venerdì 27 Novembre 2020

Usa 2020, è il giorno dell’attesa e della speranza
U

Sul filo del rasoio. Si contano i voti e si aspettano i risultati della sfida più importante degli ultimi anni. Tutto il mondo è con il fiato sospeso perché le elezioni americane, in qualche modo, riguardano tutti. E un clima di incertezza non fa bene a nessuno. Non fa bene ai mercati (che infatti sono molto cauti) ma non fa bene neanche alla stabilità del Paese.

Non ci resta che aspettare e vedere se la storia americana virerà verso i democratici o se continuerà sulla strada dei repubblicani di Trump. Per avere un risultato certo, forse dovremo aspettare molto. Come ha ricordato il responsabile Esteri del Pd, Emanuele Fiano ad Agora’, su Rai3: “Il risultato si farà aspettare per molti giorni. Bisogna rispettare la democrazia americana e le scelte dei cittadini americani”, ha aggiunto.

Chi è il candidato democratico?

Avvocato, 78 anni da compiere il prossimo 20 novembre, nato in Pennsylvania e di origini irlandesi. A lui sono affidate le speranze di riscatto di chi, quattro anni fa, aveva scommesso tutto su Hillary Clinton. Un profilo moderato, nessuna frenesia di vittoria, nessun lampo agguerrito: il suo soprannome è ‘Sleepy Joe’. Per alcuni ha un profilo molto debole ma probabilmente è solo rassicurante.

Già vicepresidente di Barack Obama fu, nel 1972, il più giovane senatore eletto nel Paese.

La sua vita privata è stata segnata da dolori impronunciabili: proprio quando venne nominato senatore per la prima volta perse la prima moglie e la figlia neonata in un incidente stradale, nel 2016 venne a mancare suo figlio Beau (lutto che lo indusse a rinunciare alla corsa presidenziale di quattro anni fa).

Se diventasse lui presidente, vorrebbe ripartire dall’Obamacare, promuovere controlli stringenti sulle armi per quanto riguarda la sicurezza e ‘benedire’ l’immigrazione come caposaldo della cultura a stelle e strisce, abolendo anche il Travel ban. Insomma, quanto basta per farlo bollare come ‘socialista’ dall’avversario Trump. “Non c’è una singola sillaba che io abbia mai pronunciato che possa portarvi a credere che io sia socialista o comunista”. Il che è un’evidente rassicurazione anche per quello che potrebbe essere il cuore del suo elettorato: la classe media americana. Se Biden venisse eletto, la sua vice sarebbe Kamala Harris, una donna che può fare davvero la differenza.

Più letti

Non siete sole. L’Europa è al fianco delle donne polacche

Dal Parlamento Europeo, con la risoluzione di oggi, arriva un pieno supporto alle migliaia di donne polacche che lottano per il loro diritto all’autodeterminazione. Proprio...

Maradona è morto, lunga vita a Maradona!

“È morto uno di famiglia”. È la frase ricorrente tra le voci raccolte dai Tg per strada a Napoli, dopo che si è saputa...

Il mondo piange Diego Armando Maradona

La notizia della morte di Diego Maradona ha fatto rapidamente il giro del mondo. Perché in tutto il mondo, non solo in Argentina o...

“Contro sessismo e misoginia puntiamo tutto sulla cultura del rispetto”. Parla Laura Boldrini

Un tweet su due, degli oltre cinquecentomila analizzati e destinati al mondo femminile tra marzo e settembre del 2020, conteneva un insulto. È il...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...