lunedì 23 Novembre 2020

Comunità e Territorio: così la Lega è battibile dentro e fuori dai social
C

Alla fine, ripetere e dire che il Pd vince quando fa il Pd non basta.
È vero, le elezioni l’hanno dimostrato, ma non è solo questo, perché in questa tornata elettorale ci sono stati tanti elementi che hanno concorso a questa vittoria. Non è la vittoria per eccellenza sul centrodestra, questo risultato è ancora da raggiungere, ma questa vittoria ha dato una boccata d’ossigeno a tutto il Partito Democratico.

E ha dimostrato una cosa: la Lega e Salvini non sono imbattibili, si possono battere ovunque. E qui in Lombardia lo sappiamo molto bene, in questo territorio dove la Lega la conosciamo da tempo, non solo come forza urlatrice ma anche come forza di governo e di territorio.

Prima di tutto, la Lega ha mutato il suo DNA, non è più la stessa con cui abbiamo sempre fatto i conti fino a 5/6 anni fa. Ha creato una nuova classe dirigente differente da quella con cui è nata. Una classe dirigente che non è sul territorio come la “vecchia Lega”, ma che vive sui social e fomenta, strepita, urla e ripete il messaggio di Salvini.
E non fa null’altro.

Ed è qui la differenza tra la classe dirigente della Lega salviniana nel territorio e quella del Pd, del Pd che ha vinto nei territori in questa tornata elettorale.

La Lega ha capito, fin da subito (o meglio, dopo il Movimento 5 Stelle, ma con modalità differenti) che una comunità attiva sulla rete che rilancia un messaggio funziona, ma deve essere una comunità che costruisce, non che distrugge. La comunità social della Lega è formata da singoli, da singoli che presidiano ma che non condividono valori se non il messaggio negativo contro l’altro.

Noi abbiamo avuto una forza diversa, questa nostra comunità non è fatta di singoli che agiscono ognuno nei propri canali, ma vive anche il proprio essere comunità in rete. Costruendo messaggi e vivendo anche sui social i propri valori, il proprio essere comunità. Costruendo proposte nuove, anche per i singoli territori.
Una comunità che vive anche fuori dai social e porta fuori anche il proprio essere comunità.

La Lega in Lombardia ha perso anche per questo motivo, perché non è riuscita a creare quel collegamento valori-rete-comunità-realtà e non ha saputo portarli nel territorio. Ed è così che tante vittorie importanti sono arrivate.

Ed è ora di costruire comunità e territorio, dentro e fuori dalla rete.

Edoardo Pivanti è responsabile Comunicazione Pd Lombardia

Più letti

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

“Ho assistito a degli spettacoli che mai dimenticherò”. Lo storico discorso di Pertini sul terremoto in Irpinia

Il 23 novembre di 40 anni fa, alle 19.34 di una domenica sera qualunque, la terra trema in Irpinia e Basilicata. Novanta secondi che...

Quarant’anni dal terremoto in Irpinia: fragilità e rinascita

Oggi ricorre il quarantesimo anniversario del terremoto che devastò l’Irpinia. Il più terribile degli ultimi decenni, con il conto delle vittime che si avvicinò...

Articoli correlati

1 COMMENTO

  1. Edoardo al tuo bell’articolo aggiungo questa mia riflessione.
    Io penso che il PD sta portando poco ai cittadini sui territori materiali e occasioni di riflessione sulle proposte politiche nazionali e sui temi aperti: uno per tutti il tema di una alleanza strategica con il M5S, che è alla base di molte scelte politiche del PD nazionale ma che non è mai stato oggetto di un franco confronto interno.
    L’iniziativa politica sui temi nazionali non escluderebbe quella sui temi locali, ma la completerebbe e la inserirebbe in un quadro di valori che i nostri iscritti e militanti disperatamente ci chiedono di difendere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...

Cosa cambia per la Brexit con l’elezione di Biden

La prima telefonata è per il primo ministro canadese Justin Trudeau. Non una sorpresa. La vicina fisica, e soprattutto politica, mostrano e sintetizzano quella...

Perché ha vinto Joe Biden

Troppo vecchio, troppo molle, troppo centrista, ne ho sentite parecchie su Biden in questi mesi, eppure sin dai primi passi nelle elezioni primarie ho...