sabato 24 Ottobre 2020

“C’è fiducia in noi. L’obiettivo è la ricostruzione del Paese”. Parla Nicola Zingaretti
&

“Resterò governatore fino al 2023”, dice Nicola Zingaretti segretario del Partito Democratico e presidente della Regione Lazio annunciando sul Corriere della Sera i prossimi obiettivi dopo i successi ottenuti nell’ultima tornata elettorale.

Sarà una lunga marcia, ma con un progetto: “Ripristinare il bipolarismo con sistema proporzionale e sbarramento al 5%: quella soglia spinge al voto utile, e noi possiamo diventare il primo partito italiano, il perno di ogni possibile maggioranza anti-sovranisti”.

“Per me vincere le prossime elezioni politiche vuol dire tenere i sovranisti sotto il 50%. Il resto mi va bene tutto”.

“Ho girato 140 piazze elettorali quando nessuno della maggioranza ci metteva la faccia. Con i nostri voti abbiamo fatto una trasfusione di sangue al governo. Adesso non vorrei che si approfittasse della ritrovata stabilità per prendersela comoda. Possibile che stiamo ancora a perdere tempo sul Mes? Voglio dirlo chiaro: l’obiettivo su cui si gioca quest’alleanza di governo non è più l’elezione del prossimo capo dello Stato, come si poteva ancora immaginare a gennaio, ma il Recovery plan e la ricostruzione del Paese“.

Voglio dire però che su una cosa ho avuto di sicuro ragione: al Congresso avevo detto che i Cinquestelle non sono la stessa cosa della Lega. Sono nostri competitori, certo. Ma il governo che abbiamo fatto insieme ha ribaltato i rapporti dell’Italia con l’Europa. Ora siamo ascoltati, c’è fiducia in noi, anche per il modo in cui abbiamo fronteggiato l’epidemia. È un capitale decisivo per l’Italia. E l’abbiamo messo in banca noi»

Più letti

Il nemico è il virus, non le regole. Ora una visione comune per un cambio di passo

Pubblichiamo la relazione integrale del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti pronunciata in apertura della riunione della Direzione nazionale

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

La seconda ondata travolge l’Europa: come si stanno muovendo gli altri Stati

Un picco mai visto. E l'inverno, che ancora deve arrivare, fa davvero paura. Non è soltanto la situazione in Italia (dove i...

Sono positivo cosa devo fare? Tutte le informazioni utili per affrontare quarantena e tamponi

I contagi crescono e le preoccupazioni aumentano. Ma con spirito di collaborazione e rispettando alcune regole possiamo convivere con il virus. Cerchiamo...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Che cosa è il Circuit Breaker Lockdown adottato dal Galles?

Un breve periodo per resettare i contagi, un lockdown “breve ma brusco” lo definisce il primo ministro gallese Mark Drakeford mentre spiega...

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...