martedì 20 Ottobre 2020

Quale legge elettorale per un futuro più democratico e partecipato?
Q

L’esito del referendum costituzionale che si è tenuto il 20 e 21 settembre 2020 è inequivocabile. Quasi il 70% delle italiane e degli italiani si è pronunciato per la riduzione del numero delle elette e degli eletti al Parlamento. Adesso è diventato urgente intervenire su un più ampio spazio di riforme: la modifica della legge elettorale e l’introduzione di una legge sui partiti. Con queste brevi riflessioni vogliamo invitare il Partito Democratico e la sua dirigenza ad iniziare un percorso di confronto e discussione interna.

Bisogna convenire, infatti, che preso atto delle condizioni politiche attuali, a fronte di  un numero fortemente ridotto di rappresentanti, sia divenuto indispensabile prevedere procedure chiare che consentano di comporre un Parlamento autonomo e svincolato da indebite pressioni. In particolare, in tal senso si rende necessario dotare il Parlamento, senza ulteriormente tergiversare, di una nuova legge elettorale, che possa contare su un consenso tale da permetterle di consolidarsi nel tempo e andare a regime.

Purtroppo è costume in Italia cambiare la legge elettorale con eccessiva stravaganza. Alcuni hanno ipotizzato di inserire la disciplina della legge elettorale direttamente in Costituzione, altri pensano che in tema elettorale debba essere mantenuto il più ampio margine di flessibilità possibile, per garantire di adattare il quadro istituzionale alle esigenze imposte dai cambiamenti sociali e politici.

In questo dibattito dicotomico, può valere la pena ipotizzare una terza via intermedia, prevedendo di inserire in Costituzione non già la disciplina elettorale da applicare bensì le modalità con cui la legge elettorale deve essere approvata o modificata, prevedendo, per esempio l’introduzione di procedure o maggioranze aggravate per la sua adozione. Ciò garantirebbe una maggiore stabilizzazione del sistema elettorale, che non sarebbe ostaggio della maggioranza di turno, né facile obiettivo politico per nessuno, pur senza giungere a cristallizzare una scelta precipua in Costituzione

Nello specifico poi, alla domanda su “quale modello” sia preferibile, per sensibilità e per l’esperienza che deriva dal confronto dei vari sistemi elettorali esistenti in Europa, è possibile ipotizzare, nella direzione assunta dalle ultime bozze in circolazione, che il modello tedesco rappresenti un buon punto di partenza per riflettere sulle scelte che dovranno essere assunte nel contesto italiano.

In effetti, il sistema tedesco presenta un profilo misto, che, accetando che il numero dei parlamentari possa subire di legislatura in legislatura un variazione, prevede l’assegnazione di 299 seggi attraverso un sistema uninominale secco dove vince chi prende anche solo un voto in più, mentre il restante numero di seggi è distribuito con metodo proporzionale superato lo sbarramento al 5%.

Assodato che si tratta di una soglia eccessivamente alta per il panorama italiano e nella consapevolezza che per garantire “governabilità” e “rappresentanza” – effettivamente molto ben assicurate in Germania – non basta dire che servono una soglia o nuovi circoscrizioni, pemane la convinzione che sia necessario muovere i primi passi e che in tal senso, nel panorama comparato possa essere virtuoso farlo tenuto conto dell’esperienza virtuosa di alcune altre liberal democrazie parlamentari, pur non perdendo di vista le esigenze peculiari del nostro Paese, dettate dalle sue caratteristiche sociali e demografiche.

In questo senso la definizione delle circoscrizioni elettorali resta un passo cruciale che non può essere semplicemente relegato ad un aspetto di contorno dovendo essere analizzato e stabilito in uno con le scelte che saranno fatte per quel che concerne metodo di riparto dei seggi e fissazione delle soglie.

Va da sé che ogni discorso relativo a rigenerazione delle dinamiche di governo, modifica del sistema elettorale, rinnovo delle pratiche parlamentari è destinato al fallimento se al contempo non si apre un dibattito sull’approvazione di una legge sui partiti, da tempo rimandato, al fine di definire un quadro di norme comuni a tutte le formazioni politiche che intendono partecipare alla competizione elettorale: rinvigorire la democrazia all’interno dei partiti significa rinvigorire la democrazia nell’intero sistema. È necessario che il PD operi al fine di dare qualità alla democrazia e questo può accadere, secondo quanto stabilito dalla nostra Costituzione, solo dando forza e dignità ai partiti, rendendoli democratici nel profondo senso della parola.

In conclusione, tagliare il numero delle elette e degli eletti in Parlamento non produrrà di per sé alcun miglioramento della qualità complessiva della nostra democrazia: per ottenere tale risultato servono riforme radicali che mettano in chiaro le regole del gioco per i partiti (con apposita legge), della definizione degli equilibri in Parlamento (legge elettorale) e le modalità di gestione del lavoro dei gruppi parlamentari (modifica dei regolamenti).

Le idee in merito non mancano: speriamo possa aprirsi rapidamente una discussione interna che consenta di esprimerle e condividerle.

Diamo forma, come PD, all’Italia del domani: più partecipazione, democrazia e trasparenza per rendere il Paese capace di affrontare le sfide epocali che di volta in volta si presenteranno, con serietà ed efficacia. Ci crediamo, ci vogliamo provare!


Anna Mastromarino è Professore Associato di Diritto Pubblico Comparato
Dipartimento di Giurisprudenza – Università di Torino.
Federico Quadrelli è Segretario PD Berlino e Brandeburgo e membro dell’Assemblea Nazionale PD.

Più letti

Attilio Fontana, il ‘front office’ della Lega in Lombardia

È così che Nino Caianiello, chiama Attilio Fontana: il front office, un politico che mette la faccia su decisioni di altri. Una...

Manovra espansiva da 39 miliardi: l’Italia torna protagonista

La manovra finanziaria per il 2021 vale 39 miliardi. È una manovra espansiva, che si aggiunge a quelle varate nei mesi scorsi,...

Dalla destre solo menzogne e fake news: difendiamo la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

Sabato scorso, esattamente mentre le sessanta piazze #DALLAPARTEDEIDIRITTI in tutta Italia si riempivano per sostenere la legge contro l’omotransfobia e la misoginia...

L’Italia e il Covid, tutte le misure del nuovo dpcm

La stretta è arrivata, anche se meno forte di quanto si era ipotizzato alla vigilia. E come era forse inevitabile, il nuovo...

Articoli correlati

2 COMMENTI

  1. Per l’Italia troppo alta la soglia di sbarramento al 5%? Perchè mai, di grazia?
    Ci sono alcuni riferimenti apprezzabili e decisamente condivisibili, come prendere esempio dalla Germania, sia per la legge elettorale, come per una legge sui partiti.
    Ma poi l’intervento è troppo generico, non affonda nel concreto di proposte più esaurienti per ciascuna delle questioni trattate.
    Questa vaghezza, a mio avviso, non aiuta più di tanto un dibattito esteso sull’argomento.

  2. Caro Aliso, grazie del commento. In Germania abbiamo la soglia del 5% ed è tema di discussione attualmente perché lo sbarramento è considerato alto. In Italia, dove esiste una forte frammentazione lo sbarramento deve essere certamente superiore al 3%, ma c’è sempre da considerare che il 5% di elettrici ed elettori equivalgono potenzialmente a qualche milione di persone che in teoria restano poi senza rappresentanza. Non è un tabù: ma il consenso è andato per ovvie ragioni diversificandosi e quindi c’è da ragionarci bene su. Detto ciò non il punto centrale, lo è la definizione delle circoscrizioni. Il dibattito è esteso, come dici, e noi abbiamo solo indicato alcune priorità e una direzione. L’articolo su una piattaforma come questa per noi doveva aprire una discussione, non presentare le soluzioni. Per quello ci sono i circoli, le federazioni, l’assemblea e la direzione nazionale. Comunque preparemo anche un documento politico vero e proprio in cui andremo più nello specifico. A presto e grazie.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Attacchi hacker in politica, una guerra sotterranea fatta di bot e intelligenze artificiali

Il primo attacco hacker di stampo politico della storia si verificò in Estonia nel 2007. La mela della discordia fu il Soldato...

La conferenza stampa di Conte e quell’orologio che non segna le 21.30… ed è subito complotto

I contagi aumentano, così come le preoccupazioni. I numeri ogni giorno fanno più paura e l'incubo di un possibile secondo lockdown turba...

Impoliticamente? Moravia, trent’anni dopo

«Per conto mio, l´impegno ossia il cosiddetto engagement non è questione di necessità esterna, per cui, in determinate circostanze, lo scrittore deve cessare di...

“Il futuro dell’arte, della cultura, della società e della mia Toscana”. A colloquio con David Riondino

Le donne e gli uomini di cultura sono coloro che, forse più di altri, sono in grado di percepire lo stato di...

“Il deserto sociale dei nostri ragazzi si combatte con la cultura”. Parla il Pojana, Andrea Pennacchi

"Stasera porto Pojana alla Festa dell'unità". Così scriveva su Twitter, mentre viaggiava da Trento a Modena in questa sua "estate molto movimentata"...