domenica 29 Novembre 2020

Perché la vittoria di Jacinda Ardern in Nuova Zelanda è interessante anche per l’Italia
P

Perché interessarsi alle elezioni politiche in Nuova Zelanda, un paese così lontano da noi e con “soli” cinque milioni di abitanti?

Ci sono un sacco di motivi, in verità.
In primo luogo, la storia è interessante per le modalità con cui si è arrivati a questo risultato.

Jacinda Ardern è la prima premier della storia del suo paese che non avrà bisogno di una coalizione per governare. Ha vinto infatti col 49.7% dei consensi, e in Nuova Zelanda c’è una legge elettorale iper-proporzionale. Solo con una percentuale del genere si può ottenere un risultato simile in termini politici.

Questo successo non è solo merito della sua comunicazione, la cui efficacia ha fatto il giro del mondo, ma è dovuto soprattutto alla sua capacità di gestire i momenti più complicati della sua presidenza.

Dopo la strage suprematista e islamofoba di Christchurch, Ardern decise di manifestare la sua vicinanza alla comunità musulmana coprendosi il capo. Immaginate le reazioni per una cosa del genere in Italia.

La gestione del Covid-19 è stata eccellente: meno di 20 morti, contagi ridottissimi da aprile a oggi. Qualcuno potrebbe dire che gestire una pandemia quando si governa un’isola è più semplice: basta fare un respiro profondo e pensare al Regno Unito per scoprire che non è del tutto vero.

Della biografia di Jacinda si è già detto molto: la più giovane premier della storia, quando fu eletta per la prima volta (ora è Sanna Marin, prima ministra finlandese, a essere la più giovane), la seconda premier nella storia a partorire durante il suo mandato. E la biografia, nella politica contemporanea, paga, soprattutto quando è coerente col messaggio.

Un messaggio che è sempre stato legato al senso di comunità di una nazione: durante il Covid ha parlato più volte della Nuova Zelanda come “una squadra da cinque milioni di persone”.

Empatia e risolutezza insieme: Ardern si autodefinisce un’idealista pragmatica, ed è probabilmente questo il segreto del suo successo.

È vero, la Nuova Zelanda è lontana. È vero: governare una nazione da cinque milioni di persone è forse meno complicato rispetto a guidare gli Stati Uniti. È vero: lo stile di governo di Jacinda Ardern può essere considerato più come un modello che come un mix di regole che funziona di certo in ogni parte del mondo.

Ma è un modello che funziona, e funziona facendo il contrario rispetto a ciò a cui siamo abituati in Italia: niente toni urlati e radicalità nella proposta politica.

Insieme al voto sulle politiche i neozelandesi sono stati chiamati, lo stesso giorno, a esprimere la propria preferenza su temi come l’eutanasia e la legalizzazione della cannabis in altrettanti referendum i cui risultati saranno resi noti a fine mese: due argomenti su cui da noi si discute oramai da decenni, e sempre col terrore di disturbare qualcuno.

Ardern non ha fatto calcoli sui ‘moderati’ o su qualcuno che si sarebbe potuto spaventare. Ha fatto ciò che riteneva fosse giusto fare: ascoltare i cittadini su temi così importanti.

Risultato: 49.7% dei voti.
Let’s keep moving, Jacinda.


Articolo tratto dal blog su Medium di Dino Amenduni

Più letti

Informazione o uniformazione? Anche questo “dipende da noi”

La nostra è stata definita l’era dell’informazione. La prestigiosa associazione internazionale Reporters Sans Frontiers colloca l'Italia nel 2020 al 41esimo posto nella classifica mondiale...

È ora di regolamentare uso e accesso ai dati delle grandi piattaforme digitali

Le piattaforme stanno cambiando il mondo del commercio e la pandemia ha accelerato questo processo di trasformazione che incide sulla vita delle persone, sulle...

L’articolo di Laura Boldrini che Mattia Feltri ha deciso di non pubblicare su HuffPost

C'è ancora tanto da fare. Lo abbiamo scritto e riscritto durante la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ma ogni giorno abbiamo una...

Non siete sole. L’Europa è al fianco delle donne polacche

Dal Parlamento Europeo, con la risoluzione di oggi, arriva un pieno supporto alle migliaia di donne polacche che lottano per il loro diritto all’autodeterminazione. Proprio...

Articoli correlati

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...