giovedì 13 Maggio 2021

La saggezza di Biden ha saputo incontrare la radicalità
L

“Nel blu dipinto dipinto di blu, felice di stare lassù e volavo, volavo felice più in alto…”,  man mano che uno dei colori più belli si stendeva sulla cartina l’ansia lasciava posto al sollievo e il sollievo alla gioia.

Biden è il Presidente più votato coi suoi 75 milioni di voti e il governatore della Liguria si chiederà come sia sfuggito alla sua richiesta di chiudersi in casa per ragioni di età e perché non produttivo. Harris sarà la prima vicepresidente, più donne elette.

Poi il pensiero va alla guerriglia minacciosa di Trump, ai rischi di un Senato a maggioranza repubblicana, a una Corte Suprema conservatrice o alle insidie del percorso antecedente al giuramento il 20 gennaio. Ma “zio” Joe ha vinto e con lui Kamala. Non credo in sondaggi perfetti e a me il suo consenso sembra una cosa enorme perché la destra c’è e insidiosissima quando crisi,  impoverimenti e solitudini picchiano fino a fare male ai sentimenti e rendono appetibile ciò che l’altra parte giudica come un incubo.

Due opposti, Biden e Trump, nel messaggio, nella postura, nel linguaggio.  L’uno inclusivo, calmo, a tratti timido. L’altro machista, aggressivo, armato, con pistole e fucili stravenduti negli States in questi ultimi mesi. Due visioni a partire dal rispetto per le donne che è  la premessa della dignità di ogni persona. Due idee di Europa, per i democratici da salvaguardare e per lo sconfitto da dividere e farne campo di battaglia per aiutare  nazionalismi e despoti. Per qualche tempo si sentiranno più soli i Bolsonaro, gli Orban, i Kaczynski e lo stesso Putin.

La destra nostrana sarà più sbussolata e senza riferimenti proponibili. E forse uno spiraglio lo avranno i popoli in lotta per la libertà, chi come in Bielorussia non chiede ingerenze ma l’attenzione delle Nazioni Unite e dell’Europa perché la repressione, il carcere e le torture abbiano fine.

Non sono un’esperta o una studiosa. Partecipo e tifo come tanti di noi. Si sa, non va sottovalutato l’esito ottenuto dal l’ex (e lo ripeto l’ex) Presidente superiore alle precedenti elezioni. La destra, nei suoi vari volti, ha una ideologia, Dio, Patria, Famiglia, Nemico e l’Io del capo.

Per il nuovo inquilino della Casa Bianca non sarà tutto facile perché è un’impresa unire il paese quando per anni il seme gettato è stato di muri, di ammiccamento a suprematista e razzisti. E’ stato di disprezzo per la scienza e di negazionismo persino su Covit 19 al punto che un flash può raccontare l’intero film: i raduni  senza mascherina a indicare una parte  e dall’altra  gli incontri distanziati con mascherina.

Eppure anche fra i senza mascherina ci sono lavoratori, famiglie. C’è molto da meditare sul destino della democrazia e il tentativo in agguato di una possibile “egemonia” di teorie illiberali quando i bisogni veri non trovano risposta nella riduzione delle diseguaglianze e  quando una cultura democratica non sa rinnovarsi con gli esempi e la dovuta coerenza.

Tutto questo riguarda l’Europa e riguarda casa nostra. La pandemia morde, i disagi e le sofferenze crescono. I lockdown rossi, arancioni, gialli riducono la partecipazione conosciuta, ma  socialità e  comunità restano un bene prezioso da reinventare nel dentro-fuori dell’inverno, una stagione che non consente il rimpallo di responsabilità  tra Stato e Regioni perché in mezzo ci sono città e coscienze.

Le elezioni d’oltreoceano sono molto affare nostro. Ora l’Occidente, i democratici e la sinistra potranno essere più credibili nell’immaginare un Illuminismo per tutti,  una laicità del dialogo interreligioso mentre il terrorismo colpisce. Nella storia la democrazia è una bella grande parentesi tra secoli. Per prolungarla proprio le ragazze e i ragazzi dovranno  restituirle il senso profondo che  musiche, vicende e testimoni trasmettono.

Anche Biden non ha vinto da solo. E’ servita l’onda dei cortei  e dell’attivismo delle donne di MeToo, dei giovani del TikTok, delle piazze antirazziste per George Floyd di un popolo largo e umiliato che ha detto basta. La saggezza vera sa incontrare la radicalità e dare un’anima e un corpo all’insieme.

Più letti

Ceramica, un’eccellenza italiana da difendere

E' una delle eccellenze italiane che il mondo ci riconosce. Parliamo di botteghe, di arte, di innovazione, creatività e mercato. Parliamo in poche parole...

Accade in città. Con Francesco Boccia

Il punto sul voto amministrativo di ottobre nelle città con il responsabile Enti locali del Pd, Francesco Boccia. Conduce Cristiano Bucchi

Covid-19, tra mito e realtà. Parla Aldo Morrone

A Ora di Punta parliamo del volume di Aldo Morrone 'Covid-19, tra miti e realtà. Lui e ombre della pandemia che ha travolto il...

Un giusto indennizzo per le vittime di terrorismo. Parla Andrea De Maria

In questa puntata di Contemporanea ci occupiamo di un tema che, al solo evocarlo, provoca emozione in ciascuno di noi. Stiamo parlando del terrorismo, da...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista, di...

Il weekend di Radio Immagina. Politica, Europa, ambiente e innovazione: tutti i podcast

Una programmazione speciale, in onda su tutti i nostri canali radiofonici il sabato dalle 17 e la domenica dalle 8,30. Si comincia con L’Intervista,...

L’incredibile viaggio della casa di Rosa Parks

  Una storia che ha dell'incredibile, che parte dall'America segregazionista degli anni '50 per arrivare qualche mese fa in Italia, e in particolare a Napoli. Protagonisti...