato questo passaggio – ha sottolineato Orlando – anche facendo tesoro di quella esperienza”. E dunque “non più una grande riforma che mettesse dentro tutto”, quanto piuttosto “un cantiere che si rimette in moto”.

Un passaggio, quello della presentazione del progetto dem per le riforme costituzionali, “che deve essere accompagnato da una iniziativa popolare“, e per questo “promuoveremo una raccolta di firme che dia una dimensione più larga a una iniziativa che svilupperemo a livello parlamentare”. Perché, è l’opinione di Orlando, “dobbiamo portare il Paese a discutere della necessità di un cambio di assetto del nostro sistema istituzionale”.

Un discorso che è importante riprendere, è il ragionamento del vice di Zingaretti, anche per superare un dibattito che fin qui “è stato tutto legato alla retorica anti-casta”, per Orlando “un dibattito falso rispetto ai veri problemi del funzionamento del nostro sistema istituzionale”.

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Bisogna partire, però, da un rinnovamento interno al P:D. laddove si è perso, avere il coraggio di mettersi da parte, per ricuperare consensi, altrimenti la gente NON ti segue abbastanza, coloro che hanno avuto voti, governino il Partito, ho speranza, ancora..

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...