venerdì 27 Novembre 2020

Redistribuire il lavoro, ora si può
R

Le stime ci dicono di molte persone che in Italia perderanno il lavoro e di altre che non lo potranno trovare, a causa degli effetti della pandemia. Ci vorrà tempo per ripartire, ma le aziende saranno chiamate subito a incrementi di produttività per sopravvivere, con probabili effetti negativi sull’occupazione, almeno nel breve periodo. Senza dimenticare gli effetti derivanti dall’irreversibile sviluppo del telelavoro.

Il Governo e il Parlamento stanno facendo l’impossibile, anche per costruire le condizioni per la ripartenza. Servono tuttavia anche politiche che possano allargare la base occupazionale a tempo indeterminato, a parità di ore di lavoro complessivamente svolte in Italia. In questa prospettiva, ho recentemente avanzato una proposta di legge (la n. 2327, Camera dei Deputati) che indica disposizioni per redistribuire il lavoro. Tra le diverse misure, c’è quella che prevede una riduzione degli oneri contributivi sulle prime trenta ore settimanali per i nuovi contratti a tempo indeterminato.

Poiché nella Legge di Bilancio sembra probabile una fiscalizzazione degli oneri contributivi per le assunzioni a tempo indeterminato degli under 35, ecco dunque la proposta: si applichi il taglio al cento per cento, per tre anni, solo per le nuove assunzioni non superiori a trenta ore settimanali e non inferiori a venti. Le assunzioni a tempo pieno avrebbero invece un taglio dimezzato. In questo modo – senza vincolare le scelte degli imprenditori – si perseguirebbe l’occupazione dei giovani in modo stabile, ma anche l’obiettivo di aumentarne il numero.

Dall’incentivo così rimodulato, si potrebbe ottenere fino a un sesto di giovani occupati in più. Dopo i tre anni, i datori di lavoro (a ripresa economica avvenuta) potrebbero valutare di aumentare le ore settimanali. Sarebbe una proposta che non costa più di quanto oggi già previsto, che non intacca la competitività delle imprese e dignitosa per i lavoratori.

Più letti

Non siete sole. L’Europa è al fianco delle donne polacche

Dal Parlamento Europeo, con la risoluzione di oggi, arriva un pieno supporto alle migliaia di donne polacche che lottano per il loro diritto all’autodeterminazione. Proprio...

Maradona è morto, lunga vita a Maradona!

“È morto uno di famiglia”. È la frase ricorrente tra le voci raccolte dai Tg per strada a Napoli, dopo che si è saputa...

Il mondo piange Diego Armando Maradona

La notizia della morte di Diego Maradona ha fatto rapidamente il giro del mondo. Perché in tutto il mondo, non solo in Argentina o...

“Contro sessismo e misoginia puntiamo tutto sulla cultura del rispetto”. Parla Laura Boldrini

Un tweet su due, degli oltre cinquecentomila analizzati e destinati al mondo femminile tra marzo e settembre del 2020, conteneva un insulto. È il...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...