venerdì 27 Novembre 2020

Un welfare dello spettacolo, perché il sipario si rialzerà
U

Teatri e cinema chiusi. I palchi dei locali vuoti, le luci spente. Le piazze e le strade silenziose. L’emergenza sanitaria ha costretto il governo a fermare di nuovo un intero settore culturale ed economico, quello dello spettacolo dal vivo, che già ha sofferto terribilmente le limitazioni alla socialità. E dietro questo vuoto e questo silenzio c’erano e ci sono delle persone.

Lavoratrici e lavoratori. Artisti, tecnici e autori del settore audiovisivo e dello spettacolo dal vivo sono stati tra i lavoratori più colpiti dalle misure di prevenzione del contagio, primi a fermarsi, ultimi a riprendere e adesso di nuovo bloccati da questo virus che ci costringe alla lontananza e a rinunciare all’arte e alla cultura.

Per loro, in questi mesi abbiamo cercato di costruire una risposta. In collaborazione con le forze sindacali e associative, ascoltando le assemblee e le proteste immobili nelle piazze, e con l’aiuto di un’indagine conoscitiva promossa in Parlamento, abbiamo scritto a più mani una proposta di legge, che presentiamo nell’urgenza dell’oggi per affrontare problemi antichi.

Per mettere ordine nel disordine, perché i deficit e la confusione nelle regole di questo settore non nascono con il Covid. Si tratta di un sistema che già non garantiva diritti e tutele adeguate per i lavoratori dello spettacolo, e che nel 2020 è letteralmente imploso. Parliamo di professioni frammentate, precarie, intrinsecamente discontinue e legate alla stagionalità degli eventi, fortemente connotate da contratti atipici.

Ce lo raccontava, già qualche anno fa, la ricerca “Vita da artisti”, realizzata dalla Fondazione Giuseppe Di Vittorio, su quali fossero le problematiche burocratiche, reddituali e di mancate tutele a cui andavano incontro i lavoratori dello spettacolo.

Eppure sappiamo che la ricchezza generata dalla cultura va oltre il valore economico, produce un benessere immateriale indispensabile. La cultura fa la differenza fra civiltà e civiltà, fra egoismo e mobilitazione per la solidarietà. Mai come quest’anno ce ne siamo resi conto. Non possiamo allora lasciare senza tutele chi lavora in prima linea per questo tesoro comune.

La proposta di legge Gribaudo-Carbonaro per la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori dello spettacolo vuole sostenere l’arte e lo spettacolo dal vivo andando a creare le condizioni per dare vera sicurezza sociale per questi lavoratori. Potenziamo le tutele per la malattia, ampliamo le possibilità di tutela contributiva, diamo delle certezze nell’assicurazione contro la disoccupazione.

Creiamo uno strumento nuovo, di sostegno e riconoscimento di questi professionisti, che unisce tutela del reddito e qualità della formazione continua. Puntiamo sulla semplificazione amministrativa e fiscale, favorendo l’emersione del lavoro sommerso e lo sviluppo di una riconoscibilità sociale del lavoro nel mondo dello spettacolo.

Lo facciamo con l’intenzione di dare inizio ad una vera e propria rivoluzione per le politiche di welfare del settore, verso quell’universalità di tutele e degli ammortizzatori sociali che abbiamo iniziato a costruire nella scorsa legislatura, con la NASPI, la DISCOLL e lo Statuto dei lavoratori autonomi.

Anche questa emergenza finirà, e si riaprirà il sipario sullo spettacolo dal vivo che anima ogni angolo d’Italia. Ma abbiamo imparato che chi ci lavora non può essere lasciato solo, abbiamo imparato che senza di loro ci sentiamo tutti più soli. Ai professionisti dello spettacolo serve una protezione sociale vera, perché il loro lavoro non è una finzione e i loro diritti devono essere realtà.

Chiaro Gribaudo è vice presidente dei deputati del Partito Democratico e prima firmataria della proposta di Legge sullo spettacolo 

Più letti

Non siete sole. L’Europa è al fianco delle donne polacche

Dal Parlamento Europeo, con la risoluzione di oggi, arriva un pieno supporto alle migliaia di donne polacche che lottano per il loro diritto all’autodeterminazione. Proprio...

Maradona è morto, lunga vita a Maradona!

“È morto uno di famiglia”. È la frase ricorrente tra le voci raccolte dai Tg per strada a Napoli, dopo che si è saputa...

Il mondo piange Diego Armando Maradona

La notizia della morte di Diego Maradona ha fatto rapidamente il giro del mondo. Perché in tutto il mondo, non solo in Argentina o...

“Contro sessismo e misoginia puntiamo tutto sulla cultura del rispetto”. Parla Laura Boldrini

Un tweet su due, degli oltre cinquecentomila analizzati e destinati al mondo femminile tra marzo e settembre del 2020, conteneva un insulto. È il...

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci il tuo nome

Magazine

Non dipende da lei. Dipende da Noi

C'è un'enorme questione maschile che ci impedisce di vedere. Che ci impedisce di capire che il problema non è il rapporto tra le donne e...

Il primo antidoto contro la violenza è la parità in tutti i settori

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Layen ha più volte affermato che "la parità di genere è un principio fondamentale dell'Unione Europea,...

“Essere complottista è facile, ti semplifica la vita. Ecco perché è così complicato uscirne”. Parla Emilio Mola

Assalti alle autoambulanze e video girati negli ospedali per testimoniare che "non ce n'è coviddi" ma anche la setta digitale QAnon e le teorie...

Noi, la generazione che ha vissuto il post terremoto del 1980

“…è accaduto il 23 novembre 1980: novanta interminabili secondi di movimento sussultorio e ondulatorio, intensità dieci nella scala Mercalli. Un flash di apocalisse anticipata....

L’uso politico dell’architettura nella Turchia di Erdogan

«A quel tempo nessuno poteva immaginare quello che sarebbe successo, né i pescatori, né i marinai, nel gente di Kumkapı. Io stesso non avrei...